Mini-ictus cerebrale: cos’è e come riconoscerlo

24 marzo 2018
Non bisogna sottovalutare il pericolo che nasconde un mini-ictus cerebrale perché potrebbe presagire dei problemi molto più seri, come l'accidente cerebrovascolare

L’espressione mini-ictus cerebrale viene comunemente usata al posto di attacco ischemico transitorio (TIA).

La causa di questi attacchi è l’ostruzione del flusso sanguigno al cervello. Possono essere considerati un segnale d’allarme che presagisce quadri clinici molto più seri.

Come suggerisce il nome, questa condizione è transitoria perché dura per un periodo di tempo non prolungato.

Questo non significa, però, che dobbiamo sottovalutare il mini-ictus: potrebbe annunciare un accidente cerebrovascolare. La principale differenza tra il mini-ictus e l’accidente cerebrovascolare è la durata.

Sono molto pericolosi entrambi, ma il secondo può causare paralisi cerebrale o anche la morte.

In altre parole, le due condizioni suppongono dei rischi non indifferenti senza la giusta attenzione medica.

Sintomi generali

Cervello
  • Quando una persona sente un lato del viso addormentato o un occhio infiammato, può trattarsi di un attacco ischemico transitorio.
  • Nausea e mal di testa intensi possono essere considerati dei segnali d’allarme di un mini-ictus cerebrale.
  • Il quadro clinico include anche l’indebolimento delle estremità e parziali difficoltà di linguaggio.

La cosa più grave è che i sintomi sono simili a quelli dell’accidente cerebrovascolare e richiedono un trattamento clinico.

Questa anomalia temporanea può verificarsi in meno di un’ora o di un giorno completo. Non ha una durata standard, ogni caso dipende dalle circostanze.

È molto importante avere buone capacità di reazione perché sottovalutare o ignorare i sintomi potrebbe essere fatale.

Cause del mini-ictus cerebrale o attacco ischemico transitorio (TIA)

Tutto ciò che provoca la sospensione momentanea del flusso sanguigno al cervello è da considerarsi una possibile causa di mini-ictus cerebrale.

  • I coaguli di sangue liberi sono un fattore scatenante se ostruiscono momentaneamente una delle arterie che trasportano il sangue alla corteccia cerebrale.
  • Tutto ciò che causa un abbassamento della pressione sanguigna può provocare un inatteso attacco ischemico transitorio.

Leggete anche: È possibile prevenire un accidente cerebrovascolare?

  • Corriamo questo pericolo in caso di ostruzione delle arterie.
  • L’infiammazione dei vasi sanguigni e malattie quali diabete o anemia sono possibili cause dell’ischemia cerebrale.

Per questo motivo, è importante controllare tutti i fattori in grado di causare la degenerazione del nostro sistema circolatorio.

Attacchi silenziosi

Donna che soffre di mal di testa

Alcune persone lamentano un mal di testa acuto, dunqe assumono un antidolorifico.

Sono stati registrati molti casi di pazienti con ischemia cerebrale transitoria che hanno manifestato soltanto il sintomo del mal di testa.

Vi consigliamo di leggere anche: Iniziò tutto con un forte mal di testa: l’ictus

Popolazione a rischio di mini-ictus cerebrale

Un’altra falsa credenza sugli attacchi ischemici transitori è che possano colpire solamente i pazienti in età avanzata.

In realtà, a partire dai 55 anni di età dovremmo cominciare tutti ad adottare le dovute precauzioni. Esistono anche casi di pazienti molto giovani che manifestano questo problema.

Tra i gruppi di popolazione a rischio ricordiamo:

  • Fumatori
  • Persone obese
  • Diabetici
  • Persone con precedenti familiari

Risulta evidente che condurre uno stile di vita sano è il modo migliore per prevenire l’insorgenza dei pericolosi sintomi e le conseguenze di un mini-ictus cerebrale.

Volete saperne di più? Leggete anche: 10 sintomi del diabete che non dovete ignorare

Prevenzione

Ictus cerebrale

Per evitare un mini-ictus cerebrale, conviene seguire una dieta povera di grassi ed evitare abitudini come il fumo.

Va bene anche fare attività fisica aerobica per migliorare la circolazione interna. Ricordate che anche una vita felice e serena evita la comparsa dell’ictus cerebrale.

Alcuni studi affermano che assumere un’aspirina al giorno possa ridurre il rischio di accidenti cerebrovascolari. La pastiglia può avere sicuramente un effetto preventivo piuttosto rapido nell’organismo e se ne consiglia l’assunzione per evitare l’accidente cerebrovascolare in caso di mini-ictus.

In definitiva, è importante conoscere i sintomi, i rischi e le conseguenze legate all’attacco ischemico transitorio. La semplice sensazione di nausea potrebbe sfociare in qualcosa di molto più serio se non siamo abbastanza attenti e reattivi.

Qualora sospettiate l’insorgenza di un accidente cerebrovascolare, andate subito al pronto soccorso a voi più vicino. Ogni minuto è importante e le conseguenze dell’accidente cerebrale possono ridursi se si interviene in tempo.

Guarda anche