Le posizioni sessuali più pericolose per il pene

1 Giugno 2020
Durante il sesso, alcune posizioni possono rappresentare un rischio per il pene, soprattutto se i movimenti sono vigorosi o poco controllati.

Uno dei grandi timori dell’uomo è la lesione del pene. Siete curiosi di conoscere le posizioni sessuali più pericolose in tal senso, ossia quelle più legate a traumi del pene che obbligano ad andare in ospedale?

Per fortuna, queste situazioni non sono frequenti genera senz’altro preoccupazione e imbarazzo. In alcuni casi ciò ritarda e ostacola l’assistenza medica che è invece fondamentale per un recupero veloce e completo dell’attività sessuale. Continuate a leggere!

Le posizioni sessuali più rischiose per il pene

La relazione tra lesioni del pene e posizioni a letto si deve al fatto che nella maggior parte dei casi le fratture si verificano quando il pene è eretto. La diagnosi viene eseguita con l’anamnesi e l’esame clinico, tuttavia sono tre i sintomi comuni di frattura: rumore secco, dolore e perdita dell’erezione.

Nei casi più gravi è presente anche una lesione uretrale. Questa si identifica mediante sintomi come il sanguinamento e l’incapacità di urinare. Una lesione di questo tipo si verifica in più di un terzo dei casi e richiede attenzione medica immediata.

Vediamo a seguire quali sono le posizioni sessuali più pericolose per il pene. Conoscere i rischi aiuta a prevenirli e a capire quando è necessario correre al pronto soccorso.

1. La donna sta sopra

Posizioni a letto, lei sopra
Quando la donna è seduta sull’uomo, il rischio di lesione è dovuto a un minore controllo dei movimenti da parte dell’uomo.

Una ricerca condotta in Brasile nel 2014 ha rivelato che la posizione dell’amazzone è la causa più frequente di frattura del pene. Si tratta di una lesione molto dolorosa che richiede di intervenire chirurgicamente, dunque è importante prevenirla.

Il rischio collegato a questa posizione si deve al fatto che è la donna a controllare i movimenti. Senza rendersene conto, potrebbe appoggiare l’intero peso del corpo sul pene eretto nel momento in cui esce dalla vagina. 

Lo stesso studio cita un’altra posizione, quella da dietro, al secondo posto in quanto a rischio di lesione del pene. Altre fonti le assegnano invece il primo posto nella classifica della pericolosità.

Potrebbe interessarvi anche: Uomini: le 5 posizioni sessuali consigliate

2. Posizione da dietro

Uno studio del 2017 indica invece questa posizione (donna a carponi, uomo dietro) non solo come la più rischiosa, ma addirittura quella che può causare le lesioni più gravi. Viene segnalata come motivo di metà dei casi di lesione.

Il rischio di questa posizione, in cui è l’uomo a dominare la situazione, è legato all’alto grado di eccitazione e intensità della penetrazione. Il pene, uscendo dalla vagina, potrebbe colpire con forza il perineo o la sinfisi pubica.

Per lo stesso motivo lo studio cita anche la posizione del missionario (uomo sopra) come rischiosa. Un piccolo accorgimento per evitare lesioni è afferrare i fianchi della partner in modo da controllare meglio i movimenti.

Leggete anche: Fimosi del pene: cos’è e cosa fare?

Posizioni sessuali più rischiose per il pene: altre cause

Uomo regge cartellino con scritto SOS
La masturbazione, i movimenti durante il sonno e altre manipolazioni sono stati riportati come ulteriori cause di frattura del pene.

Qualunque posizione a letto può causare una frattura del pene se i movimenti sono molto vigorosi. Durante il rapporto è possibile che l’uomo perda il controllo della penetrazione, arrivando a premere il pene contro una parte del corpo o un oggetto.

La lesione del pene, tuttavia, può avere altre cause. Negli studi citati, alcuni pazienti hanno indicato come causa la masturbazione o altri tipi di manipolazione del membro. In altri casi era dovuta a un movimento compiuto a letto durante il sonno mentre il pene era eretto.

Infine, sono stati segnalati anche casi in cui l’uomo si è lesionato facendo pressione sul pene con forza, nel tentativo di introdurlo nei vestiti durante l’erezione. Questo potrebbe essere legato a questioni emotive, religiose, etc.

È importante ricordare che, in caso di lesione del pene occorre recarsi il prima possibile al pronto soccorso, soprattutto quando si avverte dolore intenso o un rumore di rottura. Così facendo si eviteranno complicazioni più serie.

  • Reis, L. O., Cartapatti, M., Marmiroli, R., Oliveira Júnior, E. J. De, Saade, R. D., & Fregonesi, A. (2014). Mechanisms predisposing penile fracture and long-term outcomes on erectile and voiding functions. Advances in Urology. https://doi.org/10.1155/2014/768158
  • Barros, R., Schulze, L., Ornellas, A. A., Koifman, L., & Favorito, L. A. (2017). Relationship between sexual position and severity of penile fracture. International Journal of Impotence Research. https://doi.org/10.1038/ijir.2017.24
  • Kara, N., Morel Journel, N., Ruffion, A., & Terrier, J. E. (2015). Management of penile fracture. Progres En Urologie – FMC. https://doi.org/10.1016/j.fpurol.2015.06.004