Olio di moringa: caratteristiche e usi

L'olio di moringa è conosciuto per i suoi benefici associati alla cura delle pelle. Serve a pulirla, idratarla e combattere l'acne.
Olio di moringa: caratteristiche e usi

Ultimo aggiornamento: 30 maggio, 2021

L’olio di moringa è noto per le sue qualità benefiche per la salute e la cura della pelle. Di solito viene usato per pulire e idratare la cute e i capelli.

La moringa, o albero del rafano, fa parte della famiglia delle Moringaceae, tipica dei climi tropicali e subtropicali e comprende 13 specie. La più conosciuta è la Moringa oleifera, originaria dell’India e da cui si estrae l’olio.

È possibile trovare questo prodotto in altre forme, ossia polvere, pillole, foglie polverizzate o semi. Scoprite l’olio di moringa, come si estrae e come si usa, così come i suoi benefici e gli effetti collaterali.

Cos’è l’olio di moringa?

L’olio di moringa viene estratto dai semi dell’albero di Moringa oleifera. La pianta è originaria del Kerala, stato che si trova all’estremo sud dell’India.

Una caratteristica di questa specie è che può essere sfruttata in ogni sua parte (semi, radici, corteccia, fiori e foglie), ed è ampiamente utilizzata in diversi ambiti: cucina, cosmetica o medicina. Per questo è conosciuta anche come “pianta dei miracoli” o “albero della vita”.

Il suo olio viene prodotto sotto forma di olio essenziale e da cucina, ed è presente tra gli ingredienti di moltissimi prodotti cosmetici per la cura della pelle e dei capelli.

Come si ottiene?

Come anticipato, l’olio di moringa si estrae dai semi. All’interno del baccello che protegge il nucleo è contenuto circa il 40% di olio.

Il metodo più comune per estrarlo si basa sulla spremitura dei semi con una pressa a bilanciere. Pressare a freddo permette di ottenere olio di qualità decisamente maggiore, anche se in minori quantità.

Alcuni fabbricanti scelgono di riscaldare i semi o usare solventi appositi per estrarre il maggiore quantitativo possibile di olio. Questa pratica consente di aumentare fino al 50% le quantità di olio estratto, diminuendo tuttavia la qualità del prodotto finale. Per un risultato ottimale, si consiglia di pressare a freddo.

Risulta curioso sapere che sono necessari in media 500 semi di moringa (circa 35 baccelli) per ottenere 29,6 ml di olio pressato a freddo, il che spiega come mai quest’olio sia così caro.

Come si può usare l’olio di moringa?

Gli usi dell’olio di moringa risalgono all’antichità, quando veniva impiegato come rimedio naturale e ingrediente per cosmetici topici. Al giorno d’oggi alcuni antichi usi sono stati mantenuti, ma se ne sono aggiunti molti altri:

  • Le industrie di profumi lo usano come agente pulente, idratante e lubrificante grazie al suo alto contenuto di acido oleico (acido grasso monoinsaturo appartenente alla famiglia degli omega-9).
  • Per l’industria alimentare e gastronomica è ritenuto un sostituto economico e nutriente degli oli più costosi, in quanto ricco di proteine e acido oleico.
  • È usato anche dall’industria di energia rinnovabile, secondo uno studio pubblicato su Bioresource Technology, che ha dimostrato il suo uso come biocombustibile o biodiesel. Una vera alternativa al petrolio.
Tipi di olio di oliva aromatizzati.
In gastronomia si può utilizzare come sostituto più economico rispetto ad altri oli.

Quali sono i benefici dell’olio di moringa?

I semi della Moringa oleifera sono una fonte di composti chimici (grassi monoinsaturi, proteine e steroli, tra gli altri) che risultano benefici per la salute. Vediamo nel dettaglio i benefici di questa pianta.

Salute e cucina

Quando si tratta di salute in generale, l’olio di moringa può offrire i seguenti vantaggi:

  • Regola i livelli di colesterolo: secondo una ricerca pubblicata su Nutrientsgli steroli presenti nell’olio commestibile di moringa sono in grado di abbassare i livelli di colesterolo cattivo LDL.
  • È una fonte di antiossidanti: quest’olio ha un alto contenuto di β-sitosterolo, un fitosterolo che si trova naturalmente nelle piante e dalle proprietà antiossidanti e antidiabetiche. Al riguardo sono necessarie ulteriori ricerche.
  • Ha proprietà antinfiammatorie: i composti attivi presenti nell’olio di moringa (tocoferoli, catechine, quercetine, acido ferulico e zeatina) apportano proprietà antiossidanti e antinfiammatorie sia se applicato in forma topica sia se assunto per via orale. Per questo si ritiene possa essere efficace anche contro l’acne.

Cura della pelle e bellezza

I principali benefici per la nostra pelle sono:

  • Idrata: l’olio di moringa è considerato un idratante efficace e ideale per pelli secche e sensibili. Contiene infatti un 40% di grassi monoinsaturi e un 70% di acido oleico, entrambi volti a rafforzare la barriera cutanea, il cui compito è evitare la perdita di acqua e proteggere dagli agenti esterni.
  • Pulisce: grazie al suo alto contenuto di acido oleico, l’olio di moringa può essere usato come detergente viso.
  • Possibili effetti anti-età: quest’olio è ideale per riempire le piccole rughe e ottenere una pelle luminosa e sana; tuttavia, assicuratevi di comprare un prodotto fresco e con ridotte quantità di acido oleico libero.
  • Ha proprietà curative e cicatrizzanti: secondo uno studio pubblicato su Advances in Tradicional Medicine, l’olio di moringa può essere usato per guarire graffi, tagli e bruciature.
  • Combatte ed elimina i segni dell’acne: stando a quanto riportato in uno studio su Lipids in Health and Disease, quest’olio ha proprietà antinfiammatorie in grado di schiarire la pelle e combattere i brufoli. Spesso è contenuto nei prodotti che trattano la pigmentazione, le rughe e le pelli inclini all’acne.
  • Olio essenziale: l’olio di moringa viene sfruttato anche nelle sessioni di aromaterapia.

Quali sono gli altri usi della moringa?

I semi di questa pianta non sono usati soltanto per estrarre l’olio. Insieme ai frutti e alle foglie, possono essere impiegati come mangime per il bestiame.

Inoltre, in alcuni paesi dell’Africa del sud questi semi sono utilizzati nel processo di disinfestazione dell’acqua potabile. Le foglie sono invece usate come concime economico nelle piantagioni.

Effetti secondari dell’olio di moringa

Nonostante la medicina popolare lo consideri un prodotto miracoloso e sia abbastanza facile da usare, non esistono dati scientifici sufficienti a provarne i possibili effetti secondari.

Per questo, prima di utilizzarlo sulla pelle si raccomanda di fare una prova cutanea. Applicatene qualche goccia dietro l’orecchio, lasciate agire per 24 ore e, se scatena qualche reazione, interrompete l’uso.

Usare l'olio di moringa contro gli inestetismi dell'acne.
L’olio di moringa contiene le proprietà necessarie a prevenire e trattare il disturbo dell’acne.

Cosa ricordare di questo speciale olio?

L’olio di moringa è estratto dai semi della pianta Moringa oleifera, la specie più conosciuta di questo genere di alberi tropicali e subtropicali. Il suo uso più comune è come olio essenziale e alimentare.

In quanto ai suoi benefici, sottolineiamo che si tratta di un ottimo antiossidante, antiinfiammatorio e può ridurre i livelli di colesterolo cattivo.

Questo prodotto è salutare anche per la pelle: la idrata e la pulisce, combattendo gli inestetismi dell’acne e attenuando le linee di espressione.

Sottolineiamo che gli effetti secondari di questo prodotto sono sconosciuti. Per questo si raccomanda di effettuare una prova topica o consultare uno specialista prima di adoperare il prodotto.

Potrebbe interessarti ...
I benefici dell’olio essenziale di citronella
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
I benefici dell’olio essenziale di citronella

I benefici dell'olio essenziale di citronella sono oggetto di ricerca. È confermata un'azione interessante in caso di infezione e altri disturbi cu...



  • Rashid, U., Anwar, F., Moser, B. R., & Knothe, G. (2008). Moringa oleifera oil: a possible source of biodiesel. Bioresource technology, 99(17), 8175–8179. https://doi.org/10.1016/j.biortech.2008.03.066
  • Trautwein, E. A., Vermeer, M. A., Hiemstra, H., & Ras, R. T. (2018). LDL-Cholesterol Lowering of Plant Sterols and Stanols-Which Factors Influence Their Efficacy?. Nutrients, 10(9), 1262. https://doi.org/10.3390/nu10091262
  • Meireles, D., Gomes, J., Lopes, L., Hinzmann, M., & Machado J. (2020). A review of properties, nutritional and pharmaceutical applications of Moringa oleifera: integrative approach on conventional and traditional Asian medicine. Advances in Traditional Medicine (ADTM), 20, 1–21. https://doi.org/10.1007/s13596-020-00468-0
  • Nadeem, M., & Imran, M. (2016). Promising features of Moringa oleifera oil: recent updates and perspectives. Lipids in health and disease, 15, 212. https://doi.org/10.1186/s12944-016-0379-0