Miele di lavanda: benefici e usi

Il miele di lavanda è associato al rafforzamento del sistema immunitario ed è usato anche come agente curativo. Ti diciamo di più sui suoi usi.
Miele di lavanda: benefici e usi

Ultimo aggiornamento: 20 ottobre, 2022

Il miele di lavanda è un prodotto che si ottiene dal nettare che le api sottraggono dai fiori di lavanda selvatica (Lavandula stoechas) e da altre specie di questa pianta.

Secondo uno studio condiviso sulla rivista Molecules, questo tipo di miele monofloreale contiene composti volatili associati a benefici per la salute. In particolare, il suo apporto di acidi grassi, antiossidanti e carboidrati aiuta a rafforzare le difese e calmare vari disturbi. Vediamo nel dettaglio.

Caratteristiche del miele di lavanda

Tra tutte le varietà di miele, il miele di lavanda si distingue per il suo aroma particolare e il sapore delicato. Essendo prodotto dalle api dal nettare di specie di lavanda come Lavandula angustifolia, Lavandula latifolia e Lavandula stoechas, ha particolari caratteristiche di sapore, consistenza e proprietà.

Per la precisione, è di colore ambrato chiaro o bianco, di cristallizzazione media e consistenza fluida. Il suo sapore è dolce, ma presenta delle leggere note acide e floreali.

In generale, non è soggetto a processi termici, il che gli consente di preservare le sue proprietà. Può anche contenere particelle di polline e propoli.

Benefici e usi del miele di lavanda

Nella medicina tradizionale, il miele di lavanda è apprezzato per le sue proprietà medicinali. Proveniente dal nettare di lavanda, si ritiene fornisca un “extra” di nutrienti e composti bioattivi rispetto al miele tradizionale.

In relazione a ciò, una recensione pubblicata su Integrative Medicine Insights ha evidenziato che questo tipo di miele mostra una capacità antinfiammatoria maggiore rispetto a quelli che provengono dal corbezzolo o dagli agrumi. Inoltre, ha avuto un effetto positivo sulla riduzione dei marcatori ossidativi. Quali altri vantaggi offre?

Campo di lavanda per il miele.
Proveniente dalla lavanda, questo miele avrebbe composti diversi rispetto ad altri mieli.

Rafforza il sistema immunitario

Uno dei principali vantaggi del miele di lavanda ha a che fare con la sua capacità di rafforzare il sistema immunitario. Uno studio condiviso tramite Plos One specifica che questo prodotto concentra enzimi, aminoacidi, flavonoidi e fenoli.

Insieme, questi composti aiutano a migliorare le risposte del corpo agli agenti infettivi, come virus, batteri e funghi. In effetti, una ricerca condivisa sul Journal of Food Science and Technology ha stabilito che questa varietà di miele aiuta a combattere le infezioni fungine come la candidosi.

Altri studi hanno anche studiato la capacità immunomodulante del miele. In questo modo, è stato determinato che ha il potenziale per combattere l’infiammazione, lo stress ossidativo e le infezioni causate dai batteri.

Aiuta ad alleviare la tosse

Sia il miele d’api che la Lavandula stoecha hanno proprietà che aiutano ad alleviare la tosse. Entrambi agiscono come antinfiammatori, riducendo l’irritazione della gola. Inoltre, hanno qualità espettoranti e idratanti, fondamentali per ridurre al minimo questo sintomo.

Una revisione sistematica condivisa in BMJ Evidence-Based Medicine ha rilevato che il miele è efficace nel migliorare i sintomi delle infezioni del tratto respiratorio superiore (una causa comune di tosse). Allo stesso modo, attraverso il Cochrane Database of Systematic Reviews, è stato riportato che il miele allevia la tosse con effetti superiori al placebo e ai farmaci come il salbutamolo e pare che riduca la durata di questo sintomo nei bambini.

Da parte sua, una pubblicazione sulla rivista Plants parla del potenziale di Lavandula stoechas per alleviare la tosse. Nello specifico, gli viene attribuito un effetto espettorante che aiuta a liberare le vie aeree.

Sono necessari ulteriori studi.

Aiuta la cura della pelle

Il miele di lavanda ha anche applicazioni cosmetiche. Il suo uso topico è legato alla riduzione di cicatrici, rughe e imperfezioni. Questo è legato alla sua abbondante concentrazione di antiossidanti, acidi organici, minerali e aminoacidi.

In uno studio comparativo riportato in Phytotherapy Research, il miele di lavanda era più benefico nella guarigione delle ferite rispetto all’olio essenziale della pianta. Ciò è supportato anche dalla ricerca nel Journal of Functional Biomaterials, che espone il potenziale del miele per stimolare la rigenerazione della pelle.

Altri possibili benefici del miele di lavanda

Come ogni altra varietà di miele, il miele di lavanda è associato ad altri benefici per la salute, grazie al suo abbondante contenuto di composti bioattivi. I più importanti sono i seguenti:

  • Calma lo stress e l’ansia: uno degli aminoacidi di questo ingrediente, la tirosina, funge da precursore di diversi neurotrasmettitori associati al benessere, come la dopamina. In questo modo favorisce il sollievo da stati di tensione e ansia.
  • Riduce dell’insonnia: si ritiene che il miele di lavanda agisca sul sistema nervoso e favorisca la riduzione dei disturbi del sonno. Di per sé, è un rilassante naturale.
  • Effetto diuretico: molti pensano che questo miele stimoli l’eliminazione dei liquidi e allevia il gonfiore associato alla loro ritenzione. Tuttavia, non ci sono studi clinici che lo dimostrino.
  • Sollievo dalla diarrea: grazie alle sue proprietà antibatteriche e astringenti, il miele di lavanda aiuta a fermare la diarrea in caso di gastroenterite batterica.

Rischi e controindicazioni del miele di lavanda

Per la maggior parte degli adulti e dei bambini sani di età superiore a un anno, il miele di lavanda è sicuro come dolcificante naturale, rimedio per la tosse e prodotto topico (sulle ferite superficiali). Tuttavia, è necessario considerare quanto segue:

  • Nelle persone allergiche al polline o ad altri componenti del miele, questo prodotto può causare difficoltà respiratorie, vertigini, vomito, disturbi del ritmo cardiaco, tra gli altri. È necessario interromperne l’uso e consultare il medico in quella situazione.
  • Non dovrebbe essere somministrato a bambini di età inferiore a un anno a causa del rischio di botulismo infantile.
  • Il suo consumo deve essere moderato, poiché in eccesso può influenzare il sovrappeso e l’obesità, a causa del suo alto contenuto di zucchero.
  • Le persone che soffrono di diabete dovrebbero evitarne il consumo.
  • La sua applicazione topica su ferite aperte o ustioni gravi è sconsigliata, poiché favorisce le infezioni.
Persona con diabete che non può assumere miele di lavanda.
Questo prodotto è controindicato nelle persone affette da diabete. Il suo alto contenuto di zucchero può causare uno squilibrio della glicemia.

Raccomandazioni per l’acquisto e la conservazione del miele di lavanda

Quando si acquista il miele di lavanda sul mercato, è necessario controllare l’etichetta. Dettagli come i dati del produttore, l’identificazione geografica e botanica e le informazioni sull’imballatore possono aiutare a determinarne la qualità.

Quando lo si conserva, dovrebbe essere in un luogo fresco e buio, con una temperatura compresa tra 15 ºC e 20 ºC. Si sconsiglia di metterlo in frigorifero, poiché in ambienti molto freddi tende a cristallizzare, il che ne rende difficile il consumo in seguito.

È possibile preparare il miele di lavanda in casa?

Su internet potete trovare alcune ricette per fare il “miele di lavanda fatto in casa”. Va però chiarito che queste preparazioni sono molto diverse dal miele di lavanda prodotto dalle api. In realtà è una forma di infuso al miele.

Sebbene possa assumere un profumo e un leggero sapore di lavanda, le sue proprietà sono diverse. In effetti, può essere ottenuto da altre erbe, spezie, bucce, frutti e fiori. Che ne dici di prepararlo in casa? Ti diciamo come.

Ingredienti

  • 500 grammi di miele.
  • 100 grammi di lavanda essiccata.
  • Un cucchiaio di legno.
  • Una bottiglia precedentemente sterilizzata.

Procedimento

  1. Riporre il miele in un contenitore resistente al calore e scaldare a bagnomaria.
  2. Quando sarà ben caldo, aggiungere la lavanda essiccata e togliere dal fuoco.
  3. Coprire il prodotto e lasciare riposare per 24 ore.
  4. Trascorso questo tempo, scaldare di nuovo a bagnomaria, a fuoco basso, per circa 5 minuti.
  5. Fatto ciò, filtrare il prodotto con un colino per separare i resti di lavanda.
  6. Conservare in un barattolo sterilizzato a temperatura ambiente.

Da ricordare

Il miele di lavanda è un prodotto biologico ottenuto dalle api dal nettare che estraggono da diverse specie di lavanda. Non va confuso con il miele infuso, poiché non ha le stesse proprietà.

Grazie alla sua composizione nutritiva, è raccomandato come coadiuvante per le difese, la cicatrizzazione delle ferite, il sollievo dalla tosse, il controllo dell’ansia, tra gli altri. In ogni caso il suo consumo deve essere moderato, senza trascurare le sue controindicazioni.

Potrebbe interessarti ...
Limone e miele: tutti i benefici di un rimedio naturale e antico
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Limone e miele: tutti i benefici di un rimedio naturale e antico

Mescolare limone e miele in un bicchiere di acqua tiepida è uno dei rimedi più classici della medicina naturale. Quali sono i benefici?



  • Machado AM, Antunes M, Miguel MG, Vilas-Boas M, Figueiredo AC. Volatile Profile of Portuguese Monofloral Honeys: Significance in Botanical Origin Determination. Molecules. 2021 Aug 17;26(16):4970. doi: 10.3390/molecules26164970. PMID: 34443558; PMCID: PMC8400914.
  • Denner SS. Lavandula angustifolia Miller: English lavender. Holist Nurs Pract. 2009 Jan-Feb;23(1):57-64. doi: 10.1097/01.HNP.0000343210.56710.fc. PMID: 19104276.
  • National Center for Biotechnology Information (2022). PubChem Taxonomy Summary for Taxonomy 39331, Lavandula latifolia. Retrieved September 29, 2022 from https://pubchem.ncbi.nlm.nih.gov/taxonomy/Lavandula latifolia.
  • Ez zoubi, Y., Bousta, D. & Farah, A. A Phytopharmacological review of a Mediterranean plant: Lavandula stoechas L. Clin Phytosci 6, 9 (2020). https://doi.org/10.1186/s40816-019-0142-y
  • Miguel MG, Antunes MD, Faleiro ML. Honey as a Complementary Medicine. Integr Med Insights. 2017 Apr 24;12:1178633717702869. doi: 10.1177/1178633717702869. PMID: 28469409; PMCID: PMC5406168.
  • Estevinho LM, Chambó ED, Pereira AP, Carvalho CA, Toledo Vde A. Characterization of Lavandula spp. Honey Using Multivariate Techniques. PLoS One. 2016 Sep 2;11(9):e0162206. doi: 10.1371/journal.pone.0162206. PMID: 27588420; PMCID: PMC5010229.
  • Ajibola A. Novel Insights into the Health Importance of Natural Honey. Malays J Med Sci. 2015 Sep;22(5):7-22. PMID: 28239264; PMCID: PMC5295738.
  • Estevinho, M.L., Afonso, S.E. & Feás, X. Antifungal effect of lavender honey against Candida albicans, Candida krusei and Cryptococcus neoformans . J Food Sci Technol 48, 640–643 (2011). https://doi.org/10.1007/s13197-011-0243-1
  • Abuelgasim, H., Albury, C., & Lee, J. (2020). Effectiveness of honey for symptomatic relief in upper respiratory tract infections: a systematic review and meta-analysis. In BMJ Evidence-Based Medicine (Vol. 26, Issue 2, pp. 57–64). BMJ. https://doi.org/10.1136/bmjebm-2020-111336
  • Mushtaq A, Anwar R, Gohar UF, Ahmad M, Marc Vlaic RA, Mureşan CC, Irimie M, Bobescu E. Biomolecular Evaluation of Lavandula stoechas L. for Nootropic Activity. Plants (Basel). 2021 Jun 21;10(6):1259. doi: 10.3390/plants10061259. PMID: 34205806; PMCID: PMC8234844.
  • Mărgăoan R, Topal E, Balkanska R, Yücel B, Oravecz T, Cornea-Cipcigan M, Vodnar DC. Monofloral Honeys as a Potential Source of Natural Antioxidants, Minerals and Medicine. Antioxidants (Basel). 2021 Jun 25;10(7):1023. doi: 10.3390/antiox10071023. PMID: 34202118; PMCID: PMC8300703.
  • Lusby PE, Coombes AL, Wilkinson JM. A comparison of wound healing following treatment with Lavandula x allardii honey or essential oil. Phytother Res. 2006 Sep;20(9):755-7. doi: 10.1002/ptr.1949. PMID: 16807876.
  • Martinotti S, Ranzato E. Honey, Wound Repair and Regenerative Medicine. J Funct Biomater. 2018 May 8;9(2):34. doi: 10.3390/jfb9020034. PMID: 29738478; PMCID: PMC6023338.
  • Jongkees BJ, Hommel B, Kühn S, Colzato LS. Effect of tyrosine supplementation on clinical and healthy populations under stress or cognitive demands–A review. J Psychiatr Res. 2015 Nov;70:50-7. doi: 10.1016/j.jpsychires.2015.08.014. Epub 2015 Aug 25. PMID: 26424423.
  • Koulivand PH, Khaleghi Ghadiri M, Gorji A. Lavender and the nervous system. Evid Based Complement Alternat Med. 2013;2013:681304. doi: 10.1155/2013/681304. Epub 2013 Mar 14. PMID: 23573142; PMCID: PMC3612440.
  • Honey: its antibacterial action in the treatment of gastroenteritis. Glimpse. 1985 Nov-Dec;7(6):1, 8. PMID: 12314387.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.