Perché l'horchata è benefica per il microbiota intestinale?

Studi recenti hanno dimostrato che il consumo di horchata porta dei miglioramenti nel microbiota intestinale. Ti diciamo cosa dice la scienza.
Perché l'horchata è benefica per il microbiota intestinale?
Maria Patricia Pinero Corredor

Scritto e verificato da la nutrizionista Maria Patricia Pinero Corredor.

Ultimo aggiornamento: 17 novembre, 2022

L’horchata è una bevanda rinfrescante a base di succo di noci di tigre tritate mescolato con acqua e zucchero. È originaria di Valencia, in Spagna, ma è molto diffusa anche in America Latina. L’horcahata offre molteplici benefici per la salute, ma soprattutto per il microbiota intestinale. Vediamo perché.

Il microbiota o flora intestinale è un gruppo di batteri che vivono nell’intestino, in simbiosi con il corpo umano in cui abitano. Questi batteri si nutrono e sopravvivono grazie a ciò che mangiamo. Proteggono il corpo dalle malattie gastrointestinali e aiutano la digestione e l’assorbimento dei nutrienti.

Cos’è l’horcata?

L’horchata, noto anche come orxata, è il nome dato a un gruppo di bevande a base vegetale che possono contenere anche latte animale. È una bevanda tradizionale in Spagna e nella sua ricetta originale contiene noci di tigre. Questa è una pianta erbacea che produce un tubero commestibile.

Si inizia lavando il tubero e poi passandolo attraverso un mulino per macinarlo. Si lascia macerare per un po’ e si pigia più volte, fino ad ottenere l’estratto finale.

Poi viene si aggiunge lo zucchero setacciato, ma molte persone la preferiscono senza zucchero. È possibile aggiungere anche cannella, succo di limone o scorza di limone.

Com’è fatto il microbiota intestinale?

I nutrienti che mangiamo vengono assorbiti nel tratto intestinale. Ciò non si ottiene solo dal lavoro degli organi, ma anche dal contributo del microbiota intestinale.

Alcuni lo considerano l’organo più integrato nel corpo. La realtà è che entrambi sono interdipendenti e il loro equilibrio determina la salute umana.

L’intestino umano è abitato da un numero ampio e diversificato di microrganismi, la maggior parte dei quali sono batteri. Ciò include circa 100 trilioni di batteri da 500 a 1.000 specie diverse, secondo gli studi.

Se la relazione con questi batteri è simbiotica e il corpo fornisce habitat e cibo, cosa forniscono i batteri per la salute umana?

Microbiota intestinale.
Secondo alcuni ricercatori, il microbiota dovrebbe essere considerato come un altro organo.

Funzioni metaboliche

Il microbiota sviluppa una serie di funzioni metaboliche importanti per la vita:

  • Metabolizzazione dei carboidrati indigeribili. È il caso della fibra alimentare, dell’amido resistente e dei fruttoligosaccaridi.
  • Produzione di acidi grassi a catena corta, come l’acido grasso butirrico.
  • Assorbimento di calcio, magnesio e ferro, abbassando il pH del lume intestinale.
  • Produzione di vitamine, come K, B12, acido folico e acido pantotenico.

Il microbiota intestinale è quasi unico per ogni individuo. È stato osservato che il cambiamento, l’aspetto o la proliferazione di alcuni batteri può essere associato a miglioramenti della salute.

Difesa contro le malattie

Il microbiota costituisce una sorta di barriera, poiché i batteri occupano uno spazio e impediscono l’impianto di microrganismi estranei nell’ecosistema. L’effetto barriera è dovuto alla secrezione di sostanze antimicrobiche che riducono la proliferazione di altri esseri viventi.

Funzioni trofiche

I batteri intestinali aiutano a controllare la proliferazione e la differenziazione delle cellule epiteliali. Aiutano anche a costruire il sistema immunitario.

Ciò è stato dimostrato in animali allevati in asepsi, che mostrano una bassa concentrazione di flora intestinale e cellule linfoidi. Dopo l’esposizione alla flora convenzionale, il numero di linfociti e immunoglobuline aumenta.

Cosa dice la scienza sull’horchata e il microbiota intestinale?

Uno studio pubblicato sulla rivista Nutrients con 35 volontari a cui è stato chiesto di bere 300 millilitri di horchata al giorno per tre giorni ha rivelato che la loro flora intestinale aveva cambiamenti significativi. È stata osservata una maggiore proliferazione di batteri buoni nelle loro feci.

Sono stati identificati tre distinti enterogruppi prima del consumo di horchata, caratterizzati rispettivamente dalle abbondanze relative di Blautia , Lachnospira, Bacteroides , Ruminococcus e Bifidobacterium. Dopo aver consumato l’horchata, i campioni di tutti i volontari sono stati raggruppati in due gruppi:

  • Uno arricchito in Akkermansia, Christenellaceae e Clostridiales.
  • Un altro con presenza di Faecalibacterium, Bifidobacterium e Lachnospira.

I batteri generati dal consumo di horchata includevano Akkermansia, che è associata alla perdita di peso, così come Christenellaceae e Clostridial. Il Faecalibacterium è associato al controllo del glucosio, così come il Bifidobacterium e il Lachnospir a.

Potrebbe aiutare a perdere peso

In uno studio supazienti obesi con Akkermansia, sono stati osservati un miglioramento della resistenza all’insulina, una riduzione dei marker di disfunzione epatica e una diminuzione della circonferenza dell’anca. Pertanto, se l’horchata stimola un microbiota ricco di Akkermansia, sarebbe una bevanda per sostenere la perdita di peso.

Altre ricerche hanno scoperto che questo sottogruppo batterico ha un ruolo importante nella regolazione del glucosio e del tessuto adiposo. Quando ci sono livelli molto bassi di questo batterio nel microbiota intestinale, le condizioni infiammatorie e il diabete aumentano.

Perdi peso con l'horchata.
È possibile che i cambiamenti che l’horchata genera nel microbiota stimolino la perdita di peso nelle persone che seguono una dieta prescritta a questo scopo.

Utile per controllare il glucosio

La diminuzione del batterio Faecalibacterium è stata associata a diversi disturbi intestinali, come la colite o il morbo di Crohn. Inoltre, partecipa a molteplici processi organici antinfiammatori, poiché produce butirrato, un composto chimico associato anche al controllo della glicemia.

Gli studi hanno scoperto che l’integrazione con questo batterio in pazienti con diabete gestazionale riduce significativamente la glicemia. Quindi l’horchata sarebbe benefica per il microbiota intestinale provocando un cambiamento nei batteri che producono sostanze antinfiammatorie.

Minore è l’infiammazione sistemica, minore è il rischio di sviluppare il diabete. A rigor di termini, una minore infiammazione migliora il metabolismo del glucosio.

Quanta horchata si consiglia al giorno per migliorare il microbiota intestinale?

Esistono diversi studi che mostrano l’effetto dell’horchata sulla proliferazione di batteri benefici nell’intestino. Tuttavia, è necessario prestare una certa attenzione con le quantità da ingerire al giorno.

Se consumato in eccesso può causare diarrea. Pertanto, si consiglia di bere fino a 300 millilitri di horchata al giorno, ma distribuiti in 3 dosi da 100 millilitri.

L’ideale sarebbe non superare i 3 giorni consecutivi di ingestione.

Potrebbe interessarti ...
Bevanda depurativa per eliminare le tossine
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Bevanda depurativa per eliminare le tossine

Limone e spinaci sono i principali ingredienti di cui abbiamo bisogno per preparare questa bevanda depurativa, utile a disintossicare il corpo.



  • Eckburg PB, Bik EM, Bernstein CN, Purdom E, Dethlefsen L, Sargent M, Gill SR, Nelson KE, Relman DA. Diversity of the human intestinal microbial flora. Science 2005; 308:1635-1638
  • Hooper LV, Midtvedt T, Gordon JI. How host-microbial interactions shape the nutrient environment of the mammalian intestine. Annu Rev Nutr 2002; 22:283-307.
  • Lievin V, Peiffer I, Hudault S, Rochat F, Brassart D, Neeser JR, Servin AL. Bifidobacterium strains from resident infant human gastrointestinal microflora exert antimicrobial activity. Gut 2000; 47:646-652.
  • Yamanaka T, Helgeland L, Farstad IN, Fukushima H, Midtvedt T, Brandtzaeg P. Microbial colonization drives lymphocyte accumulation and differentiation in the follicle-associated epithelium of Peyer’s patches. J Immunol 2003; 170:816-822
  • Marta Selma-Royo. Intake of Natural, Unprocessed Tiger Nuts (Cyperus esculentus L.) Drink Significantly Favors Intestinal Beneficial Bacteria in a Short Period of Time. Laboratory of Lactic Acid Bacteria and Probiotics, Department of Biotechnology, Institute of Agrochemistry and Food Technology (IATA-CSIC), Av. Agustin Escardino 7, 46980 Paterna, Valencia, Spain. Nutrients 2022, 14(9), 1709; https://doi.org/10.3390/nu14091709. Received: 24 March 2022 / Revised: 12 April 2022 / Accepted: 14 April 2022 / Published: 20 April 2022
  • M.E. Icaza-Chávez. Microbiota intestinal en la salud y la enfermedad. Vol. 78. Núm. 4. Páginas 240-248 (Octubre – Diciembre 2013). http://www.revistagastroenterologiamexico.org/es-microbiota-intestinal-salud-enfermedad-articulo-S0375090613001468
  • Depommier C, Everard A, Druart C, Plovier H, Van Hul M, Vieira-Silva S, et al. Supplementation with Akkermansia muciniphila in overweight and obese human volunteers:a proof-of-concept exploratory study. Nat Med 2019;25(7):1096-103.
  • Macchione IG, Lopetuso LR, Ianiro G, Napol M, Gibiino G, Rizzatt G, et al. Akkermansia muciniphila:Key player in metabolic and gastrointestinal disorders. Eur Rev Med Pharmacol Sci [Internet] 2019 [citado el 5 de febrero de 2021];23(18):8075-83. Disponible en: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31599433/
  • Ganesan, K., Chung, S. K., Vanamala, J., & Xu, B. (2018). Causal Relationship between Diet-Induced Gut Microbiota Changes and Diabetes: A Novel Strategy to Transplant Faecalibacterium prausnitzii in Preventing Diabetes. International journal of molecular sciences, 19(12), 3720. https://doi.org/10.3390/ijms19123720