Reimpianto dei denti da latte: come funziona?

9 Gennaio 2021
Per aumentare le possibilità di successo del reimpianto di un dente da latte, è molto importante conservarlo in modo corretto. Ecco tutto quello che c'è da sapere. 

Il reimpianto dei denti da latte è un trattamento che permette di reinserire nell’alveolo gengivale un dente che si è staccato, ad esempio a seguito di una caduta. Lo scopo è fare in modo che il dente ricrei i legamenti parodontali e si rinsaldi.

Come regola generale, nei denti decidui o da latte, il reimpianto è da considerare un trattamento per le avulsioni. Un’avulsione dentale è il completo distacco del dente dal suo alveolo, normalmente di tipo traumatico. I denti interessati sono di solito gli incisivi superiori centrali.

Nei bambini è molto utile ricollocare il dente al suo posto in modo che si riformi il tessuto. In cosa consiste questa procedura e quali sono le conseguenze?

Cosa succede al dente dopo l’avulsione?

Quando il dente si separa dalla gengiva, si verifica la rottura delle fibre che lo trattengono. Avviene inoltre la rottura del fascio neurovascolare che consente al sangue e agli impulsi nervosi di raggiungere il dente.

Potrebbe interessarvi anche: Ascesso dentale: che cos’è e come si cura

Come si deve conservare un dente dopo la caduta?

Bambino senza incisivo superiore.
Per rendere possibile il reimpianto di un dente da latte è importante conservarlo in modo corretto. Non deve essere manipolato o pulito.

Meno tempo il dente resta fuori dalla bocca, maggiori sono le possibilità di successo del trattamento. Il reimpianto di un dente da latte deve, pertanto, essere considerato un’emergenza medica.

È molto importante non toccare il dente ed evitare di pulirlo con un fazzoletto o simili, poiché rimuovendo lo strato presente alla radice, si eliminano eventuali fibre residue.

Esistono diverse soluzioni fisiologiche in cui possiamo immergere il dente in attesa di raggiungere lo studio dentistico. La soluzione ideale è la cosiddetta soluzione di Hank.

  • La soluzione di Hank è un metodo di coltura che consente di mantenere il corretto pH evitando il riassorbimento della radice del dente. Si può acquistare in farmacia.
  • Subito dopo, il liquido ideale per conservare un dente è il latte, preferibilmente scremato. Può preservare la vitalità dei fibroblasti per 3 ore.
  • Se questa non è disponibile si utilizza l’acqua. Infine, se non abbiamo liquidi a portata di mano, si ricorre alla saliva. In questo caso, l’ideale è mettere il dente caduto sotto la lingua, per evitare di ingerirlo.

Come viene eseguito il reimpianto dei denti da latte?

Prima di tutto, il dentista esegue un controllo dell’intera area interessata al fine di escludere fratture ossee, lacerazioni che richiedono punti di sutura o altre lesioni. Dopo di ciò, pulirà l’alveolo con una soluzione salina fisiologica.

Preparazione del dente

Se il dente viene immerso in una delle soluzioni sopra menzionate, non sarà necessaria alcuna preparazione. Tuttavia, è consigliabile immergere il dente nella soluzione di Hank per alcuni minuti prima dell’intervento.

Il dente va manipolato dalla corona, senza toccare la radice. Inoltre, deve restare in ambiente umido. Più a lungo resta fuori dalla bocca e in ambiente asciutto, peggiore è la prognosi per il reimpianto.

Leggete anche: Agenesia dentale: che cos’è e come trattarla

Reimpianto dei denti da latte: inserimento del dente

Il dente viene inserito lentamente nell’alveolo dentale, fino a raggiungere il suo sito. Una volta posizionato, occorre stabilizzarlo, ovvero fissarlo ai denti vicini che forniranno un supporto. Lo splintaggio viene eseguito sistemando un filo semirigido all’interno del dente, molto simile a quello utilizzato alla fine di una terapia ortodontica.

Occorre sempre eseguire una radiografia per verificare che il dente sia correttamente inserito e che non insorga nessun problema all’interno dell’osso. Infine si dovrà controllare l’occlusione per evitare che il dente subisca troppa pressione durante la masticazione.

Bambino dal dentista per reimpianto dei denti da latte.
Dopo il reimpianto del dente da latte è fondamentale controllare, tramite radiografia, il corretto posizionamento del dente.

Trattamento farmacologico

Di solito il dentista prescrive i farmaci necessari a controllare possibili infezioni o infiammazioni. Può anche suggerire l’assunzione di analgesici per alleviare il dolore dell’intervento.

Controlli periodici

Il controllo del reimpianto avviene in genere dopo una settimana; in seguito a distanza di tre settimane, due mesi, sei mesi e dodici mesi. Ciò al fine di verificare che tutto proceda bene e che il dente non presenti segni di infezione.

Conseguenze del reimpianto dei denti da latte

Occorre sempre tenere in considerazione l’età del bambino e il grado di sviluppo del dente definitivo; ciò per evitare che con il reimpianto del dente da latte si finisca per danneggiare il germe dentario. In caso di dubbio, si deve sempre dare priorità al dente definitivo. Se il dente avulso è permanente, il reimpianto è il trattamento di scelta.

  • Halawany HS, AlJazairy YH, Alhussainan NS, AlMaflehi N, Jacob V, Abraham NB. Knowledge about tooth avulsion and its management among dental assistants in Riyadh, Saudi Arabia. BMC Oral Health. 2014;14:46. Published 2014 May 6. doi:10.1186/1472-6831-14-46
  • Bejeh-Mir KP, Bejeh-Mir AP. Children dental trauma facts for emergent field management. Asian J Sports Med. 2012;3(1):64.
  • Alotaibi S, Wagner ND. Tooth Avulsed. [Updated 2019 Mar 23]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2019 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK539876/
  • McTigue, D. J. (2000). Diagnosis and management of dental injuries in children. Pediatric Clinics of North America47(5), 1067–1084. https://doi.org/10.1016/S0031-3955(05)70258-3