Perché tossiamo e quanti tipi di tosse esistono?

26 Febbraio 2020
La tosse è un meccanismo di difesa che serve a liberarsi degli agenti esterni presenti nel sistema respiratorio. In alcuni casi risponde a fenomeni più complessi come le infezioni o altre patologie.

Vi siete mai chiesti perché tossiamo? Si tratta di un sintomo comune a tutti i mammiferi ed è, quindi, presente anche negli esseri umani. Si stima che il 23% delle persone, fumatrici o no, hanno episodi di tosse quando si alzano la mattina, con o senza espettorazione.

Gli adulti, inoltre, prendono il raffreddore due o tre volte l’anno, accompagnato nel 75% dei casi da tosse. Sempre parlando di percentuali, il 13% della popolazione soffre di tosse cronica, ovvero tossisce in modo abituale anche senza raffreddore.

La tosse è un atto riflesso. Può corrispondere al sintomo di una malattia, ma spesso non è così. Si tratta, in generale, di un meccanismo utile a espellere le particelle che irritano le vie aeree. 

Che cos’è la tosse e perché tossiamo?

Il primo aspetto da chiarire è che si tratta di un meccanismo di difesa del nostro corpo di fronte agli agenti esterni. Tossiamo per liberare le vie respiratorie, per espellere particelle o corpi estranei. 

L’atto di tossire è definito come una manovra improvvisa ed esplosiva che avviene in tre fasi. Nella prima apriamo la glottide mediante inspirazione. Nella seconda contraiamo i muscoli respiratori. Nella terza espelliamo l’aria trattenuta nei polmoni con un’improvvisa apertura della glottide.

I recettori della tosse si trovano principalmente nelle vie aeree inferiori. Queste includono la laringe, la trachea e i bronchi. Si trovano altresì nel naso, nei seni nasali, nel condotto uditivo, nella pleura, nel diaframma e persino nel pericardio e nello stomaco.

Leggete anche: Seni paranasali: 5 dati da conoscere

Donna con la tosse
La tosse è un meccanismo di difesa del corpo. Spesso non è il sintomo di malattia o di infezione.

Tipi di tosse

Esistono diversi tipi di tosse e solo alcuni di essi sono motivo di visita medica. A grandi linee si può dividere questo riflesso in tosse produttiva e non produttiva.

La prima è la cosiddetta tosse grassa, accompagnata da catarro o muco. L’aspetto del muco è un elemento clinico importante. La tosse non produttiva, invece, è la tosse secca, senza catarro. Causa prurito, irritazione e molte volte mal di gola. Esiste anche un tipo intermedio di tosse in cui il catarro è presente, ma non si riesce ad espellerlo del tutto.

In base alla durata, la tosse è classificata come acuta o cronica. Si considera acuta quando non supera le tre settimane, cronica quando si estende oltre le tre, quattro settimane. Quest’ultima è di solito accompagnata da irritazione della trachea o della laringe.

Esistono, infine, la tosse convulsa e quella psicogena. La prima è violenta, molto contagiosa e pericolosa nei bambini con meno di sei mesi di vita. La seconda è una tosse di tipo psicosomatico, che di solito appare quando si è molto nervosi.

Perché tossiamo? Le principali cause

La tosse è un sintomo generico collegato a diverse cause. Il più delle volte non è un problema serio e si risolve da sé. Quando è severa o sono presenti altri sintomi, è invece meglio recarsi dal medico. Vediamo i principali motivi per cui si produce la tosse.

Stimoli ambientali

Un ambiente molto fumoso o polveroso provoca i classici colpi di tosse. Ciò avviene anche a causa degli acari. Se la tosse è persistente, è possibile che si tratti di un’allergia cronica o stagionale. Anche i cambiamenti di temperatura possono indurre la tosse.

Leggete anche: Vaccini contro le allergie: domande e risposte

Processi infiammatori

L’infiammazione delle vie aeree ostacola il passaggio dell’aria e può causare tosse o dolore. È ciò che avviene con le malattie classiche da raffreddamento o con patologie più gravi come bronchite, polmonite, asma, cancro del polmone, fibrosi, etc.

Donna con crisi respiratoria e inalatore
Bronchite, asma e altre malattie respiratorie sono le principali cause della tosse.

Altre malattie per cui tossiamo

Disturbi della gola, del naso, dell’orecchio e del condotto uditivo possono provocare la tosse. Un altro disturbo collegato è il reflusso gastroesofageo. Una tosse che peggiora in modo sensibile può essere anche il segnale di insufficienza cardiaca congestizia.

Farmaci

Alcuni farmaci, come gli inibitori dell’enzima convertitore dell’angiotensina (ACE-inibitori), utilizzati con frequenza nel trattamento dell’ipertensione hanno la tosse tra gli effetti collaterali.

Fumo

Tra chi fuma è comune soffrire di tosse cronica. Il fatto che sia abituale o cronica, non significa che sia “normale“. Anche in questo caso è meglio sottoporsi a controllo medico periodico.

Infine, occorre menzionare i fattori psicogeni come l’ansia o il nervosismo. In ogni caso, la tosse è sempre un sintomo da non ignorare.

  • Chung, K. F., & Pavord, I. D. (2008). Prevalence, pathogenesis, and causes of chronic cough. The Lancet. https://doi.org/10.1016/S0140-6736(08)60595-4
  • Dicpinigaitis, P. V., Colice, G. L., Goolsby, M. J., Rogg, G. I., Spector, S. L., & Winther, B. (2009). Acute cough: A diagnostic and therapeutic challenge. Cough. https://doi.org/10.1186/1745-9974-5-11
  • Martin, M. J., & Harrison, T. W. (2015, September 1). Causes of chronic productive cough: An approach to management. Respiratory Medicine. W.B. Saunders Ltd. https://doi.org/10.1016/j.rmed.2015.05.020
  • Holmes, R. L., & Fadden, C. T. (2004, May 1). Evaluation of the Patient with Chronic Cough. American Family Physician.
  • Kwon, N. H., Oh, M. J., Min, T. H., Lee, B. J., & Choi, D. C. (2006). Causes and clinical features of subacute cough. Chest129(5), 1142–1147. https://doi.org/10.1378/chest.129.5.1142