Prevenire la polmonite: 6 utili consigli

14 Luglio 2020
La polmonite è un'infezione polmonare che, generalmente, si manifesta come conseguenza di cause sottostanti come l'influenza e il raffreddore. Oggi vi illustriamo le strategie migliori per prevenirla.

La polmonite è una malattia infettiva dell’apparato respiratorio che di solito si manifesta come conseguenza di altre malattie, quali l’influenza e il raffreddore. Può presentarsi a qualsiasi età, anche se i neonati e gli anziani sono maggiormente predisposti a svilupparla. In che modo è possibile prevenire la polmonite?

Al giorno d’oggi disponiamo di diverse strategie per prevenire la comparsa di questa malattia. Esistono due vaccini in grado di ridurne il rischio, soprattutto nelle fasce di popolazione più vulnerabili. Nelle righe che seguono prenderemo in considerazione ulteriori atteggiamenti utili per proteggerci da questa malattia.

6 consigli per prevenire la polmonite

La polmonite non è una malattia contagiosa, anche se in genere si manifesta in seguito a un’infezione respiratoria, come è il caso dell’influenza e del raffreddore che, a loro volta, sono causati da virus, batteri e altri microrganismi. Per fortuna, esistono alcune misure preventive che possono risultare determinanti per evitarne lo sviluppo.

Vi consigliamo di leggere anche: Polmonite: 8 sintomi da non ignorare

1. Vaccinazione

Vaccino per la polmonite
La principale misura preventiva che le fasce a rischio possono adottare è rappresentata dalla vaccinazione, con valenza sia individuale sia collettiva.

Al giorno d’oggi esistono due vaccini volti a prevenire la polmonite: il vaccino antipneumococcico coniugato (PCV13 o Pevnar 13) e il vaccino pneumococcico polisaccaridico (PPSV23 o Pneumovax23). Queste misure, tuttavia, non eliminano del tutto il rischio di polmonite, bensì si limitano a ridurlo.

Il vaccino antipneumococcico coniugato aiuta a contrastare l’attacco di 13 diversi tipi di batteri in bambini e adulti. Fa parte, di fatto, del calendario delle vaccinazioni infantili di routine. Questo vaccino va somministrato anche alle persone con sistema immunitario debilitato, indipendentemente dalla loro età.

Il vaccino pneumococcico polisaccaridico può arrivare a proteggere da 23 tipi di batteri, ma non è consigliata la sua somministrazione ai bambini. In genere viene somministrato ad adulti che hanno superato i 65 anni di età e che hanno già ricevuto il primo vaccino.

Precauzioni:

  • In alcuni casi particolari, il vaccino contro la polmonite è controindicato e deve essere evitato. Tra questi casi sono compresi: persone allergiche al vaccino o ai suoi componenti, donne in gravidanza e pazienti affetti da raffreddore o influenza grave.
  • D’altra parte, entrambi i vaccini possono avere degli effetti collaterali quali arrossamento e dolore nella zona in cui viene praticata l’iniezione, dolori muscolari, febbre moderata e raffreddore.

2. Evitare il tabacco per prevenire la polmonite

Il consumo eccessivo di tabacco è una delle cause principali di malattie croniche dell’apparato respiratorio. Per questa ragione, i pazienti fumatori presentano alte probabilità di essere colpiti da polmonite. In caso di infezioni respiratorie, è di fondamentale importanza abbandonare il consumo di tabacco.

3. Lavarsi spesso le mani

L'igiene delle mani è una misura importante contro molti batteri
L’igiene è un fattore fondamentale per evitare il contagio degli elementi scatenanti della polmonite.

Non lavarsi le mani nel giusto modo è uno dei fattori che incide maggiormente nella comparsa delle patologie del tratto respiratorio. Seppur invisibile a occhio nudo, sulla loro superficie si accumulano numerosi virus e batteri che possono causare gravi infezioni.

Al fine di prevenire la polmonite è fondamentale lavare le mani più volte al giorno, preferibilmente usando acqua tiepida e un sapone antibatterico. Assicuratevi di farlo soprattutto prima e dopo essere stati in bagno e prima di mangiare o di toccarvi per qualunque motivo la bocca.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Polmonite: tipologie e terapie

4. Evitare il contatto con persone ammalate

Come abbiamo detto, la polmonite non è contagiosa. Lo sono, però, le malattie che ne favoriscono l’insorgenza. Quando familiari o amici sono ammalati, è di fondamentale importanza adottare alcune precauzioni, come l’impiego di guanti e mascherine o, semplicemente, evitare di stare vicini.

5. Dormire bene per prevenire la polmonite

Donna che riposa
Quando manifestiamo i sintomi della polmonite, un riposo ristoratore può aiutarci a combattere la malattia.

Dormire bene è determinante nel trattamento di tutte le malattie provocate da un indebolimento del sistema immunitario. Durante il riposo, infatti, si attivano dei meccanismi che risultano fondamentali per combattere contro virus e batteri.

Per prevenire la polmonite, è dunque essenziale concedersi il tempo sufficiente per un riposo adeguato, e questo vale in generale per tutte le infezioni dell’apparato respiratorio. Trovate difficile dormire? Provate i seguenti rimedi:

  • Meditare un po’ prima di andare a letto.
  • Riservare la camera da letto esclusivamente al riposo.
  • Bere un infuso dotato di proprietà calmanti (come la valeriana).
  • Leggere o ascoltare musica rilassante.

6. Seguire una dieta sana

La nutrizione rappresenta un fattore fondamentale per mantenere forte il sistema immunitario. Il consumo di alimenti ricchi di vitamine A, B, C ed E, oltre a minerali come potassio, ferro e calcio, migliora la risposta immunitaria dell’organismo e, di conseguenza, consente di guarire più velocemente dalle infezioni.

Se soffrite di una malattia respiratoria e desiderate prevenire la polmonite, assicuratevi che la vostra dieta comprenda i seguenti alimenti:

  • Agrumi
  • Bacche o frutti rossi
  • Pere e mele
  • Banane
  • Verdure a foglie verdi
  • Carote
  • Pomodori
  • Pesci grassi
  • Carni magre
  • Semi e frutta secca
  • Legumi
  • Cereali integrali

Ricordate che la polmonite è una complicazione molto grave delle infezioni respiratorie. Se ne manifestate i sintomi, rivolgetevi al medico. Prima vi viene offerta assistenza medica, migliore sarà la prognosi.

  • van der Poll, T., & Opal, S. M. (2009). Pathogenesis, treatment, and prevention of pneumococcal pneumonia. The Lancet. https://doi.org/10.1016/S0140-6736(09)61114-4
  • Madhi, S. A., Levine, O. S., Hajjeh, R., Mansoor, O. D., & Cherian, T. (2008). Vaccines to prevent pneumonia and improve child survival. Bulletin of the World Health Organization. https://doi.org/10.2471/BLT.07.044503
  • Bagaitkar, J., Demuth, D. R., & Scott, D. A. (2008). Tobacco use increases susceptibility to bacterial infection. Tobacco Induced Diseases. https://doi.org/10.1186/1617-9625-4-12
  • Besedovsky, L., Lange, T., & Born, J. (2012). Sleep and immune function. Pflugers Archiv European Journal of Physiology. https://doi.org/10.1007/s00424-011-1044-0
  • Chandra, R. K. (1997). Nutrition and the immune system: An introduction. American Journal of Clinical Nutrition. https://doi.org/10.1093/ajcn/66.2.460S
  • Bauer, B. La valeriana: ¿es un somnífero natural seguro y eficaz? Mayo Clinic. https://www.mayoclinic.org/es-es/diseases-conditions/insomnia/expert-answers/valerian/faq-20057875
  • Besedovsky, L., Lange, T. & Born, J. Sleep and immune function. Pflugers Arch – Eur J Physiol 463, 121–137 (2012). https://doi.org/10.1007/s00424-011-1044-0
  • Good hand hygiene by health workers protects patients from drug resistant infections. World Health Organization. https://www.who.int/mediacentre/news/releases/2014/hand-hygiene/en/
  • Baskaran, V., Murray, R. L., Hunter, A., Lim, W. S., & McKeever, T. M. (2019). Effect of tobacco smoking on the risk of developing community acquired pneumonia: A systematic review and meta-analysis. PloS one, 14(7), e0220204. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0220204
  • Pneumococcal vaccine overview. National Health System. https://www.nhs.uk/conditions/vaccinations/pneumococcal-vaccination/