Combattere la stipsi con 5 infusi

11 Novembre 2020
La stipsi può avere molte cause. Per tale ragione, anche gli infusi che vi proponiamo possono produrre un certo sollievo, è sempre meglio rivolgersi al proprio medico per valutare il trattamento del caso.

Per combattere la stipsi bisogna adottare alcune abitudini di vita salutari, sopratutto per quanto riguarda l’alimentazione. Questo disturbo, sebbene all’inizio possa sembrare innocuo, può arrivare a cronicizzarsi. Ma quali sono le cause?

La stipsi si manifesta quando l’intestino presenta alcune alterazioni che ne ostacolano il funzionamento, generando un accumulo di scorie.

Si tratta di un disturbo piuttosto comune tra la popolazione e, di fatto, si configura come il problema gastrointestinale che colpisce il maggior numero di persone. Da qui l’esigenza di tanti nel trovare validi metodi per combattere la stipsi.

Può essere il risultato di una cattiva alimentazione, ma anche alla disidratazione, da fattori genetici e disturbi infiammatori. Il sintomo principale risiede nella difficoltà a defecare, accompagnata da gas, dolore addominale e gonfiore.

Proprio a causa dei diversi fattori che ne sono all’origine, la raccomandazione generale è quella di rivolgersi al proprio medico per determinarne la causa e, in base a ciò, scegliere il trattamento più adatto al caso. Nel frattempo, potete sempre provare questi infusi naturali per ottenere un po’ di sollievo. Scopriteli!

Infusi per combattere la stipsi

Gli infusi per combattere la stipsi sono tutte bevande di origine naturale che sfruttano il leggero effetto lassativo di alcune piante. Tuttavia, non si possono considerare un trattamento di prima linea né tantomeno sono esenti da eventuali effetti collaterali.

Pertanto, prima di assumerli è sempre meglio consultare il proprio medico e chiedere al professionista se non sussistano controindicazioni nell’assumere questi rimedi in aggiunta al trattamento. Nella maggior parte dei casi sono sicuri, purché vengano seguite le raccomandazioni di consumo.

1. Infuso di foglie di senna per combattere la stipsi

Le foglie di senna contengono sostanze note come antrachinoni che, una volta assimilate, stimolano le pareti muscolari intorno all’intestino e ne agevolano il movimento favorendo l’eliminazione delle scorie.

Una ricerca pubblicata sul Journal of Pharmacognosy and Phytochemistry sostiene che possieda proprietà lassative che aiutano a tenere sotto controllo la stipsi. Tuttavia, risulta controindicato in gravidanza e in caso di malattie infiammatorie del colon.

Combattere la stitichezza con gli infusi
Il consumo di foglie di senna dovrebbe essere moderato, e limitato ai casi specifici di stipsi. In caso di dubbi, è sempre meglio consultare il medico prima di assumerlo.

Ingredienti

  • 1 tazza d’acqua (250 ml)
  • 1 cucchiaino di foglie di senna (5 g)

Preparazione

  • Per prima cosa, fate bollire una tazza d’acqua e, una volta raggiunta l’ebollizione toglietela dal fuoco e aggiungete un cucchiaino di foglie di senna.
  • Fate riposare per qualche minuto e filtrate l’infuso.

Modalità di consumo

  • Bevete una tazza di infuso a base di senna al giorno per 3 volte alla settimana al massimo.

Nota: si deve evitare il consumo eccessivo di foglie di senna, in quanto ad alte dosi può avere un forte effetto purgante, e provocare crampi addominali e disidratazione.

Leggete anche: Lassativi naturali per combattere la stitichezza

2. Infuso di ortica

In medicina naturale l’ortica è da sempre utilizzata come integratore per combattere la stipsi, poiché, a quanto pare, contribuisce a stimolare l’eliminazione delle feci. Tuttavia, non esistono sufficienti prove che colleghino la sua assunzione al sollievo del problema.

Ad ogni modo, le foglie di ortica sono note per essere ricche di nutrienti e composti bioattivi che promuovono la salute, come i carotenoidi, acidi grassi, aminoacidi essenziali, vitamine, tannini, carboidrati, minerali, tra gli altri.

Ingredienti

  • 1 tazza d’acqua (250 ml)
  • 1 cucchiaio di ortica fresca (10 g)

Preparazione

  • Versate l’ortica fresca in una tazza d’acqua bollente e lasciate riposare finché non si intiepidisce.
  • Filtrate la bevanda e bevete.

Modalità di consumo

  • Bevete una tazza di infuso di ortica a digiuno, 2 o 3 volte alla settimana.

3. Infuso di semi di finocchio per combattere la stipsi

In accordo con le informazioni pubblicate su BioMed Research International, i semi di finocchio sono utilizzati da centinaia di anni come integratore naturale e sicuro per combattere diversi disturbi digestivi, inclusa la stipsi. Se decidete di provarlo, potere preparare la seguente infusione.

Combattere la stipsi con i semi di finocchio
Pur non sostituendo il trattamento medico, i semi di finocchio dimostrano essere un ottimo coadiuvante nei casi di stipsi.

Ingredienti

  • 1 cucchiaino di semi di finocchio (5 g)
  • 1 tazza d’acqua (250 ml)

Preparazione

  • Macinate i semi e versateli in una tazza d’acqua bollente.
  • Poi, fate riposare per 10 – 15 minuti, quindi bevete.

Modalità di consumo

  • Assumete fino a 2 tazze di infuso di semi di finocchio al giorno fino a quando iniziate a provare sollievo.

Può interessarvi anche: Stimolare l’intestino con l’olio d’oliva: 4 modi

4. Infuso di coriandolo

Non esistono prove per dimostrare che l’infuso di coriandolo possa combattere la stipsi e i suoi sintomi. Tuttavia, nella cultura popolare è da sempre utilizzato come coadiuvante in questi casi, oltre che per contrastare l’infiammazione e i gas. Se volete provarlo, preparate la seguente ricetta.

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di foglie di coriandolo (10 g)
  • 1 tazza d’acqua (250 ml)

Preparazione

  • Versate un cucchiaio di foglie di coriandolo in una tazza d’acqua bollente.
  • Copritela e aspettate che riposi finché non raggiunge una temperatura adatta al consumo.
  • Filtrate la bevanda e bevete.

Modalità di consumo

  • Assumete 2 tazze di infuso di coriandolo al giorno.
  • Ripetete il trattamento, tutti i giorni, finché non avrete sollievo.

5. Infuso di semi di lino

Questa bevanda naturale a base di semi di lino è uno dei rimedi più popolari per combattere la stipsi e altri disturbi a carico dello stomaco. Questo ingrediente alcune contiene sostanze quali fibre insolubili e acidi grassi che, senza intaccare la flora batterica, favoriscono l’eliminazione delle scorie.

Uno studio pubblicato sul Journal of Ethnopharmacology evidenzia che, di fatto, questi semi svolgono una duplice azione. Non solo combattono la stipsi, ma hanno anche attività antidiarroica.

Semi di lino
I semi di lino contengono fibre, grassi sani e antiossidanti che contribuiscono a una buona digestione.

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di semi di lino (10 g)
  • 1 tazza d’acqua (250 ml)

Preparazione

  • Fate bollire una tazza d’acqua e aggiungete i semi.
  • Coprite l’infuso e lasciatelo riposare finché non si raffredda.
  • Filtrate il liquido e servite la bevanda.

Modalità di consumo

  • Assumete un bicchiere di infuso di semi di lino a digiuno e, se preferite, ripetete a metà pomeriggio.
  • Bevetelo almeno 3 volte alla settimana.

State ancora cercando dei rimedi per combattere la stipsi?

Preparate questi deliziosi infusi naturali a casa e scopritene gli effetti conto la stipsi. Tuttavia, non dimenticate che non possono mai sostituire le cure mediche e, inoltre, vanno accompagnati da buone abitudini alimentari e di esercizio fisico. Consultate il vostro medico per scoprire le opzioni più efficaci per alleviare il problema secondo le esigenze del caso.

  • Kumar D, et al. (2016). Natural polymers and herbal medicine based therapy for colonic diseases.florajournal.com/archives/2016/vol4issue3/PartA/4-6-5-393.pdf
  • Jalwal, P., Middha, A., & Ramchander, C. (2017). Recent advances on senna as a laxative: A comprehensive review. Journal of Pharmacognosy and Phytochemistry JPP349(62), 349–353. Retrieved from http://www.phytojournal.com/archives/2017/vol6issue2/PartF/6-2-92-932.pdf
  • Kregiel D, Pawlikowska E, Antolak H. Urtica spp.: Ordinary Plants with Extraordinary Properties. Molecules. 2018;23(7):1664. Published 2018 Jul 9. doi:10.3390/molecules23071664
  • Badgujar SB, Patel VV, Bandivdekar AH. Foeniculum vulgare Mill: a review of its botany, phytochemistry, pharmacology, contemporary application, and toxicology. Biomed Res Int. 2014;2014:842674. doi:10.1155/2014/842674
  • Hanif Palla, A., & Gilani, A. H. (2015). Dual effectiveness of Flaxseed in constipation and diarrhea: Possible mechanism. Journal of Ethnopharmacology169, 60–68. https://doi.org/10.1016/j.jep.2015.03.064