Le migliori piante medicinali e utilizzi

7 Febbraio 2020
Dalla capacità di calmare la nausea fino a quella di ridurre i sintomi dello stress, sono diverse le varietà delle piante dagli effetti terapeutici. Oggi vi parliamo di 15 piante particolarmente benefiche.

Sono molte le piante a nostra disposizione e che possiamo utilizzare per ottenere sollievo da disturbi e lievi fastidi quotidiani. A seguire, presentiamo le migliori piante medicinali e i loro impieghi. Sono diverse le piante a nostra disposizione per affrontare diverse situazioni, tra cui ottenere sollievo da nausea, ansia e stress.

Ricordate solo che prima di utilizzare una qualsiasi di queste erbe medicinali, dovete consultare il vostro medico e seguire le sue indicazioni. È importante, infatti, rivolgersi a uno specialista, soprattutto se state assumendo dei farmaci, in modo da evitare interferenze nella terapia.

Le migliori piante medicinali

Le migliori piante medicinali
La varietà di piante medicinali che possiamo utilizzare quotidianamente è molto vasta.

1. Cohosh nero

Si tratta di un’alternativa naturale ai farmaci a base di ormoni per calmare i sintomi della menopausa: vampate di calore, sudorazione notturna, sbalzi di umore, secchezza vaginale e palpitazioni. Il cohosh nero aiuta anche ad alleviare il dolore associato alla sindrome premestruale.

2. Patata dolce selvatica

Ripristina l’equilibrio ormonale e dona sollievo dalle nausee mattutine. Si ritiene anche che la patata selvatica favorisca la fertilità femminile. Eppure, secondo la American Cancer Society la patata selvatica da sola non stimola la produzione di progesterone e, pertanto, non ha alcun effetto sulla fertilità.

Potrebbe interessarvi anche: Le 6 cause di infertilità più comuni nelle donne

3. Coda di leone

La coda di leone viene solitamente impiegata in quanto rimedio contro ansia e insonnia, e questo perché agisce da calmante. Allo tempo stesso, è un buon antiaritmico e riduce tachicardia e palpitazioni. Oltretutto, viene utilizzato in caso di anomalie ritmiche di origine nervosa e funge da coadiuvante nei casi di ipertiroidismo.

4. Salvia, una tra le migliori piante medicinali

Pianta di salvia
Tra le migliori piante medicinali c’è la salvia, che rafforza le abilità cognitive quali concentrazione e memoria.

Favorisce la digestione, calma l’asma, le infezioni batteriche e micotiche. L’olio essenziale di salvia migliora la concentrazione e può rivestire un ruolo importante nel quadro del trattamento contro la perdita di memoria associata al morbo di Alzheimer. È utile anche in caso di:

  • Punture di zanzare.
  • Calmare e stimolare il sistema nervoso.
  • Donare sollievo da tosse e raffreddore.

5. Verbena azzurra, tra le migliori piante medicinali

Si tratta di una pianta medicinale che funge da calmante contro il dolore e da sedativo naturale. Inoltre è un espettorante utilizzato per trattare la bronchite cronica e un antireumatico per calmare il dolore articolare.

6. Ginseng: dall’oriente una tra le migliori piante medicinali

Il Ginseng viene utilizzato in quanto tonico generico dagli erbolai occidentali moderni, così come dalla medicina tradizionale cinese. Si ritiene in grado di stimolare e rafforzare il sistema nervoso centrale in caso di affaticamento, sforzo fisico e debolezza da malattie e lesioni, ma anche in caso di prolungato stress emotivo.

L’affinità tra ginseng e sistema nervoso e la capacità di questa pianta di favorire il rilassamento la rendono utile in caso di condizioni associate allo stress, come l’insonnia e l’ansia.

7. Schisandra

Impiegata per prevenire l’invecchiamento precoce, per regolare i livelli di zuccheri nel sangue e la pressione sanguigna. Un’altra applicazione possibile è associata alla stimolazione del sistema immunitario e al contribuito che dona durante la convalescenza che segue a un intervento chirurgico.

Potrebbe interessarvi anche leggere: Invecchiamento precoce: come combatterlo?

8. Biancospino

Il biancospino
Il biancospino esercita un effetto rilassante sull’apparato cardiovascolare, per cui è una delle migliori piante medicinali per calmare stress e disturbi del cuore.

Il biancospino viene utilizzato in caso di malattie cardiache e dei vasi sanguigni, come:

  • Insufficienza cardiaca congenita.
  • Fitte al petto.
  • Aritmie cardiache.

Viene impiegato nel trattamento degli sbalzi di pressione, nell’ateriosclerosi e in caso di colesterolo alto. Grazie ai suoi effetti sul sistema cardiovascolare viene utilizzata insieme ad altre piante per calmare i sintomi associati a stress e nervosismo.

9. Dente di leone (o tarassaco)

Il dente di leone è utile per stimolare la diuresi, e questo grazie ai suoi effetti diuretici e depurativi, così come quelli lassativi, tra gli effetti sull’organismo.

10. Agnocasto

Adatto in caso di irregolarità mestruali, di sindrome premestruale e di sintomi della menopausa. Può anche essere utilizzato per ottenere sollievo dai sintomi respiratori della fibrosi cistica, per prevenire l’aborto spontaneo nelle donne con bassi livelli di progesterone e per stimolare la produzione di latte materno.

11. La liquirizia è tra le migliori piante medicinali

Alcune persone fanno uso di questa pianta medicinale per calmare il mal di gola, la bronchite, la tosse e le infezioni causate da batteri o virus. La liquirizia può essere consumata anche nel quadro di un trattamento farmacologico come quello contro l’artrite, il lupus eritematoso sistemico e i disturbi del fegato, ad esempio.

12. Zenzero

Le migliori piante medicinali
Lo zenzero è da sempre utilizzato dalla medicina tradizionale, che lo considera una delle migliori piante medicinali.

Lo zenzero viene comunemente utilizzato nel trattamento di diversi disturbi gastrici, tra i quali nausea, coliche, mal di stomaco e vomito post-intervento.

13. Ortica

La radice di ortica è utile in caso di malattie articolari, in quanto diuretico e pianta astringente. La parte superiore viene utilizzata insieme a grandi quantitativi di liquidi per preparare lavande in caso di infezioni o infiammazioni del tratto urinario e di calcoli renali. La parte volatile viene utilizzata in caso di allergia, febbre da fieno e artrite.

Questa pianta aiuta anche a lenire il prurito e regola la produzione del sebo. Sono infatti numerosi i prodotti contro l’acne o la dermatite seborroica che la includono nella propria composizione

14. Erba stella

Questa e altre specie sono tra le piante medicinali più utilizzate dalla medicina tradizionale in tutta  l’Europa. L’erba stella aiuta a donare sollievo dai dolori mestruali e dall’eccessivo sanguinamento. Inoltre, svolge un ruolo importante per quanto riguarda i sintomi della menopausa.

15. Foglie di lampone

Foglie di lampone
Le foglie di lampone rilasciano effetti positivi sulla digestione. Per questo vengono impiegate in caso di diarrea e disturbi digestivi.

Le foglie di lampone rosso vengono impiegate in caso di disturbi del tratto gastrointestinale, tra i quali la diarrea. Contengono anche proprietà utili contro i disturbi dell’apparato respiratorio, come febbre e raffreddore. Ma vengono impiegate anche per stimolare la sudorazione, la diuresi e la produzione di bile. Altri usi riguardano:

  • Problemi di cuore.
  • Febbre.
  • Diabete.
  • Carenza di vitamine.

Come abbiamo visto all’inizio di questo articolo, bisogna sempre rivolgersi al proprio medico o al farmacista prima di iniziare un trattamento a base di una di queste piante medicinali. Si tratta, infatti, di semplici integratori nel quadro di una terapia già prescritta dallo specialista.

  • Rodríguez, F. M. (2007). Revista Cubana de Plantas Medicinales: Editorial. Revista Cubana de Plantas Medicinales. https://doi.org/10.1007/s001250051442
  • Hernandez, A. Q. (2008). Las plantas medicinales. Revista Biocenosis.
  • Hernandez, H. (2010). Pequeño manual de Plantas Medicinales. Huerto Medicinal.
  • Madridejos Mora, R., & Amado Guirado, E. (2008). Hierbas medicinales. FMC – Formación Médica Continuada en Atención Primaria. https://doi.org/10.1017/CBO9781107415324.004