Proteine nelle urine: sintomi, cause e trattamento

7 Febbraio 2021
Non sempre la presenza di proteine nelle urine indica un problema di salute, a volte dipende da circostanze transitorie. Se persiste, invece, vuol dire che vi è un malfunzionamento dei reni.

Le proteine nelle urine a volte indicano un malfunzionamento dei reni. In linea di principio, questa condizione è asintomatica ed è rilevabile solo mediante un’analisi delle urine. Il più delle volte, pertanto, passa inosservata nelle fasi iniziali.

Le proteine svolgono un ruolo molto importante nel corpo, poiché aiutano a formare le ossa e i muscoli, nonché a regolare la quantità di liquidi nel sangue e prevenire le infezioni, tra le altre funzioni. Tuttavia, non devono passare nelle urine.

Quando le urine sono ricche di proteine per diverso tempo, significa che i reni non stanno assolvendo correttamente alla loro funzione di filtrazione. Questi organi devono eliminare dal corpo le scorie, non le proteine. La presenza di proteine nelle urine è dunque considerato un sintomo precoce di problemi renali che vanno trattati.

Proteinuria: presenza di proteine nelle urine

Campione di urine.

Nelle urine è sempre presente una certa quantità di proteine, un volume basso, di fatto, è considerato normale. In alcune circostanze, inoltre, abbondanza di proteine nelle urine non è considerata anomale. Queste aumentano, ad esempio, dopo l’attività fisica o a causa di un’infezione, soprattutto nei giovani.

Indicano un problema di salute quando i livelli sono costantemente alti. Questa condizione prende il nome di proteinuria se non si evidenziano altre anomalie nelle urine. È quasi sempre il segno di una disfunzione renale che non è stata ancora rilevata.

Un volume elevato di proteine nelle urine è più comune nelle persone con ipertensione o diabete e in quelle con una storia familiare di malattie renali. Tuttavia, chiunque può presentare questa condizione.

Sintomi

La proteinuria ha cause diverse ed è per questo che le sue caratteristiche variano notevolmente da un caso all’altro. Come menzionato, inizialmente non provoca sintomi, che si presenteranno solo quando il disturbo a carico dei reni sarà progredito.

In questi casi possono comparire sintomi come ridotta produzione di urina, ritenzione idrica che causa infiammazione alle caviglie, affaticamento, vertigini, vomito, inappetenza e sapore sgradevole in bocca. Uno dei sintomi più comuni è l’urina schiumosa e viscosa, simile al sapone.

Normalmente la proteinuria viene diagnosticata attraverso un’analisi delle urine. Esiste un test rapido che si esegue immergendo una striscia di controllo nell’urina. Se cambia colore, significa che contiene un’elevata quantità di proteine. Si può procedere anche a un’analisi chimica, più dettagliata.

Scoprite: Gli antibiotici per le infezioni delle vie urinarie

Cause della presenza di proteine nelle urine

Anatomia dei reni.

A volte la proteinuria è una condizione transitoria. Può essere causata da intenso sforzo fisico, febbre, temperature esterne estreme o anche tensione emotiva. In questi casi, la funzione renale viene alterata solo temporaneamente.

La causa più comune di proteinuria grave è la malattia glomerulare, correlata a un’anomalia nel glomerulo, rete capillare che funge da filtro nei reni. La malattia glomerulare a volte è causata da diabete, lupus, preeclampsia e altri problemi di salute.

La proteinuria moderata è in genere causata da anomalie del tubulo renale. In altri casi, la causa scatenante è il fenomeno noto come “overflow”. Si verifica quando le proteine hanno un peso molecolare molto basso e passano facilmente attraverso i reni.

Scoprite: Sostituire le proteine animali: dieta alternativa

Trattamento

Il trattamento della proteinuria dipende dalla causa. Se è conseguenza di una malattia secondaria, questa va trattata per eliminare la presenza di proteine nelle urine.

Più comunemente, quando la malattia scatenante è il diabete o l’ipertensione, vengono prescritti due tipi di farmaci: gli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina, noti come ACE, e i bloccanti del recettore dell’angiotensina, o ARB.

Entrambi i medicinali vengono spesso prescritti quando la malattia di base è il diabete o l’ipertensione. Tuttavia, vengono prescritti anche per prevenire danni ai reni. In qualsiasi caso, la presenza di proteine nelle urine è sempre motivo di consulto medico.

  • Farías, R., Páez, N., García, E. A., Marino, A., Herrera, B., & Padilla, E. (2015). Correlación entre cociente proteína/creatinina y proteinuria de 24 horas en pacientes con enfermedad renal. Acta bioquímica clínica latinoamericana, 49(2), 215-220.