Per ottenere la calma di cui dispongo, ho dovuto affrontare numerose tormente

8 ottobre 2016
La calma giunge nella nostra vita quando impariamo a dare la priorità alle cose importanti e mettiamo da parte il rumore e tutto quello che ci toglie la felicità.

Il Dalai Lama spesso ci dice che è impossibile raggiungere la pace nel mondo se, prima, non otteniamo la calma dentro di noi, nella nostra mente e nel nostro cuore.

In realtà, nel nostro quotidiano non pretendiamo dare risposta ai problemi del mondo, ci basta, semplicemente, stare bene e godere di quella tranquillità che ha molto a che vedere con il concetto di “calma”.

Raggiungere la calma interna vuol dire saper dire “basta” alle preoccupazioni, ai pensieri ossessivi. Mettere da parte quello che causa infelicità, fastidio o malessere per raggiungere un’armonia interna che coinvolge anche quello che ci circonda.

Non è facile raggiungere questo stato dato che, in molti casi, bisogna affrontare molte tormente personali per le quali non sempre siamo preparati.

Vi spieghiamo come riuscirci.

La calma che giunge dopo la tormenta

Siamo sicuri del fatto che in più di un’occasione avrete vissuto quanto segue: rendersi conto di non poter più portare avanti la relazione con una persona e, alla fine, decidersi e dirle come ci si sente.

Queste situazioni sono normali nel nostro ciclo vitale. Il problema si presenta quando, lungi dall’affrontarle, permettiamo che continuino e che un problema si unisca ad un altro.

Nel caso in cui non sia possibile o non si sappia dare la priorità alle nostre necessità, la nostra vita diventa poco a poco una ragnatela in cui restiamo intrappolati. Il rumore mentale e le tormente attorno a noi ci tolgono felicità

Prendete nota dei passaggi che dovremmo seguire per raggiungere un’adeguata calma interna ed esterna.

donna-luna

Imparare a riflettere

Possiamo chiamarlo riflettere, meditare o, semplicemente, pensare. Che ci crediate o meno, disporre, almeno, di un’ora al giorno per noi stessi durante la quale stare in silenzio e entrare in connessione con il nostro Io interiore è molto terapeutico.

Scoprite 4 posizioni yoga per trattare il mal di schiena

  • L’ideale è poter disporre di un’ora la mattina per poter analizzare la situazione in cui ci troviamo, quali sono le nostre necessità, cosa ci dà fastidio, ci preoccupa e cosa potremmo fare.
  • Lungo il corso della nostra vita è sempre più complicato poter pensare in silenzio e calma, dunque sarebbe adeguato stabilire un appuntamento giornaliero con noi stessi in cui poter meditare e rispettarlo sempre. Renderlo un’abitudine.

Imparare a semplificare la vita

Cosa significa davvero semplificare la vita? Quando una persona inizia a meditare, a riflettere o a pensare alle sue priorità, si rende conto di poter fare a meno di numerose cose.

  • Semplificare significa sapere cosa è importante per noi e dargli la priorità.
  • Se ci sono persone che apportano conflitti, malessere, preoccupazioni o paure, forse è il momento di allontanarle.
  • Se non vi piace qualcosa di voi, è il momento di cambiare o, almeno, di iniziare questo processo.
  • Pensate che una vita semplice a volte è la più piacevole, poiché ognuno di noi è capace di essere felice con quello che possiede, senza problemi né complicazioni.

donna-con-farfalle

No alla critica, praticate l’approvazione

Dopo essere riusciti a mettere da parte quello che ci fa male, arriva il momento di avanzare senza cercare colpevoli di quanto accaduto.

  • Se vi vedete costretti a lasciare il vostro partner o un amico, non alimentate questo momento complicato cercando colpevoli o accumulando ira o risentimento.
  • Le emozioni negative sono il lato opposto della calma interiore. Non godremo mai di calma se esistono paure o odio. Bisogna imparare ad accettare ed evitare le critiche.

Praticare la gratitudine

Sappiamo che non risulta sempre facile praticare la gratitudine quando ci hanno deluso, quando ci hanno tradito o, semplicemente, quando abbiamo avuto più momenti di tristezza che di allegria.

  • Tuttavia, vedere le cose da una prospettiva più rispettosa, calma e riconoscente, senza dubbio, offre un grande equilibrio interiore.
  • Praticare la gratitudine è anche una forma di liberazione e di superare molte tormente. Vuol dire riconoscere il bene fattoci dagli altri e capire che nella vita ci sono molte cose belle da cui trarre beneficio.
  • Una mente calma è una mente riconoscente che sa stabilire priorità, che rispetta e che sa condurre un’esistenza semplice ed umile.
pianeta-torra-e-donna-con-ali

Trovare la calma non ha nulla a che vedere con la riduzione delle nostre attività quotidiane, si tratta solo di trovare quel meraviglioso equilibrio in cui non ci avanza né ci manca nulla.

Vuol dire giungere in quel momento della nostra vita in cui, finalmente, possiamo dirci “sto bene, non ho bisogno d’altro”. 

Una cosa meravigliosa che vale la pena raggiungere. Vi proponiamo di iniziare oggi stesso questo viaggio interiore verso la calma.

Guarda anche