Oximetazolina oftalmica: applicazione ed effetti

7 Ottobre 2019
L'oximetazolina oftalmica è indicata per donare sollievo in caso di occhi arrossati. Tuttavia, può causare alcuni effetti indesiderati e interazioni che è bene conoscere e tenere a mente.

L’oximetazolina oftalmica è un farmaco simpaticomimetico, ad azione diretta di tipo α-agonista. Produce una vasocostrizione dovuta all’azione diretta sui recettori α-2a dell’endotelio vascolare.

Si applica sotto forma topica nell’occhio per provocare una vasocostrizione locale dei vasi sanguigni della congiuntiva. È caratterizzata da un’azione a rapido rilascio che inizia dopo pochi minuti.

L’effetto ha una durata relativamente lunga: di sei ore o più. Inoltre, esiste una bassa percentuale di ricaduta della congestione.

Indicazioni per l’oximetazolina oftalmica

Ragazza che mette il collirio

Questo farmaco è indicato per donare sollievo in caso di occhi irritati. Per questo viene anche utilizzato in presenza di irritazioni lievi, dovute a svariate cause, come allergia, affaticamento oculare o agenti urticanti, per esempio.

Per gli adulti e i bambini al di sopra dei 6 anni, la posologia è di una o due gocce ogni otto ore, da iniettare nel sacco congiuntivale. Per la corretta somministrazione, bisogna separare le palpebre e versare una goccia all’interno della palpebra inferiore, mentre si porta lo sguardo verso l’alto.

Si consiglia di non toccare con le dita il contagocce né di permettere che quest’ultimo venga a contatto con l’occhio. Bisogna tenere l’occhio aperto e cercare di non sbattere le palpebre per qualche secondo. Se tuttavia al termine dei tre giorni di trattamento i sintomi dovessero persistere, è bene sospendere l’applicazione delle gocce e rivolgersi al medico.

In quali casi è controindicata l’oximetazolina oftalmica?

L’oximetazolina oftalmica è controindicata in casi di ipersensibilità a questo principio attivo, a uno degli eccipienti della formulazione o ad altri simpaticomimetici.

Non è indicata nemmeno nei pazienti con glaucoma ad angolo chiuso o nelle persone che presetano una predisposizione a soffrirne. Allo stesso modo, non è indicato nei pazienti ipertesi che non sono seguiti dal medico, con malattie cardiovascolari, iperglicemia e ipotiroidismo.

Quali precauzioni adottare quando si assume l’oxiematazolina oftalmica?

Descrizione del glaucoma

L’uso frequente o prolungato può dare luogo a un maggiore assorbimento del farmaco, con possibili effetti a livello generale. I pazienti che presentano una delle seguenti condizioni devono fare attenzione:

  • Chi soffre di angina pectoris o segue un trattamento a base di digossina.
  • Pazienti che assumono antidepressivi.
  • Ipertesi trattati con metildopa.
  • Pazienti che assumono fenotiazina.
  • Malattie della prostata.
  • Gravi infiammazioni dell’occhio.
  • Minori di 18 anni.

I pazienti che abusano di oximetazolina oftalmica possono sviluppare una dipendenza dal farmaco perché intenti ad alleviare la loro congestione cronica. Oltretutto, se si portano le lenti a contatto, bisognerà rimuoverle prima di utilizzare questo agente e attendere tra i 15 e i 20 minuti.

In caso di gravidanza o allattamento, non sono ancora stati testati gli effetti dell’oximetazolina sul feto. Non sappiamo nemmeno se il farmaco passa al latte materno, dunque bisogna tenere in conto un possibile assorbimento sistemico.

Leggete: 4 esercizi per la salute degli occhi

Effetti indesiderati

Ragazza che mette oximetazolina oftalmica negli occhi

A seguito dell’applicazione di oximetazolina oftalmica si sono osservati effetti collaterali occasionali, come irritazione e dolore agli occhi. Tuttavia, le dosi eccessive o molto prolungate possono provocare assorbimento sistemico e dare luogo a un’eccessiva stimolazione del sistema nervoso centrale o a una depressione paradossica, collasso cardiovascolare, shock e persino il coma.

Può manifestarsi anche un’inibizione delle funzioni del sistema nervoso centrale, come sonnolenza, riduzione della temperatura corporea, ipotensione, apnea e perdita della coscienza.

Leggete anche: Degenerazione maculare: 7 alimenti per proteggere gli occhi

Interazioni con altri farmaci

Esistono interazioni farmacologiche in caso di assunzione di oximetazolina oftalmica in situazioni come:

  • Persone che stanno assumendo o che hanno assunto nelle ultime due settimane antidepressivi triciclici, inibitori della MonoAmminoOssidasi o del metildopa.
  • Pazienti che sono in fase di trattamento a base di fenotiaziona o di farmaci per trattare l’asma, come i broncodilatatori adrenergici.
  • Parallela somministrazione di un altro collirio: in questi casi bisogna aspettare almeno 5 minuti tra la somministrazione dell’uno e dell’altro.

Infine, bisogna dire che il farmaco non va usato oltre i 28 giorni dall’apertura. D’altra parte, per conservarlo correttamente bisogna evitare l’esposizione alla luce e a temperature superiori ai 28 gradi.

Conclusioni sull’oximetazolina oftalmica

L’oximetazolina oftalmica viene utilizzata per calmare i sintomi degli occhi arrossati. Si consiglia di somministrarla per due o tre giorni, al termine dei quali, se non si nota già un miglioramento, bisognerà rivolgersi a uno specialista.

  • Flores Valdez, N. (2013). EndotElina-1: vasoconstrictor intrínseco del endotelio vascular EndothElin-1: intrinsic vasoconstrictor vascular endothelial. REVISTA.

  • Montalvo, R. V. (2001). Artículo de Revisión IRRITACIÓN OCULAR : MODELOS ALTERNATIVOS. Rev Cubana Farm.

  • (2001). Irritación ocular: Modelos alternativos. Revista Cubana de Farmacia.