Modi pericolosi per dimagrire: eccone alcuni

Gli esperti in nutrizione si oppongono ad alcune "mode" o "tendenze" finalizzate al dimagrimento. Quali sono i modi pericolosi che le persone usano per perdere peso? Ne parliamo in questo spazio.
Modi pericolosi per dimagrire: eccone alcuni

Ultimo aggiornamento: 22 marzo, 2021

Il modo migliore per combattere i chili di troppo è allenarsi regolarmente e seguire una dieta corretta. Quest’ultima deve essere composta da tutti i nutrienti, distribuiti nella giusta misura. Eppure, alcune persone ignorano queste buone abitudini e optano per modi pericolosi per dimagrire.

La maggior parte degli esperti in nutrizione si oppongono a questa idea di voler perdere peso con diete rigide e restrittive, soprattutto quando privano l’organismo dei nutrienti essenziali, fondamentali per il suo corretto funzionamento. Continuate a leggere per conoscere alcuni modi pericolosi per dimagrire.

Volete perdere peso?

Esistono modi sani e altri meno per combattere i chili di troppo. Le statistiche dimostrano che una dieta a base di frutta e verdura, a basso contenuto di grassi e zucchero raffinato (insieme alla pratica di regolare attività fisica) può aiutare una persona a dimagrire e, soprattutto, a mantenere il peso forma nel tempo.

Perdere centimetri.

Nel tentativo di perdere peso in poco tempo, alcune persone mettono a rischio la propria salute. È dunque importante individuare i modi poco sani per dimagrire.

Tuttavia, sono sempre di più coloro che cercano di dimagrire in fretta e con pochi sforzi. Senza dubbio una pratica pericolosa che può sfociare in abitudini poco sane, portando a recuperare poi il peso perso.

Modi pericolosi per dimagrire

Volete conoscere le azioni dannose di cui stiamo parlando? A seguire, offriamo una lista delle più note. Prendete appunti ed evitate di metterle in pratica.

Ricorrere ai prodotti bruciagrassi

Questa “moda” ingannevole promuove il consumo di sostanze chimiche ed erbe che avrebbero un effetto “brucia grassi”. Il problema è che non esistono studi a supporto della loro efficacia. Al contrario, sono stati registrati problemi associati al loro consumo. L’ephedra, o ma huang, per esempio, è stata vietata a partire dal 2004.

Secondo uno studio condotto da diversi ricercatori dell’Università della California, sembra favorire gli attacchi cardiaci, versamenti cerebrali, crisi ipertensive e convulsioni.

Mangiare cotone

Un altro metodo non solo insensato, ma anche pericoloso, consiste nell’inghiottire batuffoli di cotone imbevuti in un liquido, come il succo di arancia. L’idea è che il cotone possa occupare più spazio nello stomaco, dando un senso di sazietà.

Come ben illustrato in un articolo della Biblioteca Nazionale di Medicina degli Stati Uniti, si formano delle “palle” di materiale esterno, che possono provocare ostruzioni intestinali. Come quando si mangiano capelli o verdure secche.

Usare un cerotto o un bendaggio per la lingua

Questo metodo strampalato è stato proposto e messo in pratica da un chirurgo californiano, il Dr. Chugay. Così come anche viene attuato in alcuni Paesi dell’America Latina. Il metodo consiste nel cucire una membrana di materiale sintetico sulla lingua, che verrà poi rimosso a distanza di quattro-sei settimane.

Il cerotto ostacola (o evita del tutto) il consumo di cibo a causa del dolore e dei fastidi che provoca. Intanto, a completamento di questo piano, viene seguita è una dieta liquida, con poche calorie.

Assunzione di farmaci, tra i modi pericolosi per dimagrire

Note anche come “pillole dimagranti”, si tratta di farmaci (di solito appartenenti alla famiglia delle anfetamine) che favoriscono l’inappetenza.

Le pillole tra i modi pericolosi per dimagrire.
L’assunzione di pillole per dimagrire può provocare effetti secondari. Inoltre, una volta sospesa la somministrazione, il soggetto riprenderà il peso perso.

Il problema è che questi farmaci non possono essere utilizzati a lungo. Inoltre, così come agiscono rapidamente, altrettanto rapidamente la persona riprende i chili persi, non appena sospende l’assunzione dei farmaci.

Ma non è tutto. Provocano alcuni effetti indesiderati, come nervosismo grave, crisi di ansia e innalzamento improvviso della pressione arteriosa.

Provocarsi il vomito: uno dei modi pericolosi per dimagrire

Alcune persone ritengono che vomitando quanto appena ingerito, ridurranno le calorie ingerite e, quindi, dimagriranno. Ma quel che è certo è che questa pratica è sintomo di un disturbo dell’alimentazione noto come bulimia.

Ecco perché è importante fare una valutazione delle persone che si presentano alla visita, in modo da escludere o diagnosticare questa malattia. Disidratazione, perdita di sali e danni all’esofago possono essere solo alcuni degli effetti secondari provocati da questo metodo.

Sudare in eccesso

Le persone pensano che il grasso accumulato sia un accumulo di acqua. Seguendo questo ragionamento, pensano che se il loro corpo (o una parte di esso) sudasse di più, allora brucerebbero di più e perderebbero peso.

Per questo motivo applicano bende di plastica sul ventre o indossano vestiti di plastica. Tuttavia, questo metodo non aiuterà a tenere sotto controllo il peso e, anzi, potrebbe causare disidratazione e perdita significativa di sodio, cloro e potassio attraverso il sudore.

Gli effetti secondari di questo modo così poco sano per dimagrire

I metodi descritti sono poco sani e non vanno utilizzati, visto che gli effetti secondari sono pericolosi, e persino mortali.

Il modo migliore per dimagrire è migliorando le proprie abitudini alimentari e adottare sane abitudini di vita. Inoltre, conviene affidarsi a un professionista: nutrizionisti, medici o allenatori.

Potrebbe interessarti ...
Non solo dieta: 15 consigli per dimagrire
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Non solo dieta: 15 consigli per dimagrire

Bisogna adottare anche altri accorgimenti per vedere risultati e perdere peso. Il vostro mantra dovrà essere non solo dieta!



  • Chugay, PN y Chugay, NV (2014). Parche lingual para adelgazar: un método alternativo no quirúrgico para ayudar a adelgazar en pacientes obesos. The American Journal of Cosmetic Surgery, 31 (1), 26–33. https://doi.org/10.5992/ajcs-d-13-00028.1
  • Gendall, K. A., Bulik, C. M., Sullivan, P. F., Joyce, P. R., Mcintosh, V. V., & Carter, F. A. (1999). Body weight in bulimia nervosa. Eating and Weight Disorders. https://doi.org/10.1007/BF03339730
  • Haller CA, Benowitz NL. Adverse cardiovascular and central nervous system events associated with dietary supplements containing ephedra alkaloids. N Engl J Med. 2000 Dec 21;343(25):1833-8. PubMed PMID: 11117974.
  • Haslam, D. (2016). Control de peso en la obesidad: pasado y presente. Revista Internacional de Práctica Clínica, 70 (3), 206–217. https://doi.org/10.1111/ijcp.12771
  • Jain, V., Ochoa, M., Jiang, H. et alUn parche dérmico personalizable en masa con indicadores colorimétricos discretos para una cuantificación personalizada de la tasa de sudoración. Microsyst Nanoeng 5, 29 (2019). https://doi.org/10.1038/s41378-019-0067-0
  • Zamora Navarro, S., & PérezLlamas, F. (2013). Errors and myths in feeding and nutrition: Impact on the problems of obesity. Nutr Hosp. https://doi.org/10.3305/nh.2013.28.sup5.6922