Non date la priorità a chi vi considera solo un’opzione

· 1 settembre 2016
Le nostre carenze affettive sono quelle che ci portano a dare la priorità alle persone che non ci apprezzano. Dobbiamo essere consapevoli di quanto valiamo e imparare ad esigere il rispetto che meritiamo. 

Non date la priorità a chi non vi valorizza abbastanza. Dovete dare la giusta importanza alle persone che vi offrono il loro affetto e che vi amano davvero, in ogni momento, in modo disinteressato e senza egoismo.   

L’egoismo, spesso, non è capace di dimostrare riconoscenza, anche quando manteniamo viva la speranza e le nostre aspettative. Bisogna sempre tenerne conto, per evitare di ipotecare il nostro benessere e sottometterlo ai desideri altrui.

Quando una relazione è sana e significativa, è facile che la bilancia raggiunga sia equilibrata. Ciò nonostante, troppo spesso ci tappiamo gli occhi e ci lasciamo trasportare, vivendo nell’inopia e non sopperendo alle nostre necessità affettive.

Presi dall’egoismo ci trasformiamo nella seconda portata

uomo farfalla giallo priorità

È frequente, ad un certo punto, divenire oggetto dell’egoismo altrui e trasformarsi nella “seconda portata” o, per dirlo in altro modo, in un’opzione che dipende dagli interessi degli altri.   

Di solito ci lasciamo trasportare dall’inerzia della relazione. Tuttavia, poco a poco, roviniamo il nostro presente, alimentando speranze in cambiamenti che, probabilmente, non si verificheranno mai.

Vale a dire che, se qualcuno non ci dimostra affetto per un tempo determinato, è difficile che lo faccia in un secondo momento, come per magia. Per questo motivo, ci facciamo abbracciare dal ricordo di un passato che non conosce futuro.

L’interesse e l’affetto intermittenti ci indicano che qualcosa non funziona bene, anche se, com’è normale, ci è difficile ammettere che, con il tempo, le persone ci mostrano il loro aspetto meno gentile e i loro secondi fini. 

Leggete anche: 4 autoesami che potrebbero salvarvi la vita

ragazza terreno per fiori priorità

Il dolore psicologico deriva dall’angoscia relazionale

Il tempo è il gran maestro che ha il compito di farci aprire gli occhi, di aiutarci ad assumere la giusta prospettiva e a valutare gli errori con cui conviviamo. Non è facile, non lo è affatto. Difatti, il dolore che si produce risulta, a volte, insopportabile.

Questo è il dolore emotivo, un dolore che angoscia il nostro cervello. La delusione, il tradimento, le menzogne, il disamore o la perdita provocano una grande sofferenza, che ci distrugge dall’interno.

Questo tipo di sofferenza è da secoli protagonista di poemi e canzoni che ci immergono in un mondo in cui tutti siamo uguali.

Oggigiorno queste intuizioni poetiche hanno ottenuto il supporto di alcuni studi neurofisiologici, i quali confermano che il dolore si rifletta a livello cerebrale.

Curiosamente, quando il nostro cuore si spezza e le nostre emozioni incendiamo il nostro corpo, si attivano, a livello cerebrale, le stesse zone che si attivano quando sopportiamo un dolore fisico. Proprio per questo motivo, affermiamo che l’amore fa male.

I nostri neurotrasmettitori soffrono un grande calo nei momenti in cui le cose si complicano, e qualcosa si rompe dentro di noi.

pianta germoglia nella mano priorità

Le aree cerebrali del dolore fisico condividono gli stessi sentieri del dolore emotivo, poiché un danno in una qualsiasi di queste due modalità attiva la corteccia cingolata anteriore e la corteccia prefrontale.

È uno dei motivi per smettere di sminuire le nostre ferite emotive ed evitare di pensare che si curino semplicemente prendendo aria. Siamo tristemente abituati a impegnarci nel sotterrare i nostri problemi relazionali, fattore che rende ancora più profondo il nostro dolore e complica la risoluzione dei conflitti.

Nascondersi non aiuta, anzi blocca il processo di alleviamento e amplifica il nostro dolore sociale che, com’è evidente, tormenta il nostro cervello e, ovviamente, la nostra mente.

 “Quando si prova risentimento, si è ancorati a quella persona da un vincolo emotivo più forte dell’acciaio. Perdonare è l’unico modo per spezzare quel vincolo e ottenere la libertà.”

-Catherine Ponder-

cuore fiorisce priorità

La dignità non si perde per nessuno

Quando qualcuno ci tratta come un’opzione, è bene iniziare a pensare di dirgli addio. C’è una radicale differenza tra essere orgogliosi ed avere dignità. Se perdiamo la dignità, perderemo noi stessi, danneggeremo la nostra identità e il nostro amor proprio.

Volete saperne di più? Leggete: Sei passi per superare un rifiuto in amore

Le relazioni basate sul rispetto e sull’equilibrio delle necessità sono le più autentiche, libere, solide ed arricchenti.

A volte perdiamo la nostra dignità perché pensiamo che questo ci compensi o perché non sappiamo reagire a diverse situazioni complicate di manipolazione e sottomissione.

Vale a dire, ci abituiamo a trattare come priorità chi ci tratta come un’opzione, perché siamo “sconvolti” da una relazione asimmetrica.

L’amore, le attenzioni e l’affetto non si mendicano. Per questo motivo, dobbiamo avere ben chiaro che vale la pena far entrare nella nostra vita le persone che ci dimostrano che ci fanno bene, che non approfittano della nostra vulnerabilità e che ci desiderano in modo buono e sincero.

Guarda anche