Paura di parcheggiare l'auto: perché succede e come superarla

Provi ansia o stress quando si tratta di parcheggiare l'auto? Succede a milioni di automobilisti ed è un problema che va affrontato con pratica e fiducia in se stessi.
Paura di parcheggiare l'auto: perché succede e come superarla
Elena Sanz

Revisionato e approvato da la psicologa Elena Sanz.

Scritto da Jonatan Menguez

Ultimo aggiornamento: 29 dicembre, 2022

Chi ha la patente sarà d’accordo con l’affermazione che il parcheggio è una delle azioni più complesse della guida. Ancora più difficile è imparare a farlo, istanza che rallenta e paralizza molte persone, al punto che abbandonano la pratica. La paura di parcheggiare l’auto è un problema diffuso che richiede di capire perché accade e suggerimenti per superarla.

Si tratta di un’attività in cui occorre estrema concentrazione e precisione, e i sentimenti di paura non fanno che peggiorare la situazione. In ogni caso, è necessario attraversare un periodo di tensione per acquisire l’esperienza necessaria che ti permetta di parcheggiare con sicurezza.

L’importante è che la paura di affrontare questa istanza non fermi la pratica della guida, cosa che accade e fa sì che molte persone la abbandonino per anni. In linea di principio, si deve scoprire i motivi per cui viene generata. Una volta che si è consapevoli, sarà più facile applicare i seguenti consigli e superare la paura di parcheggiare l’auto.

Che cos’è la “parcheggiofobia” o paura di parcheggiare l’auto?

Paura di parcheggiare l'auto: perché succede e come superarla
Gli spazi ristretti possono essere causa di stress durante il parcheggio.

La paura del parcheggio è così comune che nella lingua inglese esiste già un termine specifico: parking phobia. È un momento in cui si manifestano sintomi di ansia e stress, dovuti a molteplici fattori. Ad esempio, sfiducia, mancanza di esperienza, bassa autostima o paura di provocare la rabbia di altri guidatori.

Tutto ciò può generare una paura tale di affrontare la situazione che porta al totale abbandono della pratica della guida. Sono molti gli automobilisti che la sperimentano, motivo per cui importanti marchi automobilistici hanno concentrato la ricerca sull’agevolazione del parcheggio. Secondo i sondaggi effettuati dal produttore Nissan, il 27% degli automobilisti britannici si sente insicuro quando parcheggia.

Allarmi per indicare la prossimità, specchietti automatici, sensori per misurare la distanza e telecamere posteriori sono alcuni accessori che i nuovi modelli propongono. Tuttavia, sebbene possano facilitare la tecnica, nessuno di loro ti impedisce di dover affrontare la paura per acquisire esperienza.

Perché si verifica la paura di parcheggiare un’auto?

È una paura tanto comune quanto comprensibile. Imparare a guidare significa anche gestire diverse situazioni che provocano nervosismo e stress. Che sia per la paura di provocare un incidente, per le reazioni di guidatori più esperti o per semplice inesperienza, la guida richiede pratica e perseveranza.

All’interno di questa pratica, la situazione di parcheggio accumula alcune delle possibilità più temute, come provocare una coda di veicoli o sfiorare un’auto già parcheggiata. Dalla paura di parcheggiare non sono esenti anche alcuni tra i guidatori più esperti.

Tuttavia, è molto più frequente nei principianti che hanno appena terminato il corso di scuola guida o si esercitano in luoghi tranquilli. Questa situazione si alleggerisce drasticamente quando si percorrono viali o strade trafficate con decine di auto parcheggiate e spazi ridotti.

Questa paura ha un effetto a catena negativo, poiché produce resistenza a riprovare. Tuttavia, la pratica è l’unico modo per superare la  fobia. All’inizio è importante il sostegno della famiglia o di qualsiasi persona di fiducia. Per quanto possibile, queste persone dovrebbero accompagnare il conducente nelle sue prime uscite con il veicolo.

Quali sintomi e conseguenze produce?

Sebbene questo sia un problema comune che viene risolto acquisendo esperienza, per alcuni conducenti potrebbe estendersi nel tempo. Inoltre, sintomi come sudorazione, intorpidimento, brividi, palpitazioni e persino difficoltà respiratorie potrebbero essere più gravi.

Si tratta di effetti legati all’ansia e allo stress di affrontare una situazione complessa. Nei casi più gravi, è consigliabile l’approccio terapeutico. La paura di parcheggiare un’auto può tradursi in brutti movimenti causati dallo stress, che finiscono per peggiorare l’azione. Inoltre, è possibile che generi le seguenti conseguenze.

  • Andare solo in posti tranquilli. Quello che accade più frequentemente è che vengano prese misure evasive alla situazione di parcheggio sotto stress. Ad esempio, guidare solo in luoghi senza traffico o nei fine settimana.
  • Usare solo parcheggi a pagamento. La persona potrebbe finire per pagare inutilmente tariffe elevate per il parcheggio.
  • Guidare di notte. Un altro comportamento evasivo può essere quello di prendere il veicolo solo di notte, quando c’è meno traffico e più spazio per parcheggiare.
  • Usare i mezzi pubblici. Alcuni automobilisti scelgono di abbandonare parzialmente la pratica, utilizzando i mezzi pubblici in situazioni in cui sarebbe più conveniente farlo in auto.
  • Abbandono completo. Infine, la conseguenza più grave è una frustrazione che porta a smettere di guidare per anni, il che significa perdere la pratica.

Suggerimenti per superare la paura di parcheggiare l’auto

Paura di parcheggiare l'auto: perché succede e come superarla
La pratica rende perfetti. Non smettere di parcheggiare l’auto!

Esistono diversi modi per affrontare il problema con l’obiettivo di migliorare gradualmente. Va tenuto presente che la paura del parcheggio può essere affrontata solo con l’esperienza. Pertanto, il consiglio si concentra sull’affrontare la situazione stressante in modo che, a poco a poco, cessi di esistere.

Imparare la tecnica classica per il parcheggio

Ci sono una serie di trucchi sempre infallibili quando si parcheggia. È vero che la pressione del momento rende difficili le azioni, ma più vengono tenute a mente e applicate, più velocemente miglioreranno. In linea di principio, si consiglia di rallentare e ricordarsi di accendere gli indicatori di direzione per avvertire il conducente dietro del movimento.

Per eseguire la tecnica del parcheggio parallelo, l’auto deve essere ferma alla stessa altezza di quella parcheggiata di fronte. Quindi gira la ruota fino in fondo ed entra nello spazio. Quando raggiungi un angolo di 45 gradi, controlla che la ruota anteriore corrisponda al paraurti dell’auto davanti. Gira completamente il volante dalla parte opposta e finisci di parcheggiare il veicolo, sempre ad una distanza simile tra l’auto davanti e quella dietro.

Essere consapevoli

Il momento non dovrebbe essere affrontato credendo che l’ansia, la paura e lo stress possano essere evitati. Per la maggior parte dei conducenti, sono inevitabili, quindi si consiglia di esserne consapevoli e affrontarli. Dovresti sempre cercare di mantenere la calma e cercare di non preoccuparti del giudizio degli altri, anche se suonano il clacson.

Tanta pratica per superare la paura di parcheggiare l’auto

Se disponi di uno spazio adeguato, sistema due sedie davanti e dietro e prova a parcheggiare nel mezzo. La pratica è l’unico modo per migliorare la tecnica e cancellare gradualmente la sensazione di ansia. Sebbene non sia la stessa cosa parcheggiare in questo modo come quando ci sono auto dietro, farlo ripetutamente aumenta la sicurezza e la facilità.

Fiducia e memoria

Sono le sensazioni che ti fanno provare fiducia su cui devi concentrarti. Quando ottieni progressi positivi in alcuni movimenti, sforzati di ricordarli per facilitarne l’assimilazione e la ripetizione. Quindi puoi passare ai passaggi successivi con una base più solida.

Non c’è età

Molte persone potrebbero ormai aver rinunciato a imparare a guidare. Ciò rappresenta un’aggravante della sfiducia, dovuta alla sensazione di credere che sia troppo tardi per farlo. Tuttavia, non esiste un’età specifica da apprendere ed è possibile migliorare le capacità di guida e di parcheggio anche negli anziani.

Prendersi il giusto tempo e cercare un aiuto terapeutico

Un ultimo aspetto da tenere in considerazione è quello di uscire di casa in anticipo. Se sei in ritardo e devi recarti ad un appuntamento importante, la pressione per parcheggiare aumenta rapidamente l’ansia. È meglio disporre di qualche minuto per fare la manovra con pazienza. Nei casi in cui sia molto difficile superare la paura, è possibile ricorrere a terapisti che lavorano su queste problematiche e altre legate allo stress della guida.

Tra queste situazioni, sono è molto comune provare timore all’ingresso di un garage, spesso molto angusto, o in salita, dove è necessario aumentare i giri del motore. Gli psicologi lavorano su queste paure incoraggiando la pratica, il processo decisionale e la fiducia.

Potrebbe interessarti ...
Paura di guidare: a cosa è dovuta?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Paura di guidare: a cosa è dovuta?

Le sensazioni provate da chi ha paura di guidare sono diverse. In alcuni casi temono di provocare un incidente o confondersi con i comandi.




Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.