Isotretinoina per l’acne: benefici ed effetti secondari

17 Marzo 2021
L'isotretinoina è un farmaco altamente efficace, ma che va utilizzato con cautela. Nella maggior parte dei casi risolve problemi di acne, ma può provocare effetti collaterali anche gravi.

L’isotretinoina è un farmaco che viene somministrato nel trattamento dell’acne da moderata a grave. È disponibile in capsule da 10, 20 e 40 milligrammi ed è stata calcolata un’efficacia pari anche all’80% dei casi. In media, il trattamento dura tra i 4 e i 5 mesi.

In alcuni casi, l’isotretinoina viene prescritta anche nel trattamento di problemi cutanei o di alcuni tipi di cancro. Nonostante la sua efficacia, è stata riscontrata una correlazione con effetti secondari e indesiderati di una certa importanza. Provoca malformazioni alla nascita e proprio per questo motivo, le donne in gravidanza non devono farne uso. Non va nemmeno utilizzato in contemporanea a integratori di vitamina A.

Per cosa si usa l’isotretinoina?

Sebbene l’isotretinoina possa essere somministrata nel trattamento di diversi tipi di acne, viene quasi sempre prescritta per trattare una forma di acne severa, nota come acne nodulo-cistica recalcitrante grave. In genere viene prescritta a seguito del fallimento di altri approcci terapeutici.

Si tratta di uno dei farmaci più efficaci contro l’acne. Inoltre, in alcuni casi è indicato nel trattamento di disturbi come la rosacea, l’idrosadenite suppurativa, la follicolite decalvante, la dermatite cronica delle mani, il fotoinvecchiamento cutaneo e la psoriasi. D’altro canto, fa parte anche del trattamento di alcuni tipi di cancro della pelle già dagli anni ’80.

Quali benefici ha sul corpo?

L’isotretinoina è un farmaco che agisce a diversi livelli. Ha un’azione comedolitica, ovvero evita la formazione delle ostruzioni che provocano la comparsa dei comedoni, o punti neri. Questo favorisce un notevole miglioramento delle lesioni già presenti e previene la comparsa di nuove lesioni.

Questo farmaco inibisce la proliferazione di un batterio noto come Propionibacterium acnes. Il microrganismo è naturalmente presente nella pelle, ma la sua proliferazione dà origine a diverse infezioni, tra cui l’acne. Oltre a ciò, l’isotretinoina ha un’azione antinfiammatoria. Uno dei suoi principali benefici è che riduce la produzione di sebo. Questo la rende molto efficace contro diversi problemi della pelle.

Ragazza con problemi di acne.
L’acne si presenta con diverse manifestazioni. Alcune sono gravi, con diverse lesioni cutanee e presenza di comedoni.

Effetti collaterali dell’isotretinoina

Gli effetti secondari dell’isiotretinoina possono essere lievi o gravi. Nel primo gruppo rientra una maggiore secchezza della pelle, delle labbra, del naso e degli occhi. Questo si traduce in labbra screpolate, emorragie nasali e occhi secchi.

Questo effetti secondari scompaiono quasi sempre da sé. In caso contrario, consultate il medico. Inoltre, il farmaco è associato anche ad altre reazioni più gravi che vedremo a breve.

Può anche interessarvi: Curcuma per l’acne: benefici e applicazione

Colesterolo alto

Il farmaco potrebbe indurre un incremento dei livelli di colesterolo nel sangue. Questo vale soprattutto per le persone in sovrappeso, con diabete, sindrome metabolica o per i consumatori di alcol. Ecco perché è importante monitorare l’andamento della situazione con delle analisi del sangue periodiche.

Problemi muscolari e articolari dovuti all’isotretinoina

Sono stati registrati casi di dolori articolari e muscolari nelle persone che consumano isotretinoina. Negli adolescenti potrebbe ostacolare il normale sviluppo della ossa lunghe. Inoltre, può essere causa di debolezza muscolare.

Pressione intracranica

La pressione intracranica non è un effetto comune, ma è molto grave. Può indurre perdita della vista e persino la morte. Si manifesta attraverso sintomi come mal di testa molto intenso, nausea, capogiri, episodi di vomito e vista offuscata. Questa condizione va affrontata quanto prima.

Eruzione cutanea da isotretinoina

In alcuni casi può comparire uno sfogo cutaneo di grave entità, anche se non di frequente. Viene considerato un caso di emergenza medica e può manifestarsi con i seguenti sintomi:

  • Pustole sulle braccia, sulle gambe o in viso.
  • Piaghe sugli occhi, sul naso, in gola o sulla bocca.
  • Desquamazione della pelle.

Danni agli organi e tossicità da isotretinoina

L’isotretinoina può danneggiare alcuni organi, quali il fegato, il pancreas, l’intestino e l’esofago, ma capita raramente. Sintomi come emorragia digestiva, pelle che tende a una tonalità giallastra, urina scura, diarrea o dolore molto intenso di tipo addominale, sono tutti campanelli d’allarme.

Problemi di udito

Sebbene sia poco comune, questo farmaco può causare un peggioramento dell’udito o ronzio alle orecchie. Qualora insorgesse questo problema, è importante rivolgersi immediatamente al medico curante.

Problemi di vista

Questo farmaco può provocare secchezza oculare, ma anche un’eccessiva produzione di lacrime. Inoltre, in alcuni casi è responsabile di offuscamento della vista, vista doppia o vista a tunnel. Potrebbe diventare più difficile vedere al buio.

Reazioni allergiche da isotretinoina

Questo farmaco provoca reazioni allergiche moderate o gravi. In alcuni casi si manifestano degli sfoghi cutanei, lividi sulle gambe o macchie rosse. In caso di orticaria, infiammazione al viso o difficoltà respiratorie, bisogna recarsi al pronto soccorso.

Diabete

Nemmeno questo effetto secondario dell’isotretinoina è così comune. In alcune persone, l’isotretinoina provoca problemi associati agli zuccheri nel sangue, il che può tradursi in diabete. Bisogna prestare attenzione ai sintomi e consultare il medico in caso di qualunque dubbio a riguardo.

Abbassamento dei livelli di globuli rossi

Questo farmaco può indurre un calo dei livelli di globuli rossi nel sangue e provocare malattie come l’anemia. I principali sintomi sono debolezza, stanchezza, nausea, pelle pallida e mani e piedi freddi.

Abbassamento dei livelli di globuli bianchi

Bassi livelli di globuli bianchi favoriscono un maggior rischio di contrarre infezioni. Se una persona manifesta con maggiore frequenza febbre o infezioni durante l’assunzione di questo farmaco, allora dovrà riferirlo al proprio medico. In ogni caso, non capita spesso.

Problemi mentali

L’isotretinoina può causare gravi problemi di salute mentale. Potrebbe favorire depressione, pensieri suicidi e persino psicosi o perdita di contatto con la realtà. In presenza di importanti sbalzi d’umore o di comportamento è necessario consultare il medico.

Potrebbe interessarvi anche: Chimica cerebrale per affrontare la depressione

Considerazioni prima di assumere l’isotretinoina

Malformazione fetale.
Le malformazioni fetali a seguito dell’assunzione di questo farmaco, obbligano a riconsiderare l’assunzione da parte di donne in età fertile.

Chiunque si appresti ad assumere isotretinoina deve essere ben informato sui rischi della somministrazione. In alcuni casi è necessario firmare un consenso informato. Il paziente deve comunicare al proprio medico l’eventuale assunzione regolare di qualunque altro farmaco, integratore o altri tipi di sostanze.

Molti degli effetti gravi riguardano le donne in gravidanza. Chiunque sia in gravidanza o in allattamento non deve assumere questo farmaco e non deve farlo nemmeno chi sta pianificando una gravidanza. Infatti, potrebbe indurre aborto, nascita prematura o malformazione del feto.

Se è una donna ad assumere questo farmaco, dovrà assicurarsi di assumere metodi anticoncezionali affidabili. Nel caso degli uomini, invece, questa sostanza può sopravvivere all’interno del liquido seminale e non è noto se questo abbia conseguenze sulla fecondazione. DI conseguenza, bisogna essere cauti a riguardo.

Un farmaco da assumere con cautela

Bisogna considerare che alcuni degli effetti indesiderati di cui l’isotretinoina è responsabile sono reversibili, ma altri non lo sono. In alcuni casi è sufficiente sospendere il trattamento, ma in altri il danno è permanente.

Nell’assunzione di questa sostanza, la cautela non è mai troppa. Bisogna seguire le indicazioni alla lettera, sottoporsi agli esami prescritti e informare il proprio medico in caso di cambiamenti o di dubbi a riguardo.

  • Rubio-García, Leticia, Nancy Pulido-Díaz, and José Luis Jiménez-López. “Isotretinoína y síntomas de depresión en pacientes con acné severo y recurrente.” Revista Médica del Instituto Mexicano del Seguro Social 53.S1 (2015): 54-59.
  • Santos-Pérez, M., et al. “Sospecha de diabetes mellitus por isotretinoína.” Farmacia Hospitalaria 37.4 (2013): 340-342.
  • Aranda Núñez, A. P. (2019). Estudio de la relación del esfuerzo de corte con la presión en aneurismas cerebrales y la predicción del riesgo de ruptura usando herramientas de inteligencia artificial basado en datos morfológicos, fluidodinámicos y estructurales.
  • Ramos, P. P., Argilagos, C. S., & Tejo, I. L. (2020). Uso de isotretinoína en pacientes con acné nódulo-quístico en el Hospital. Revista Cubana de Farmacia, 52(3), 1-15.
  • Gómez-Flores, Minerva, et al. “Declaración de posición conjunta. Uso de isotretinoína en acné común.” Revista Médica del Instituto Mexicano del Seguro Social 49.3 (2011): 281-288.
  • Concha, Elescano, and Ivy Marcela. “Cambios séricos de colesterol y transaminasas en pacientes tratados con isotretinoína Centro Médico Naval 2014-2015.” (2015).
  • Guzman Rojas, Patricia, et al. “Hepatitis autoinmune inducida por isotretionina.” Revista de Gastroenterología del Perú 36.1 (2016): 86-89.
  • Peña, Ruth Beatriz, Ángela Cadavid, and Walter Cardona Maya. “Posible relación entre el uso de isotretinoína y la presencia de globozoospermia.” Revista Cubana de Obstetricia y Ginecología 37.3 (2011): 428-430.
  • Vega Zuñiga, Julio Hugo. “Monitorización laboratorial para el uso de isotretinoina en el tratamiento del Acné.” (2017).