Miocardite

3 agosto 2018
La miocardite è una malattia rara che, nella maggior parte dei casi, è causata da un'infezione che finisce per colpire il cuore.

La miocardite è definita come l’infiammazione del muscolo cardiaco. Questo muscolo è chiamato miocardio e la sua funzione è quella di dare mobilità al cuore. Si contrae per inviare sangue dall’organo e poi si rilassa fino a quando il cuore si riempie di nuovo.

Se il miocardio si infiamma, la funzione di pompaggio non è più efficace a causa dello stesso gonfiore e perché si verifica un danno alle cellule. Questo, ovviamente, costituisce un grande rischio per la salute e anche per la vita.

Al momento non è nota l’esatta percentuale di persone colpite da questa malattia. Questo perché in molti casi la miocardite non genera sintomi. Ciò che è noto è che può verificarsi a qualsiasi età, anche nei bambini.

Qual è la causa della miocardite?

Donna sul divano con raffreddore

È noto che in almeno il 50% dei casi ciò che scatena la miocardite è un’infezione causata da virus, funghi, parassiti o batteri. Frequentemente, compare dopo una diarrea, raffreddore o influenza.

Altre cause comuni di miocardite sono le seguenti:

  • Per reazione allergica a farmaci.
  • Esposizione ad alcuni elementi dell’ambiente, come i metalli pesanti.
  • Radiazioni.
  • Processi autoimmuni che danno origine a infiammazioni.

È stato dimostrato che alcune malattie come l’artrite reumatoide, la febbre reumatica e il lupus sono anch’esse associate alla miocardite. In varie occasioni è impossibile determinare la causa esatta della malattia.

Leggete anche: 7 consigli per avere un cuore sano

Processi coinvolti nella miocardite

Il corpo reagisce all’infiammazione del muscolo cardiaco attivando il sistema immunitario. Invia anticorpi per combattere l’agente che causa l’infiammazione. Tuttavia, le sostanze chimiche prodotte da queste cellule possono danneggiare il miocardio.

Se molte cellule sono danneggiate, il risultato è un cuore indebolito e infiammato. Quando questo processo avviene molto rapidamente, possono verificarsi insufficienza cardiaca e morte anche improvvisa.

La cosa normale è che il cuore cerchi di rigenerarsi autonomamente. Ciò si ottiene cambiando le cellule danneggiate o morte del miocardio, con tessuto cicatriziale. Questo tessuto è rigido e, quindi, non contribuisce al pompaggio del cuore.

Quando il tessuto cicatriziale è molto esteso, potrebbero insorgere insufficienza cardiaca congestizia o cardiomiopatia dilatativa.

I sintomi della malattia

Sintomi miocardite

I sintomi della miocardite sono molto variabili. In effetti, in alcuni casi la malattia fa il suo corso senza sintomi. Dovete tenere in considerazione che esiste la miocardite acuta e la miocardite cronica. Ognuna ha la sua sintomatologia.

La miocardite acuta ha sintomi simili a quelli dell’insufficienza cardiaca. I più rilevanti sono:

  • Dolore acuto e palpitante al petto, che si trova dietro lo sterno.
  • Tachicardia.
  • Colorazione bluastra della pelle e delle mucose o pallore.
  • Difficoltà a respirare
  • Palpitazioni.
  • Infiammazione del fegato e della milza.
  • Accumulo di liquido nelle gambe.

I sintomi della miocardite cronica sono meno evidenti. In generale, c’è una sensazione di debolezza e decadenza, affaticamento e mancanza di respiro al minimo sforzo, variazioni nell’appetito, dolore alle estremità e perdita di peso.

Leggete anche: 9 nutrienti per arrivare a 90 anni con un cuore forte e sano

Diagnosi ed evoluzione

Medico analizza elettrocardiogramma

La diagnosi della miocardite è problematica, poiché i sintomi non sono molto specifici e quindi facilmente confusi con quelli di altre malattie. Normalmente, la prima cosa che viene fatta è un esame clinico che mira a verificare l’esistenza dei sintomi e raccogliere informazioni sulle possibili infezioni recenti.

Se vi è il sospetto, è possibile eseguire una radiografia del torace per determinare se il liquido si sta accumulando nei polmoni. Tuttavia, la cosa più comune è eseguire un elettrocardiogramma e/o un ecocardiogramma. Questi permettono di apprezzare in dettaglio il funzionamento del cuore.

Il metodo più accurato è la biopsia endomiocardica. I risultati della stessa sono conclusivi, poiché questo test mostra direttamente se il miocardio è infiammato o meno. Questo test viene solitamente ordinato quando si sospetta una miocardite cronica.

La miocardite acuta progredisce in modo soddisfacente nella maggior parte dei casi. Guarisce da sola, senza lasciare strascichi. A volte si complica e può portare a problemi più gravi e alla morte. In altri casi, porta all’insufficienza cardiaca permanente. Tutto dipende dallo stato di salute del paziente e dalla causa che ha dato origine alla malattia.

Guarda anche