9 motivi per imparare a lavorare a maglia

4 luglio 2017
Lavorare a maglia è un'attività ideale per migliorare la propria manualità. Può addirittura aiutare ad alleviare gli stati depressivi perché la mente si concentra e ci si dimentica dei problemi.

Lavorare a maglia è un’attività molto popolare. Considerata da molti appannaggio delle nonne, oggi viene addirittura consigliata per stimolare il cervello, a qualsiasi età.

Non tutti lo sanno, ma si tratta di un esercizio molto utile per rafforzare le funzioni cognitive e promuovere il benessere fisico.

I benefici che si ricavano dal lavorare a maglia sono tanti, si parla infatti di “lana-terapia”.

A prima vista può sembrare complicato, ma i punti base sono facili da imparare e può essere praticata da tutti, indipendentemente dall’età.

Avete bisogno di buoni motivi per cominciare a sferruzzare? Ve li diamo noi!

1. Aiuta a combattere la depressione

Lavorare a maglia è una di quelle attività manuali che donano una sensazione di rilassamento e benessere, utile soprattutto nei quadri depressivi.

  • Concentrarsi su un progetto di questo tipo aiuta a ridurre il nervosismo e altre emozioni negative tipiche degli stati di tristezza.
  • Mentre si lavora, la mente si distrae e smette di concentrarsi sui pensieri che provocano angoscia e dolore.

2. Protegge la salute cerebrale

Chi pratica attività di questo tipo dalla più tenera età da adulto è meno soggetto a soffrire di deterioramento cognitivo rispetto a chi non mantiene in esercizio il cervello.

Lavorare a maglia migliora la memoria e contemporaneamente aiuta a ridurre la produzione di sostanze che danneggiano l’attività cerebrale.

Aiuta persino a migliorare i disturbi della motricità e dell’attenzione.

3. Esercita la vista

Sono molti gli esercizi che si possono fare a beneficio della salute degli occhi, ma lavorare con i ferri è un modo semplice e divertente per raggiungere lo stesso scopo.

  • I movimenti oscillatori degli occhi aiutano a migliorare l’acuità visiva e ne aumentano la naturale lubrificazione.
  • Tutti questi effetti mantengono più attiva la vista e riducono il rischio di malattie croniche dell’occhio come la cataratta e la degenerazione maculare.

4. Riduce i dolori cronici

Chi soffre di dolori cronici, come quelli prodotti dall’artrite reumatoide, può trarre beneficio dalla pratica quotidiana di questa attività.

  • Il cervello si concentra sul lavoro, impegnato su più fronti, e grazie a questa forma di distrazione il dolore si riduce notevolmente.
  • Il movimento delle mani riattiva la circolazione e diminuisce l’infiammazione, fattore importante quando si tratta di combattere il dolore.

5. Aumenta la felicità

Le persone che sferruzzano abitualmente tendono a preoccuparsi di meno, ricavando una piacevole sensazione di felicità.

Durante questa attività il cervello libera serotonina, un neurotrasmettitore che promuove il benessere mentale.

6. Controlla lo stress

Per quanto inizialmente potrebbe sembrare difficile, lavorare con i ferri è una terapia rilassante che aiuta a calmare gli episodi di stress e ansia.

La tecnica e la concentrazione che richiede sono sufficienti a mantenere la mente attiva e tenerla lontana dalle fonti che favoriscono questo stato emotivo.

Inoltre, è un’attività che si può praticare ovunque, perfetta per quegli spazi di quiete in cui si lascia libera la mente.

7. Aumenta la creatività

Potenzia la creatività e l’immaginazione, aprendo la possibilità ad una miriade di progetti, non solo nel campo della manualità, ma anche in altri aspetti della vita.

8. Migliora la coordinazione

Passare il filo di lana da un ferro all’altro stimola in modo sorprendente la coordinazione del cervello.

Se a questo aggiungiamo la complessità di alcuni lavori e la sfida di portarli a termine, possiamo dire che aumenta la prontezza mentale, il ritmo e la concentrazione.

Non a caso, lavorare con i ferri è una delle terapie più consigliate a chi soffre di disturbi motori.

Leggete anche: Perché il fai da te è eccellente per il cervello?

9. Aumenta l’autostima

Lavorare a maglia, oltre ad essere un ottimo passatempo, è una sfida poiché richiede la capacità di raggiungere un obiettivo.

  • Accettare una sfida e portare a termine un progetto con il tempo contribuisce ad aumentare l’autostima.
  • Superare le difficoltà che si incontrano durante la realizzazione di una bella maglia o di un accessorio è un esercizio personale che vi farà sentire meglio.

Come avete visto, non è solo il tipico svago delle nostre nonne: lavorare ai ferri è un’ottima terapia per coltivare il benessere. 

Che ne dite di provare anche voi le virtù della lana-terapia?

Guarda anche