Malattie sessualmente trasmissibili più comuni

· 10 gennaio 2018
Per prevenire le malattie sessualmente trasmissibili è fondamentale l'uso del preservativo, persino durante il sesso orale. Solo così potremmo ridurre le possibilità di contagio.

Il sesso è una delle attività più gradevoli e piacevoli che si possono realizzare. Tuttavia, praticare sesso senza le dovute precauzioni può causare l’insorgere delle cosiddette malattie sessualmente trasmissibili (MST).

Si tratta di infezioni che vengono trasmesse a causa del contatto sessuale, orale, anale o vaginale.

Anche se alcune di queste malattie sono facili da mantenere sotto controllo e scompaiono dopo poco tempo, altre possono causare seri problemi e compromettere il proprio stile di vita.

Qui di seguito vi parleremo delle malattie sessualmente trasmissibili più comuni. Prendete appunti su ognuna di essi e state in allerta di fronte a qualsiasi possibile segnale.

Le malattie sessualmente trasmissibili più comuni

1. Clamidia

Ragazza con febbre

La clamidia è una malattia sessualmente trasmissibile causata dai batteri. Di solito non presenta sintomi gravi, pertanto può essere confusa con vari tipi di infezioni.

Il problema principale della clamidia è che se non viene trattata in tempo genera infertilità o danni agli organi riproduttivi femminili.

Sintomi della clamidia nelle donne

  • Febbre,
  • Nausea,
  • Bruciore quando si urina,
  • Dolore durante il coito,
  • Secrezione anormale,
  • Dolore nella parte bassa dell’addome o della schiena,
  • Sanguinamento vaginale dopo il coito o tra le mestruazioni.

Leggete anche: Virus HIV eliminato dal sangue di un paziente inglese

Sintomi della clamidia negli uomini

  • Secrezione anormale,
  • Dolore quando si urina,
  • Bruciore o prurito attorno all’orifizio del pene.

2. Herpes genitale

L’herpes genitale è una MST causata dal virus dell’herpes semplice. Una volta che questo virus viene contratto, rimane nel corpo per sempre.

Occasionalmente compariranno dei ceppi che causano vesciche e piaghe nella zona dei genitali e del retto.

Con il passare del tempo, i ceppi si manifestano con meno frequenza. I sintomi sono gli stessi sia per gli uomini che per le donne:

  • Sintomi influenzali come febbre e tonsille gonfie,
  • Comparsa di vesciche e piaghe nei genitali e nel retto.

3. Gonorrea

Ginecologo

La gonorrea è un’altra delle malattie sessualmente trasmissibili batterica ed è piuttosto frequente.

Questo batterio si riproduce in luoghi umidi e tiepidi, pertanto i ginecologi lo ritrovano nel collo dell’utero e nelle tube di Falloppio nelle donne. Negli uomini solitamente si sviluppa nell’uretra.

Altri luoghi in cui può svilupparsi questa malattia sono la bocca, gli occhi, la gola e l’ano.

Se non viene trattata in tempo, la gonorrea può causare problemi permanenti sia negli uomini che nelle donne. 

Sintomi della gonorrea nelle donne

  • Dolore o bruciore quando si urina,
  • Secrezioni vaginali abbondanti,
  • Sanguinamento tra le mestruazioni.

Sintomi della gonorrea negli uomini

  • Bruciore quando si urina;
  • Dolore, gonfiore e sensibilità ai testicoli;
  • Secrezione biancastra, giallognola o verdognola dal pene.

4. HIV e AIDS

L’HIV è il virus dell’immunodeficienza umana e può causare lo sviluppo dell’AIDS.

L’HIV attacca il sistema immunitario fino a distruggerlo, pertanto risulta incredibilmente importante evitarlo o trattarlo se già è stato contratto.

È importante tenere in considerazione che che l’AIDS è una delle malattie sessualmente trasmissibili che possono essere tenute sotto controllo con i farmaci. Tuttavia, non esiste una cura definitiva.

Ciò che rende l’HIV così pericoloso è che può essere trasmesso senza la presenza di alcun sintomo che si palesi dopo la contrazione. 

L’unico modo di scartare l’ipotesi del contagio è attraverso studi medici specifici. Sono molto semplici in quanto constano solo di alcune analisi del sangue assolutamente indolori.

I sintomi dell’HIV sono

  • Afte;
  • Mal di gola;
  • Mal di testa;
  • Eruzioni cutanee;
  • Perdita repentina di peso;
  • Infezioni gravi ricorrenti;
  • Stanchezza, nausee e stordimento;
  • Diarrea, febbre e sudori notturni;
  • Protuberanze violacee a pelle e bocca;
  • Formazione di ematomi con più frequenza del normale.

Leggete anche: Tutto quello che bisogna sapere sull’infezione da candida

5. Virus del papilloma umano

Mal di pancia

Il virus del papilloma umano (HPV) è l’ultima malattia sessualmente trasmissibile di cui vogliamo parlare.

Anche se molti considerano l’HIV come la più grave, alcuni ceppi dell’HPV sono impossibili da trattare e altri possono causare il cancro nella zona in cui si insinua se non si provvede in tempo a fornire un trattamento opportuno.  

Per fortuna, possono vaccinarsi:

  • Le donne tra gli 11 e i 26 anni,
  • Gli uomini tra i 9 e i 26 anni.

Se siete fuori da questi ranghi di età, il vaccino non ha ormai molto senso. Se è il vostro caso, è importante usare contraccettivi di barriera anche durante il sesso orale.  

Sintomi del virus del papilloma umano

  • Verruche genitali,
  • Verruche alla gola.

Riducete le possibilità di contagio di qualsiasi malattia sessualmente trasmissibile

Alcune malattie sessualmente trasmissibili non presentano alcun sintomo, pertanto qualsiasi persona può essere stata contagiata senza saperlo.

Il miglior modo per evitarle è l’astinenza, ma è probabile che non vogliate rinunciare al sesso. In tal caso vi consigliamo di:

  • Usare preservativi tutte le volte che avete rapporti sessuali. Molte persone credono che si debbano usare precauzioni solo per il sesso anale e vaginale, ma anche il sesso orale comporta gli stessi rischi.
  • Sottoponetevi ad appositi esami almeno una volta all’anno. Andate periodicamente dal ginecologo o dall’urologo.
  • Parlate francamente al vostro partner. Per quanto possa piacervi il vostro nuovo compagno, è importante chiedergli direttamente se ha avuto qualche malattia sessualmente trasmissibile. 
Guarda anche