Infezione da citomegalovirus: cosa bisogna sapere

L'infezione da citomegalovirus non colpisce gli adulti sani. Tuttavia, può causare problemi nei neonati e nelle persone affette da HIV.
Infezione da citomegalovirus: cosa bisogna sapere

Ultimo aggiornamento: 27 ottobre, 2022

Il citomegalovirus è un virus appartenente alla famiglia degli herpes che ha la capacità di infettare chiunque. L’infezione da citomegalovirus è più grave nei neonati e nei pazienti immunocompromessi.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), più della metà degli adulti sulla quarantina è infetta dal virus. Fortunatamente, nella maggior parte dei casi si tratta di una patologia autolimitante, che di solito scompare senza bisogno di cure.

Tipi di citomegalovirus

L’infezione da citomegalovirus può manifestarsi in diversi modi:

  • Citomegalovirus congenito: compare nei neonati e si trasmette dalla madre al feto durante la gravidanza. Questo è un modo pericoloso.
  • Citomegalovirus primario: compare quando una persona acquisisce il virus per la prima volta. L’infezione ha molteplici forme di presentazione e può essere asintomatica o addirittura assomigliare alla mononucleosi.
  • Riattivazione del citomegalovirus: il virus è in grado di rimanere latente. In questo senso, la riattivazione avviene in persone che hanno già sofferto della malattia e hanno un sistema immunitario depresso.
Virus della mononucleosi.
La mononucleosi è causata dal virus di Epstein-Barr. Tuttavia, il citomegalovirus è in grado di generare un quadro simile.

Sintomi di infezione da citomegalovirus

L’infezione da citomegalovirus può generare molteplici manifestazioni cliniche. In effetti, uno studio pubblicato sulla rivista Microbiology Spectrum mostra che lo spettro può variare da una forma asintomatica a una malattia grave nei pazienti immunocompromessi.

La malattia di solito si manifesta senza alcun sintomo apparente nelle persone sane. In questo modo alcuni lo contraggono e non se ne accorgono nemmeno.

Da parte loro, altri sviluppano sintomi lievi:

Le persone immunocompromesse sviluppano una forma più grave della malattia. Diversi organi possono essere colpiti, come la retina, il cervello, il tubo digerente, i polmoni o il fegato. Ci sono molti sintomi diversi, come i seguenti:

  • Visione offuscata, persino cecità.
  • Difficoltà a deglutire.
  • Perdita di peso.
  • Stato confusionale.
  • Diarrea.

I sintomi nei bambini

I sintomi dell’infezione congenita da citomegalovirus sono molto diversi da quelli degli adulti. Tra le manifestazioni cliniche più comuni spiccano:

  • Macchie viola sulla pelle.
  • Nascita prematura.
  • Basso peso alla nascita.
  • Epatomegalia.
  • Convulsioni.
  • Microcefalia.
  • Polmonite.
  • Ittero.

Forme di trasmissione

Chiunque abbia un’infezione attiva è in grado di trasmettere la malattia. Il virus si trova in diversi fluidi corporei, soprattutto nel sangue, da dove è in grado di colpire gli organi.

Anche altri fluidi corporei sono infettati dal virus. Questi includono saliva, urina, latte materno e lacrime. Anche lo sperma e le secrezioni vaginali hanno una carica virale.

In questo modo, il virus può essere trasmesso da persona a persona. Alcune delle forme più comuni di trasmissione sono le seguenti:

  • Bere latte materno infetto.
  • Avere un contatto sessuale con una persona infetta.
  • Toccare gli occhi o la bocca dopo il contatto con liquidi infetti.
  • Organi infetti, midollo osseo o trapianti di sangue.
  • Trasmissione da madre a bambino durante il parto.

Diagnosi

La diagnosi di infezione da citomegalovirus viene effettuata attraverso l’anamnesi e l’esame obiettivo. Lo specialista indagherà sull’aspetto e sull’evoluzione dei sintomi. Inoltre, eseguirà un esame fisico incentrato sull’addome per rilevare i cambiamenti nel fegato o nella milza.

Gli esami del sangue e delle urine consentiranno di rilevare il virus e quindi di diagnosticare definitivamente l’infezione. Idealmente, eseguire un test PCR sui fluidi. Tuttavia, anche il rilevamento degli anticorpi e l’esecuzione delle colture sono efficaci.

Gli specialisti possono ordinare ulteriori test per valutare il danno d’organo. È possibile ordinare il fondo oculare, biopsie o scansioni TC. Le donne in gravidanza con un’infezione attiva dovranno sottoporsi al test del liquido amniotico.

Trattamento dell’infezione da citomegalovirus

In generale, le persone sane non richiedono alcun tipo di trattamento. Questo perché il corpo è in grado di controllare l’infezione da solo dopo 4-6 settimane.

L’approccio farmacologico all’infezione da citomegalovirus è raccomandato solo nei neonati e nei pazienti immunocompromessi. Tuttavia, il tipo di trattamento dipenderà dai sintomi presentati e dalla gravità della condizione.

Gli antivirali sono i farmaci più prescritti. Questi composti sono in grado di ritardare la replicazione virale, sebbene non eliminino il virus stesso.

Analgesici e antipiretici aiutano ad alleviare i sintomi.

Antiretrovirali per l'infezione da citomegalovirus.
I farmaci non sono sempre necessari per guarire dall’infezione. La maggior parte dei casi è asintomatica.

Possibili complicazioni

Le complicanze dell’infezione da citomegalovirus sono molto variabili e dipenderanno dallo stato di salute della persona, nonché dalla gravità della condizione. La complicanza più frequente è l’infezione alla gola, tuttavia possono comparire anche le seguenti:

L’infezione da citomegalovirus ha una buona prognosi

Fortunatamente, l’infezione da citomegalovirus ha una buona prognosi nella maggior parte dei casi. I sintomi di solito scompaiono entro poche settimane e i farmaci controllano la replicazione virale.

Tuttavia, è sempre importante prestare attenzione alle donne in gravidanza, ai neonati e alle persone con un sistema immunitario compromesso. In questi casi, si consiglia di recarsi dal medico il prima possibile per iniziare l’approccio appropriato.

Potrebbe interessarti ...
Infezione da Naegleria fowleri: ameba mangiacervello
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Infezione da Naegleria fowleri: ameba mangiacervello

La Naegleria fowleri è un'infezione molto rara che colpisce il sistema nervoso nutrendosi dei neuroni e provocando la morte.



  • Dioverti MV, Razonable RR. Cytomegalovirus. Microbiol Spectr. 2016 Aug;4(4).
  • Griffiths P, Baraniak I, Reeves M. The pathogenesis of human cytomegalovirus. J Pathol. 2015 Jan;235(2):288-97.
  • Davis NL, King CC, Kourtis AP. Cytomegalovirus infection in pregnancy. Birth Defects Res. 2017 Mar 15;109(5):336-346.
  • Hasing ME, Pang XL, Mabilangan C, Preiksaitis JK. Donor Cytomegalovirus Transmission Patterns in Solid Organ Transplant Recipients With Primary Infection. J Infect Dis. 2021 Mar 3;223(5):827-837.
  • Ross SA, Kimberlin D. Clinical outcome and the role of antivirals in congenital cytomegalovirus infection. Antiviral Res. 2021 Jul;191:105083.
  • Mosca F, Pugni L, Barbi M, Binda S. Transmission of cytomegalovirus. Lancet. 2001 Jun 2;357(9270):1800.