Le riflessioni di Steve Jobs sulla vita

2 maggio 2016
Il denaro non è tutto, non può comprare né l'amore né la salute. Steve Jobs ha riflettuto su ciò prima di morire e, anche se è difficile dimostrare che le parole che gli si attribuiscono siano davvero sue, invitano comunque a pensare.

Da un po’ di tempo a questa parte, ha preso a circolare in rete una notizia su Steve Jobs che, nonostante non sia stata confermata, ci invita a riflettere. Si tratta di un articolo in cui vengono citate quelle che dovrebbero essere le ultime parole del celebre cofondatore di Apple.

Non è possibile dimostrare che Steve Jobs le abbia pronunciate davvero, ma il modo in cui ha condotto gran parte della sua vita e in cui ha affrontato i suoi ultimi giorni ci invita a tenere conto di una serie di ide.

Oggi sul nostro Blog vogliamo trasmettere questo messaggio perché, nonostante il successo che si possa raggiungere nella vita e le ricchezze accumulate, ci sono alcune priorità che non dovremmo mai mettere da parte.

Il successo non è sinonimo di felicità

Se quelle che dovrebbero essere le ultime riflessioni di Steve Jobs sono diventate un fenomeno virale, si deve probabilmente anche all’uscita del film sulla sua vita, una produzione particolarmente encomiata diretta da Danny Boyle, in cui, se c’è una cosa che si lascia intendere, è che Jobs non sia stata una persona troppo felice.

Vi consigliamo di leggere: L’amore sta nei piccoli dettagli

  • Avere successo professionale nella vita non sempre è sinonimo di felicità. A volte pensiamo che aspetti quali il riconoscimento, il denaro e la fama, siano i pilastri per godere di una vita piena, ma in realtà non è così.
  • Nonostante non si sappia per certo se Steve Jobs fece tali riflessioni nei suoi ultimi giorni, quando il cancro lo stava uccidendo, chi gli stava vicino ha comunque confermato che si era pentito amaramente di non aver dato priorità ad altre cose nella vita.
  • La ricchezza è un bel vestito che ci compiace e che ci permette di condurre una vita facile. Tuttavia, il denaro non edifica il cuore, non offre autentica compagnia, non dona il calore degli abbracci né l’amore di cui ogni persona ha bisogno.

Solo chi è abbastanza folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero.”

-Steve Jobs-

Jobs da giovane

L’amore è la cosa più importante

Steve Jobs ha raggiunto la cima in quanto a fama e ricchezza, è diventato un esempio di successo in tutto il mondo.

È stato un uomo dalla potente intuizione che è riuscito a offrire al mondo una cosa che oggi a noi tutti è indispensabile: la tecnologia.

Il suo impero, prima con i Mackintosh, poi con la creazione della potente fabbrica dei sogni Pixar e, infine, con Apple, il suo marchio di eccellenza, è riuscito a rivoluzionare il mondo per come lo conoscevamo un tempo.

Tutti sognavano di avere l’ultimo telefono, tablet o IPod che Steve Jobs ci presentava.

Leggete anche: Sveglia il gigante che c’è in te

Ebbene, una cosa di cui certamente lui stesso si è reso conto, esattamente come ogni altra persona che ha raggiunto la fama, è che nulla di tutto ciò ha senso se non viene condiviso, se si torna a casa e non si trova nessuno che ci ami e da amare.

  • L’amore è il maggior trionfo personale dell’essere umano, è il maggior atto di grandezza e di reciprocità da cui non dovremmo mai prescindere.
  • Non c’è nulla di male nel sognare la fama e la ricchezza. Anzi, ogni giorno dovremmo alzarci con l’obiettivo di realizzare i nostri sogni, di essere padroni del nostro destino, esattamente come ha fatto Steve Jobs.
  • Tuttavia, non si deve mai mettere da parte l’amore. Non dimenticate mai che il denaro non vi donerà il sorriso sincero di un figlio che vi ammira, non vi permetterà di conservare bei ricordi con cui chiudere gli occhi prima di dormire, facendo dire a voi stessi di essere felici.
Steve Jobs

Il letto più caro del mondo è quello dell’ospedale

Nonostante tutto il denaro che possiate avere sul conto, non riuscirete mai a corrompere la morte. Il letto di un ospedale è il luogo in cui tutti, prima o dopo, ci troveremo, poveri o ricchi, giovani o anziani.

  • Steve Jobs aveva tutto, era un uomo ancora giovane e poteva ancora dare molto al nostro mondo. Il denaro non è però riuscito a vincere la sua malattia né a dargli una seconda opportunità.
  • Possiamo comprare e accumulare una grande quantità di cose materiali, ma ricordate che la vita non ha prezzo, corre con noi, dà luce, speranza, risate, felicità e tristezza, ma quando la perdiamo, non possiamo più riprendercela.
  • L’unico vero tesoro che avremo quando saluteremo questo mondo sarà legato alle emozioni che abbiamo creato in vita. Le case, le macchine e tutti gli oggetti che abbiamo, non ci accompagneranno.

  Ce ne andremo esattamente come siamo venuti al mondo: senza niente.

  • Sentirsi amati, invece, sentire il calore della nostra famiglia in quel letto di ospedale prima di andarcene è il bene più prezioso che si possa avere. Tutto il resto non conta.

Leggete anche: La sindrome della sedia vuota

L’amore è la cosa più importante. Tutti noi siamo liberi di avere una vita di successo come quella di Steve Jobs, ma non dimenticate mai l’affetto, di essere felici e di fare felici i vostri cari

Guarda anche