Microbiota umano: cos’è e come influisce sulla salute

15 Agosto 2020
Il naturale microbiota del corpo umano è di una complessità straordinaria. Alcuni batteri sono essenziali e convivono nell'organismo in modo permanente, mentre altri rimangono per un tempo determinato.

I batteri sono microrganismi che, nonostante le loro piccole dimensioni, svolgono un ruolo essenziale nel funzionamento del nostro mondo. Si stima che rappresentino il 50% della biomassa totale del nostro pianeta.Anche negli esseri umani è presente un complesso e sorprendente sistema di batteri buoni, indispensabile al normale svolgimento dei processi vitali; è chiamato microbiota umano. 

In questo articolo illustriamo più nel dettaglio il microbiota, chiamato anche microbioma. Vedremo da quali microrganismi è composto e in che modo influisce sulla nostra salute.

Cos’è il microbiota umano?

Il microbiota, o microbioma, è definito come l’intero insieme dei microrganismi che si trovano comunemente in un organismo sano e che sono distribuiti in diverse parti del corpo.

Si viene a creare un’interazione o una relazione di simbiosi tra il corpo umano e l’insieme dei batteri, dato che entrambi traggono beneficio l’uno dall’altro. Alcuni di questi vantaggi sono:

  • I batteri favoriscono la digestione di alimenti che altrimenti non potrebbero essere assimilati dall’organismo umano.
  • Producono vitamine e altri composti che non possono essere ottenuti da altre fonti.
  • Proteggono il nostro corpo dalla colonizzazione da parte di altri microrganismi che possono essere patogeni. Questo meccanismo è conosciuto come antagonismo microbico.

Il microbiota è essenziale per il corretto funzionamento dei nostri sistemi fisiologici. Alcune fonti stimano che in ogni corpo umano convivano circa 100 miliardi di microrganismi. Ciò rende evidente che è impossibile concepire la nostra esistenza, così come è oggi, senza il microbioma.

Le funzioni del microbiota intestinale.

Per saperne di più: Corpo umano: 10 curiosità che forse non conoscete

Tipi di microbiota

Il termine “flora” viene usato impropriamente per definire il microbiota, di fatto è stato stabilito che i batteri non sono in alcun modo correlati alle forme vegetali. È meglio riferirsi ai diversi microrganismi in base alle loro funzioni in quanto ecosistemi microbici. L’insieme delle colonie batteriche presenti nel nostro organismo formano il microbiota umano, che si divide in due tipi:

  • Microbiota autoctono: sono i microrganismi che risiedono nel nostro corpo per un periodo di tempo indefinito e prolungato. Prendono parte ai processi fisiologici e sono in grado di adattarsi all’ambiente in cui vivono.
  • Microbiota alloctono: si tratta di microrganismi presenti in qualsiasi habitat e che possono entrare nel nostro organismo in modo accidentale o transitorio. Non partecipano direttamente ai processi fisiologici, dato che la loro presenza nel corpo umano si basa su contatti casuali.

Il microbioma può essere definito anche in base al tempo di permanenza dei microrganismi nell’organismo umano:

  • Microbiota latente: l’insieme dei microrganismi presenti in un corpo umano durante il suo intero ciclo di vita. Le popolazioni microbiche in genere non fluttuano in modo significativo, rimangono costanti e il rapporto di simbiosi è totale.
  • Microbiota transitorio: presenta continue fluttuazioni nella sua popolazione e non è indispensabile nelle funzioni fisiologiche vitali. Fattori come il periodo dell’anno, l’età o i farmaci possono causare delle variazioni in esso.

I batteri presenti nell’apparato digerente sarebbero una dimostrazione di microbiota autoctono o latente. Sono necessari per il suo corretto funzionamento e vi restano per tutta la vita.

Scoprite anche: Virus e batteri: qual è la differenza?

Da cosa è composto il microbiota umano

Funzioni del microbiota nell'apparato digerente.

In un essere vivente sano, i tessuti interni come il sangue o il cervello sono privi di batteri. Al contrario, i tessuti esterni circondati da mucose, come l’intestino, la pelle o la faringe, abbondano di microrganismi simbiotici.

Si stima che il microbiota intestinale sia composto da 400 specie di batteri. Andando oltre, si calcola che in ogni cellula umana vi siano 10 batteri.

Contemplare tutte le specie significative presenti nel microbiota è praticamente impossibile. Esistono pertanto elenchi delle specie più comuni a seconda della regione del corpo e della loro presenza che può essere frequente, occasionale, rara o potenzialmente patogena. In alcune zone del corpo, tuttavia, è facilmente identificabile:

  • La pelle, dominata da batteri gram positivi.
  • L’intestino, dove l’intero microbiota può arrivare a pesare circa 1,5 kg.
  • La vagina, dove la specie primaria è Lactobacillus (il 96% di tutti i batteri presenti nella parte).
  • La bocca, con un microbioma molto complesso ed eterogeneo del corpo.

Un essenziale mondo microscopico

Il microbiota umano è così complesso e sorprendente da risultare pressoché indecifrabile. Alcuni aspetti sono chiari: certe colonie di batteri sono essenziali e rimangono nel corpo per tutta la vita, mentre altre sono transitorie.

Queste popolazioni batteriche variano a seconda della regione del corpo e dell’individuo, ma nell’insieme costituiscono il normale microbiota umano. 

  • Microbiota normal, wikipedia. Recogido a 19 de mayo en  https://es.wikipedia.org/wiki/Microbiota_normal
  • Bolívar, A. K., & Cátedra, D. A. MICROBIOTA ENDÓGENA DEL CUERPO HUMANO.
  • López Valencia, L. (2017). Avances en el conocimiento del microbioma humano.