Perché non riuscite a perdere il grasso addominale?

Una dieta adeguata accompagnata dalla pratica regolare di esercizio fisico rappresenta la combinazione perfetta per riuscire a ridurre l'accumulo di grasso addominale e migliorare la propria salute.
Perché non riuscite a perdere il grasso addominale?

Ultimo aggiornamento: 28 aprile, 2021

Il grasso addominale non è estetico né salutare: ecco perché è fondamentale sbarazzarsene ricorrendo a una strategia adeguata. Il che significa rispettare le indicazioni fornite dal medico e dal nutrizionista, in modo da ottenere buoni risultati senza mettere a repentaglio la propria salute.

Una strategia adeguata non consiste nell’adottare un determinato regime alimentare, bere acqua tiepida col limone a digiuno, fare una serie di cinque addominali ogni settimana o indossare un busto. Non significa neppure fare 11 chilometri di corsa in un giorno per poi non riprendere a fare esercizio se non dopo due mesi.

Avete cercato di liberarvi del grasso addominale, ma senza riuscirci? Se è così, forse state sbagliando una o più cose. Ricordate che perdere peso e modellare il proprio corpo non è qualcosa che si riesce a fare da un giorno all’altro e che è necessario essere costanti, ma soprattutto coerenti, quando decidiamo di adottare e mantenere buone abitudini di vita.

Non riuscite a perdere il grasso addominale? Ecco le possibili ragioni

I motivi per i quali non riuscite a liberarvi del grasso in eccesso possono essere diversi. Li elenchiamo nelle righe che seguono.

Eccesso di grasso addominale.

 

1. Forse non state eseguendo gli esercizi nel modo corretto

Se non siete ancora riusciti a perdere grasso addominale, forse non state eseguendo gli esercizi più adeguati a questo scopo, oppure non lo fate con la frequenza necessaria per ottenere dei risultati.

A volte non basta fare una passeggiata di mezz’ora ogni 5, 7 o 10 giorni, andare a nuotare una volta durante l’estate, ballare, seguire una lezione di yoga alla settimana…

  • Tutte queste attività fanno bene, ma, perché possano avere effetto, devono essere realizzate con una certa regolarità.
  • Oltre ad alternarle, sarebbe bene eseguire esercizi localizzati diverse volte alla settimana, per eliminare il grasso addominale.

Ricordate che, per bruciare i grassi, l’intervento più efficace consiste nel praticare allenamento intervallato ad alta intensità, come afferma uno studio pubblicato in Obesity Reviews.

2. Siete sottoposti a un forte stress e non riuscite a gestirlo adeguatamente

Questo dato è importante, perché non tutti ne tengono conto e vi pongono rimedio. Lo stress cronico (non gestito) può alterare il metabolismo e aumentare i livelli di cortisolo nel sangue.

Lo stress è una delle cause del sovrappeso. Gli alti livelli di cortisolo nel sangue e all’interno delle cellule causano ritenzione di grassi, soprattutto nella zona dell’addome, e ritenzione di liquidi. Inoltre, causano un aumento del desiderio di cibi ricchi di zucchero, grassi e carboidrati. Lo squilibrio di zuccheri nel sangue crea un meccanismo che potrebbe aumentare il rischio di contrarre diabete di tipo 2″, come indicano gli esperti della AARP Foundation.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Abbassare il cortisolo: alcune raccomandazioni

3. Consumate ancora troppi alimenti processati

Se pensate di poter mangiare lattuga per pranzo durante tutta la settimana per poi fare cene a base di cibo spazzatura… allora è possibile che disfarvi del grasso addominale vi risulti difficile. È possibile che accada anche se tutte le verdure che cucinate sono surgelate e poi fritte.

Per riuscire a perdere peso, è necessario evitare tutto il cibo spazzatura, ma anche il pane bianco, i biscotti salati, le patate fritte, qualunque alimento ricco di zuccheri raffinati, le bibite gassate o dolcificate e, in definitiva, tutti gli snack confezionati e i cibi di produzione industriale che non forniscono altro che sale, zucchero e calorie vuote.

Ricordate che è stato dimostrato che i grassi trans contenuti in questi cibi sono in grado di promuovere l’obesità e l’infiammazione.

2. Non siete riusciti a trarre vantaggio dai grassi sani

Ci sono persone che dicono a se stesse: “Niente grassi” ed eliminano dalla propria dieta gran parte di quegli alimenti che, invece, le aiuterebbero a bruciare il grasso addominale.

Esistono dei grassi buoni: i grassi monoinsaturi, che, grazie al loro apporto di Omega 3, possiedono effetti antinfiammatori e ci aiutano a proteggere il cuore e raggiungere e mantenere un peso sano.

Alcune fonti di grassi sani:

  • Avocado
  • Olio di oliva
  • Semi di girasole
  • Noci e frutta secca
  • Pesci grassi (come il salmone)

5. Dormite poco o male

Donna insonne che guarda il cellulare.
Utilizzare la camera da letto per le attività lavorative o di studio è controproducente per il riposo.

Secondo uno studio pubblicato in Obesity, dormire meno di 6 ore danneggia la salute e riduce il benessere psicologico.Ancora peggio, se passiamo tra i 2 e i 3 mesi consecutivi dormendo tra le 5 e le 6 ore a notte. Quindi, se il vostro obiettivo è mantenervi sani e preservare un peso corporeo adeguato, assicuratevi di dormire a sufficienza tutti i giorni. Inoltre, è importante che impariate a seguire delle abitudini adatte prima di andare a dormire, che vi consentano di godere davvero delle ore di riposo.

6. Seguite delle cattive abitudini di igiene posturale

Se fate esercizio ma continuate a mantenere una cattiva igiene posturale, è possibile che vi risulti più difficile disfarvi del grasso addominale. Quindi, cercate di adottare e mantenere una postura corretta in ognuna delle attività svolgete. Ciò significa che non solo dovreste camminare con la schiena dritta, ma anche fare attenzione alla postura che adottate quando sollevate oggetti, eseguite diversi movimenti, siete seduti, ecc.

Fattori chiave per perdere il grasso addominale

 

Lo dicevamo all’inizio: ottenere una pancia soda, piatta e con poco grasso richiede l’adozione di una strategia adeguata, mantenuta nel tempo in modo coerente.

Un piccolo trucco che può esservi utile consiste nel cambiare il modo in cui parlate a voi stessi. Frasi semplici come: “Sto perdendo peso” (invece di: “Voglio dimagrire”) o “Sono orgoglioso degli sforzi che sto compiendo” (invece di “Devo impegnarmi di più”) possono far crescere la vostra motivazione e aiutarvi ad andare avanti.

Ragazza che mangia.
Mangiare lentamente è uno dei modi migliori per evitare l’accumulo di grassi.

Ecco alcuni consigli che vi aiuteranno a liberarvi del grasso addominale:

  • Iniziate la giornata con un bicchiere d’acqua.
  • Gestite lo stress.
  • Dormite tra le 7 e le 9 ore a notte.
  • Realizzate esercizi aerobici e di resistenza.
  • Non saltate nessuno dei pasti principali della giornata.
  • Mangiate pesce come salmone, scombro, aringa, sardine, ecc.
  • Assicuratevi di consumare quantità di fibre sufficienti ogni giorno, ma senza esagerare.
  • Mangiate fonti di proteine, in base alle indicazioni che vi fornisce il medico o il nutrizionista.
  • Eliminate dalla vostra dieta l’alcol, lo zucchero raffinato e i grassi trans. Sostituite questi ultimi con quelli monoinsaturi.
  • Eliminate dalla vostra dieta i cibi ultraprocessati e gli alimenti di produzione industriale. Date la priorità ai cibi freschi.
  • Consumate regolarmente alimenti probiotici invece di yogurt non bianco e con zuccheri aggiunti.

Per eliminare il grasso addominale, migliorate le vostre abitudini

Tutte queste regole possono contribuire a eliminare il grasso addominale e, inoltre, offrire salute e benessere. Ricordate che spesso si tratta di un processo lento, nel quale un ruolo fondamentale è svolto dalla costanza.

Potrebbe interessarti ...
5 esercizi per snellire il girovita e i fianchi
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
5 esercizi per snellire il girovita e i fianchi

Esistono diversi esercizi molto efficaci per snellire il girovita e i fianchi. Potete introdurli tra le vostre abitudini quotidiane senza troppi sf...



  • Wewege M., Berg R., Ward RE., Keech A., The effects of high intensity interval training vs moderate intensity continuous training on body composition in overweight and obese adults: a systematic review and meta analysis. Obes Rev, 2017. 18 (6): 635-646.
  • Ginter E., Simko V., New data of harmful effects of trans fatty acids. Bratils Lek Listy, 2016. 117 (5): 251-3.
  • Patel, S. R., & Hu, F. B. (2008). Short sleep duration and weight gain: A systematic review. Obesity. https://doi.org/10.1038/oby.2007.118