Principali effetti psicologici del multitasking e come evitarli

Salti da un compito all'altro? Ne fai diversi contemporaneamente? Questo può generare stress e un notevole senso di frustrazione.
Principali effetti psicologici del multitasking e come evitarli

Ultimo aggiornamento: 16 luglio, 2022

Quante volte eseguiamo due compiti contemporaneamente? Ad esempio, prendere degli appunti mentre parliamo con qualcuno al telefono o tenere varie finestre aperte sul computer. Questo comportamento è noto come multitasking.

Grazie alla tecnologia e all’iperconnessione, il multitasking è diventato un atteggiamento molto comune. Ma non bisogna dimenticare che non siamo dei computer e che gestire così tante cose contemporaneamente potrebbe sopraffarci. Nonostante tutti i vantaggi del multitasking, il cervello può elaborare un solo compito alla volta.

Multitasking, telelavoro e famiglia

Il telelavoro ha avuto il suo più grande boom durante la pandemia, ma anche dopo. Attualmente, alcune aziende offrono il telelavoro regolarmente ai propri dipendenti.

Per molti, questo è un vantaggio. Magari hanno dei figli e quindi più tempo da dedicare alla famiglia. Tuttavia, questo favorisce il multitasking. Mentre lavori, ti prendi cura dei bambini o metti i panni a lavare, per esempio.

Questo ha qualcosa di positivo? Da un certo punto di vista sembra di sì.

Molte attività possono essere eseguite contemporaneamente sfruttando maggiormente il tempo a disposizione. Tuttavia, sarebbe necessario determinare la reale qualità di ciò che viene fatto.

I risultati potrebbero non essere così soddisfacenti come se fossimo concentrati al 100% su un singolo compito. Pertanto, può essere un’arma a doppio taglio.

Telelavoro e compiti familiari nel multitasking.
Conciliare il familiare con il telelavoro ha i suoi ostacoli, poiché sembra che la qualità di ciò che facciamo diminuisca.

Le conseguenze del multitasking

Uno studio condotto dall’Università della California e dall’Università di Humboldt ha concluso che il multitasking aumenta i livelli di stress. Ciò è dovuto al continuo cambio di compiti e al fatto di non poterli portare a termine. Ebbene, in molte occasioni, il multitasking provoca salti tra alcuni progetti e altri senza che nessuno di essi venga completato.

Anche l’Università del Sussex ha svolto delle ricerche sul multitasking. I risultati ottenuti sono stati sconcertanti.

Sembra che saltare da un compito all’altro o fare due attività simultanee (guardare la TV e stare al telefono contemporaneamente) possa ridurre la materia grigia nel cervello. Ovvero, la regione in cui si concentrano i neuroni.

Senza dubbio, la famigerata conseguenza del multitasking è che la produttività diminuisce. Se stiamo lavorando e riceviamo un’e-mail, interrompiamo ciò che stiamo facendo per esaminarla. Ciò provoca una mancanza di concentrazione sul primo compito, i cui risultati potrebbero essere peggiori del previsto.

Il multitasking può essere evitato?

Non è facile, ma è possibile evitare il multitasking adottando nuove abitudini ed essendo consapevoli che è necessario cambiare. Inoltre, potremmo sentirci frustrati quando percepiamo l’incapacità di concentrarci su un solo compito. Tuttavia, è una questione di pazienza e tenacia.

La tecnica del pomodoro

Un buon modo per evitare il multitasking e le sue conseguenze, è usare la tecnica del Pomodoro. L’obiettivo è concentrarsi su un’attività per 25 minuti e riposare per 5 minuti. Poi ricominciare da capo.

Completando 4 cicli di pomodoro, la pausa può essere aumentata a 15 minuti. È un modo per evitare il multitasking.

Perché questo funzioni devi scegliere un singolo compito e concentrarti su di esso durante quel periodo. Finché i 25 minuti non sono trascorsi, non puoi guardare il cellulare o lasciarti distrarre dall’arrivo di un’e-mail. All’inizio può essere difficile, ma con la pratica tutto migliora.

Stress da multitasking.
Il multitasking aumenta i livelli elevati di stress e frustrazione. Si consiglia di applicare delle tecniche di gestione del tempo.

Leggi anche: Stare troppo tempo seduti: 6 conseguenze per la salute

La matrice di Eisenhower

Un’altra risorsa per evitare il multitasking è la matrice di Eisenhower. In essa sono presenti quattro tabelle, in cui si trovano i compiti importanti, che devono essere differenziati tra urgenti e non urgenti. I compiti non importanti devono essere divisi equamente.

Tuttavia, il modo di procedere prima di ciascuno dipenderà dalla tabella in cui si trova. Ecco un esempio della classifica:

  • IMPORTANTE E URGENTE: eseguire i compiti immediatamente.
  • IMPORTANTE, MA NON URGENTE: calendario con scadenze che possono essere rispettate.
  • NON IMPORTANTE, MA URGENTE: provare a delegare compiti.
  • NON IMPORTANTE E NON URGENTE: cancellare.

Applica questi metodi ed evita il multitasking

Con queste risorse possiamo gestire al meglio le attività che dobbiamo svolgere, senza la necessità di applicare il multitasking. In questo modo eviteremo ansia, stress e tutte le conseguenze che menzioniamo in tutto l’articolo.

Il multitasking può farci passare da un progetto all’altro senza terminarne nessuno. Il risultato? Azioni incompiute e di bassa qualità. Ti sei sentito identificato? In che modo il multitasking ti influenza?

Potrebbe interessarti ...
Trascorrere più tempo di qualità in coppia: 5 trucchi per farcela
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Trascorrere più tempo di qualità in coppia: 5 trucchi per farcela

Trascorrere più tempo di qualità in coppia aiuterà ad aumentare l'intimità emotiva e la soddisfazione per entrambi. Scoprite come fare!



  • Faulkner, KA, Redfern, MS, Cauley, JA, Landsittel, DP, Studenski, SA, Rosano, C., … y estudio de salud, envejecimiento y composición corporal. (2007). Multitarea: asociación entre peor rendimiento y antecedentes de caídas recurrentes. Diario de la Sociedad Americana de Geriatría , 55 (4), 570-576.
  • Loh, K. K., & Kanai, R. (2014). Higher media multi-tasking activity is associated with smaller gray-matter density in the anterior cingulate cortex. Plos one9(9), e106698.
  • Mark, G., Gudith, D., & Klocke, U. (2008, April). The cost of interrupted work: more speed and stress. In Proceedings of the SIGCHI conference on Human Factors in Computing Systems (pp. 107-110).