Rimedi per abbassare la febbre nei bambini e negli adulti

30 Settembre 2020
Abbassare la febbre è molto importante per evitare possibili complicazioni. All'inizio possono essere adottati alcuni semplici rimedi, ma se non hanno effetto, è meglio consultare il medico, soprattutto per i bambini.

È molto importante conoscere i diversi rimedi per abbassare la febbre al fine di evitare ulteriori complicazioni. La febbre è un aumento della temperatura corporea, che dovrebbe trovarsi sempre al di sotto dei 37 °C.

Una variazione fino a un grado durante il giorno è considerato normale e aspetti come la dieta, l’esercizio fisico o il clima possono influire sull’aumento della temperatura corporea. Si parla di febbre, invece, quando supera i 38,5 °C.

Cos’è la febbre?

La febbre è il sintomo che il corpo reagisce positivamente a una possibile malattia. Ma attenzione: nei neonati, soprattutto nei lattanti, 38 °C è una temperatura molto alta. In tal caso, deve essere abbassata e può richiedere il ricovero ospedaliero o almeno una consulenza pediatrica. La febbre è quasi sempre associata ad altri sintomi:

  • Mal di testa persistente con una sensazione di oppressione.
  • Brividi e sudorazione.
  • Dolore muscolare con formicolii.
  • Disidratazione con pelle secca, minore produzione di lacrime e scarsa minzione.
  • Inappetenza.
  • Debolezza generale

Nei bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 5 anni, potrebbero presentarsi convulsioni febbrili. In questi casi, è meglio far sdraiare il bambino cercando di proteggerlo per prevenire eventuali lesioni durante la crisi. In seguito, bisogna contattare il medico.

Uomo con la febbre.
La febbre è il segnale di un processo fisiologico interno. La temperatura corporea viene regolata dall’ipotalamo.

Leggete anche: Febbre Q: sapete di cosa si tratta?

Cause

La parte del corpo responsabile della regolazione della temperatura risiede nel nostro cervello e si chiama ipotalamo. Funziona come un termostato, ma per diversi motivi può aumentare il limite di riferimento. È in questo caso che l’organismo trattiene l’aumento del calore generato e si presenta la febbre.

L’aumento della temperatura corporea può essere causata da agenti infettivi, come virus e batteri. Possono anche essere coinvolte malattie infiammatorie, come l’artrite reumatoide, tumori o farmaci che includono tra i loro effetti collaterali l’aumento della temperatura. Infine, tutti i vaccini causano febbre.

Quali sono i rimedi per far abbassare la febbre?

In caso di febbre lieve, il medico molto probabilmente non raccomanderà nessun trattamento specifico, soprattutto in assenza di ulteriori sintomi. Una leggera febbre è il segno che il corpo risponde bene e si sta difendendo da una minaccia esterna. Anche una temperatura elevata, tuttavia, può essere utile per ridurre i microrganismi che causerebbero la malattia.

Quando però la febbre causa ulteriori malesseri o è alta, risulta indispensabile abbassarla. Il medico può prescrivere farmaci da banco come l’ibuprofene o il paracetamolo. Le dosi indicate devono essere rispettate, in quanto assunzioni prolungate o eccessive possono causare danni a carico di reni e fegato.

Se questi farmaci non riescono a ridurre la febbre, è fondamentale una visita medica per determinare la causa scatenante e, in caso di infezione batterica, come la tonsillite o la polmonite, il pediatra potrà prescrivere gli antibiotici adatti. Se invece si tratta di un’infezione virale, gli antibiotici non servono.

Nei bambini, se dopo la prima dose non vi è un miglioramento e la febbre persiste, è necessario informare il pediatra. Non dovrebbe essere somministrata l’aspirina, perché può causare la sindrome di Reye che, sebbene rara, potrebbe essere fatale.

Altre raccomandazioni sui rimedi per abbassare la febbre

Per i neonati, soprattutto se hanno meno di 28 giorni, il ricovero in ospedale è l’opzione migliore. I neonati sono più vulnerabili a gravi malattie che richiedono la somministrazione di farmaci per via endovenosa e cure speciali.

Negli altri casi, è possibile ricorrere a semplici rimedi per abbassare la febbre, purché non si accusino ulteriori disturbi:

  • In caso di disidratazione, bisogna bere sufficiente acqua o, meglio ancora, una soluzione orale. Questa non solo reidrata, ma contiene anche elettroliti, componenti fondamentali per il corretto funzionamento dell’organismo.
  • Il riposo e indossare indumenti leggeri favoriscono la guarigione. Può essere utile anche mantenere fresca la stanza e dormire solo con un lenzuolo o con coperte leggere. Si consiglia, inoltre, di applicare impacchi di acqua tiepida su fronte, ascelle, inguine o pianta del piede.
  • È utile anche fare il bagno con acqua tiepida e bere tisane a base di aglio, basilico, ruta, zenzero, timo e camomilla, addolciti con del miele. Queste bevande dovrebbero essere assunte due o tre volte al giorno.
Rimedi per abbassare la febbre nei bambini.
Bisogna essere particolarmente cauti quando i bambini hanno la febbre. I loro corpi sono più sensibili alle variazioni di temperatura.

Vi potrebbe interessare anche: Come abbassare la febbre in casa con metodi naturali

Dati da prendere in considerazione

Il medico deve essere consultato quando la febbre raggiunge i 38° C nei neonati o i 39° C negli adulti. Questa raccomandazione vale soprattutto quando si accusano anche mal di testa, vomito, irascibilità, dolori addominali, eruzioni cutanee o se la temperatura elevata persiste.

Mantenete la calma, ma al tempo stesso agite con prontezza per far abbassare la febbre. In caso contrario, possono verificarsi complicazioni come convulsioni e perdita di coscienza, che peggiorano le condizioni del paziente e fanno aumentare i rischi.

  • Ochoa-Sangrador, C., & González-de-Dios, J. (2006). Adecuación de la práctica clínica a la evidencia científica en el tratamiento de las convulsiones febriles. Rev Neurol, 43(2), 67-73.
  • Chabalgoity, J., Pereira, M., & Rial, A. (2006). Inmunidad contra los agentes infecciosos. Temas de Bacteriología y Virología Médica. 2a ed. Uruguay: FEFMUR, 99-114.
  • Mohr, P. (2004). Como no perder el control frente a la fiebre. Archivos argentinos de pediatría, 102(1), 80-80.
  • Mollo, Fiorella, and Stella Gutiérrez. “Fiebre por antibióticos.” Archivos de Pediatría del Uruguay 77.3 (2006): 273-278.
  • Mancilla-Ramírez, Javier. “Avances en la fisiopatología y manejo de la fiebre en niños.” Salud en Tabasco 8.2 (2002): 73-82.
  • Tatochenko, V. К. “ONCE AGAIN ABOUT ANTIFEBRILES.” Current Pediatrics 6.2 (2015): 128-130.
  • Padilla Raygoza, Nicolás, and Roberto Cuauhtémoc Figueroa Ferrari. “Síndrome de Reye: historia natural y niveles de prevención.” Rev. mex. pediatr 61.4 (1994): 200-4.
  • Mendoza Collantes, Asunciona. “Uso de plantas medicinales para el alivio de la fiebre por los pobladores del Asentamiento Humano Pedro Castro Alva, Chachapoyas-2014.” (2015).