Possibili cambiamenti emotivi e psicologici in gravidanza

Sebbene non tutte le donne incinte sperimentino gli stessi cambiamenti emotivi e psicologici, ce ne sono alcuni che sembrano essere comuni nella maggior parte dei casi. Leggi questo articolo per sapere quali sono!
Possibili cambiamenti emotivi e psicologici in gravidanza

Ultimo aggiornamento: 02 luglio, 2022

Aspettare un bambino è un’esperienza unica. I cambiamenti a cui una donna incinta verrà sottoposta trasformeranno la sua vita per sempre. Ma prima che questa fase cruciale arrivi a termine, è essenziale conoscere i possibili cambiamenti emotivi e psicologici che molte madri attraversano in gravidanza.

Preoccupazioni, paure e ansia possono prendere il sopravvento: è del tutto normale.

Durante la gravidanza, è importante che il partner e la famiglia sostengano la madre in modo che questa possa gestire adeguatamente eventuali cambiamenti emotivi e psicologici. Anche l’aiuto di un professionista della salute mentale può essere una soluzione.

Tutta colpa degli squilibri ormonali

La Federazione di Ostetricia (FAME) spiega che sono i livelli alti di estrogeni e progesterone ad innescare gli squilibri ormonali. Questi possono alterare l’umore, far arrabbiare la madre senza una ragione apparente o farla sentire triste.

Sentirsi così non è certo piacevole, ma tutti questi cambiamenti emotivi e psicologici sono dovuti a una serie di trasformazioni nel corpo che sono praticamente inevitabili, soprattutto durante il terzo trimestre. Per fortuna, è vero anche che ci sono un’altra serie di fattori che contribuiranno al benessere della madre.

Cambiamenti emotivi e psicologici in ogni trimestre di gravidanza

Sebbene ogni donna possa mostrare sintomi diversi, alcuni dei cambiamenti emotivi e psicologici sono abbastanza comuni. Abbiamo deciso di elencarli per trimestre, poiché lo squilibrio ormonale cambia quando si è all’inizio della gestazione piuttosto che quando è quasi giunta al termine.

Preoccupazione per la gravidanza.
Per una donna incinta è normale preoccuparsi, ma se questa preoccupazione si trasforma in stress cronico, influisce sullo sviluppo del feto.

Potrebbe interessarti: Prepararsi all’arrivo del neonato: qualche consiglio

Primo trimestre: paure

Il primo trimestre è molto delicato. L’American College of Obstetrics and Gynecology afferma che l’aborto precoce è comune e che si registra nel 10% delle gravidanze. Questa possibilità può generare molte paure nella madre.

Durante questo trimestre è importante realizzare dei test per rilevare se il bambino ha qualche malattia genetica o alterazioni che danno origine a una sindrome. Questo è certamente un motivo in più di preoccupazione per la futura madre.

Secondo trimestre: cambiamenti nel corpo

Durante il secondo trimestre, inizia ad apparire la pancia e il corpo cambia. I fianchi si allargano, è normale aumentare di peso e la fatica aumenta.

Sebbene questo trimestre sia abbastanza stabile, poiché la nausea è già scomparsa, è possibile provare un certo amore-odio per il proprio corpo.

La madre potrebbe non sentirsi a proprio agio con la nuova forma che ha assunto il suo fisico, potrebbe sentirsi a disagio nel fare sesso o potrebbe preoccuparsi delle smagliature. Tutto ciò influenzerà il suo umore.

Donna incinta davanti allo specchio.
Comprendere i cambiamenti nel corpo di una donna in gravidanza è un modo per ridurre l’ansia con il passare dei mesi.

Terzo trimestre: cambi di umore

Nel terzo trimestre si verificano i maggiori cambiamenti emotivi dell’intera gravidanza. La madre prova un’ambivalenza in cui la gioia per l’arrivo del parto si mescola alla paura (soprattutto nelle neomamme). Anche stanchezza, ritenzione di liquidi e insonnia possono avere un effetto significativo sull’umore.

In questo periodo si scatena l’ansia, perché la futura madre si preoccuperà di tutto ciò che sarà necessario durante il ricovero in ospedale e del fatto che le acque possono rompersi in qualsiasi momento. È normale avere delle paure a questo punto e che queste si confondano con la voglia di diventare madre. In questi casi, chiedere aiuto non fa mai male.

La terapia psicologica durante la gravidanza

Andare dallo psicologo durante la gravidanza per poter godere di questa esperienza il più possibile senza lasciarsi travolgere dai cambiamenti emotivi e psicologici è fondamentale. Tra tutte le decisioni da prendere, quella di andare dallo psicologo potrebbe essere determinante.

Scegliere un terapeuta specializzato nei cambiamenti emotivi e psicologici durante la gravidanza è una scelta saggia e ponderata. Bisogna essere pronte per affrontare al meglio tutte queste trasformazioni, al fine di garantire che il rapporto di coppia sia forte e solido.

Dall’inizio alla fine, la gravidanza può essere magica. Alcune donne si divertono di più perché sperimentano pochissimi sintomi rispetto ad altre. Ad ogni modo, l’arrivo di una piccola persona nel mondo che prende per mano e si aggrappa alla madre è qualcosa di inspiegabile. È un’esperienza che farà dissipare tutte le paure e le preoccupazioni.

Potrebbe interessarti ...
Mommy makeover: ritornare in forma dopo la gravidanza
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Mommy makeover: ritornare in forma dopo la gravidanza

Recuperare la figura pre-gravidanza è il sogno che il mommy makeover, operazione simultanea al seno e all'addome, può avverare.



  • Gavilán-Rodríguez, L., & García-Gavilán, E. A. (2019). Embarazo, parto y puerperio sin la matrona de atención primaria. Relato biográfico de una madre. Archivos de la Memoria.
  • Morales, D. M., Bullones, M. A., Monge, F. J. C., Abellán, I. C., Moure, M. A. M., & Puente, C. P. (2008). Influencia de los factores psicológicos en el embarazo, parto y puerperio. Un estudio longitudinal. NURE investigación: Revista Científica de enfermería, (37), 5.
  • Ramírez, D. L. C., Acosta, M. E. H., Figueroa, R. I. A., Estrada, I. H., & Pérez, J. A. F. (2019). Prevalencia de obesidad y ganancia de peso en mujeres embarazadas. Atención Familiar26(2), 43-47.
  • López, M. E. G., & Calva, E. A. (2007). Alteraciones psicológicas en la mujer con embarazo de alto riesgo. Psicología y Salud17(1), 53-61.
  • Ruiz Chamorro, T. (2017). Impacto psicológico en la mujer durante el embarazo, parto y puerperio. Una revisión de la literatura (Bachelor’s thesis).