Quando sai chi sei, non devi dimostrare niente agli altri

1 luglio 2016
Le persone che ci amano sanno come siamo fatti; con loro non abbiamo bisogno di dimostrare niente. Conoscono i nostri limiti e capiscono che la loro libertà finisce dove comincia la nostra.

Il bisogno di dimostrare qualcosa agli altri per essere accettati o apprezzati può essere una notevole fonte di stress.

Se ci soffermiamo a pensare a questo aspetto per un istante, ci renderemo conto che lo facciamo fin troppo spesso: ad esempio, quando per affetto verso un familiare o un amico ci adattiamo a fare un’azione controvoglia o contraria ai nostri principi.

La normale convivenza ci obbliga a compiere gesti volti a rafforzare i legami o semplicemente a compiere quello che sentiamo come un dovere.

Tutto, però, ha un limite e questo limite sono le nostre convinzioni e, soprattutto, la dignità. Quando ci allontaniamo da questi due elementi e ci vediamo costretti a dimostrare quello che non siamo, corriamo il rischio di provare una crisi di identità o di sentirci depressi.

Oggi vi invitiamo a riflettere su questo argomento.

Dimostrare autenticità è una forma di libertà e di benessere interiore

Quando diciamo “no” abbiamo sempre paura di ferire o, ancora peggio, deludere una persona cara. In realtà,”no” è una parola chiave, capace di aprire moltissime porte e opportunità.

A volte, dire “no” agli altri, equivale dire “si” a noi stessi. Facciamo un piccolo esempio. Portare avanti a tutti i costi una relazione di coppia troppo complicata, per quanto ci possa essere l’amore, causerà soprattutto lacrime e infelicità.

Non perdete: Nessuno merita il vostro amore più di voi stessi

In una situazione del genere, dire “no” al momento giusto è faticoso e ci fa apparire duri, ma ci dà l’opportunità di ricominciare e di smettere di soffrire. Se, invece, scegliamo di proseguire, ci allontaniamo da noi stessi e restiamo prigionieri di una sofferenza inutile.

paesaggio non deve dimostrare niente

Il coraggio di dimostrare chi siamo e cosa vogliamo

Dimostrare chi siamo e che cosa vogliamo è una tecnica di sopravvivenza necessaria. Equivale a marcare il nostro territorio, a far capire agli altri dove possono arrivare e a cosa vanno incontro quando si oltrepassano i limiti.

  • Stabilire fin dall’inizio i nostri valori, cosa siamo disposti a sopportare e cosa no, è un’informazione vitale per chi ci sta vicino. Rende tutto più facile, soprattutto la convivenza.
  • Chi non è in grado di impostare questi limiti sta involontariamente concedendo agli altri il diritto di sorpassarli, di pretendere ogni giorno qualcosa di più, di essere sempre a loro disposizione, calpestando i nostri diritti o bisogni.
  • Non si tratta di un atto di egoismo che finirà per isolarci dagli altri; è da considerare, piuttosto, come una “celebrazione di noi stessi”.

Quando cominciamo a vedere chiaro chi siamo, cosa vogliamo e cosa siamo disposti a concedere, emerge una tranquillità interiore che ci fa relazionare molto meglio con il mondo.

Leggete anche: Non riempio vuoti né allevio la mia solutidine: io amo

Ovviamente, dobbiamo diventare pienamente coscienti che anche gli altri hanno diritto di essere autentici, spontanei e di mostrarsi a noi senza falsità.

Nessuno deve essere costretto a fingere qualcosa che non è.

donna si guarda allo specchio e non deve dimostrare niente

So chi sono e mi sento libero

L’indecisione, l’insicurezza e una scarsa autostima ci portano alla continua ricerca di conferme dall’esterno che ci facciano sentire “a posto”. Non è un comportamento corretto.

Chi cerca l’approvazione degli altri cade in una pericolosa spirale di infelicità.

  • Sono quelle persone che cercano continuamente di compiacere il partner perché “solo così si sentono bene”.
  • Sono incapaci di negare qualsiasi cosa a un familiare, anche a costo di andare contro ai propri principi; temono sopra ogni cosa il dare una delusione o un’immagine diversa da quella che, ad esempio, i genitori hanno di loro.
  • Tutto questo può provocare una mancanza di autostima tanto grave da far perdere l’immagine positiva, forte e autentica che dovremmo avere di noi. Il nostro sguardo è così rivolto all’esterno da farci dimenticare noi stessi: e chi non ha cura di sé finisce per smarrirsi.
donna scalza non deve dimostrare niente a nessuno

Potremmo dire che la vita è soprattutto un incontro con noi stessi; soltanto restando connessi con il nostro io saremo in grado di avere relazioni soddisfacenti con gli altri.

È solo allora che si può andare incontro agli altri liberamente, consapevoli dei diritti di ognuno e di quanta magia ci sia nel costruire progetti comuni che ci fanno sentire uniti e allo stesso tempo liberi.

Leggete anche: A volte il prezzo della libertà è la solitudine

Non è facile, senza dubbio. Per questo vale la pena impegnarsi poco a poco, fino a raggiungere quel punto di equilibrio in cui non abbiamo più bisogno di fingere ciò che non siamo o non sentiamo.

Il coraggio di dire “no” è un atto che ci rende liberi; vale la pena metterlo in pratica più spesso.

Guarda anche