Rimedi naturali per il prurito e bruciore intimo

È importante mantenere una corretta salute vaginale, priva di disturbi come il prurito o il bruciore. Se presentate questi sintomi, rivolgetevi a un ginecologo per determinare la causa e un trattamento adeguato.
Rimedi naturali per il prurito e bruciore intimo

Ultimo aggiornamento: 06 febbraio, 2021

Sia il prurito che il bruciore intimo sono condizioni che possono avere cause diverse. A volte sono la conseguenza di disturbi quali secchezza vaginale o l’uso di irritanti chimici, come i saponi. Possono essere dovuti anche ad altre cause, come infezioni da lieviti, vaginosi batterica, malattie a trasmissione sessuale.

Nella maggior parte dei casi, tuttavia, non sono motivo di preoccupazione e in genere scompaiono con l’adozione di alcune cure basilari. Ciononostante, si consiglia di consultare il ginecologo, soprattutto in concomitanza di altri sintomi di infezione. Il professionista indicherà un trattamento in funzione della causa.

Per calmare i sintomi, è comunque possibile ricorrere ad alcuni rimedi naturali che possono risultare efficaci. Ricordate, tuttavia, di impiegarli con precauzione e di sospenderne l’uso in caso di reazioni indesiderate. Scopriteli anche voi!

Prurito e bruciore intimo: quali sono le cause?

Secondo una pubblicazione di Dermatologic Clinics, il prurito e il bruciore intimo sono tra i disturbi più comuni tra le bambine e le giovani donne che si rivolgono a medici di base, ginecologi e dermatologi. Secondo questo rapporto, si tratta di sintomi che possono dipendere da più cause simultanee. Tra le più frequenti troviamo:

  • Stress
  • Menopausa
  • Prodotti per l’igiene
  • Micosi o infezione da funghi
  • Infezioni sessualmente trasmissibili (IST)

Rimedi naturali per calmare il prurito e il bruciore intimo

Poiché il prurito e il bruciore intimo possono essere legati a disturbi di natura infettiva e malattie, per ricevere un trattamento efficace è necessario consultare il medico o il ginecologo. In molti casi, però, questi sintomi scompaiono da soli dopo aver adottato misure igieniche di base.

Impacchi freddi

Donna che soffre di prurito e bruciore intimo.

Gli impacchi freddi, applicati in modo adeguato, possono talvolta calmare in fretta e transitoriamente il prurito e il bruciore intimo che vi stanno affliggendo.

Ingredienti

  • 3 cubetti di ghiaccio (30 g)

Modalità d’uso

  • Mettete i cubetti di ghiaccio in un panno perfettamente pulito e legate quest’ultimo con un elastico.
  • Appoggiate l’impacco freddo sulla vagina e lasciate agire per 5 minuti di seguito.
  • Lasciate riposare la zona per 30 secondi e ripetete l’operazione.
  • Applicate l’impacco circa 5 volte per 5 giorni, realizzando al contempo un trattamento di base.

Rimedi NON consigliati per il prurito e il bruciore intimo

Anche nei casi in cui sono stati condotti degli studi, non esistono sufficienti evidenze scientifiche che consentano di confermare la validità di questi rimedi come possibilità di trattamento in presenza di prurito e bruciore intimo. Quindi, in primo luogo è sempre consigliabile rivolgersi al medico e seguire le sue indicazioni. Nel caso in cui desideriate provare qualche rimedio, assicuratevi sempre di parlarne con il professionista sanitario, in modo che quest’ultimo possa indicarvi se è adeguato per voi oppure no.

Aglio

Uno studio pubblicato nel 2006 sulla rivista Fitoterapia ha stabilito che l’aglio può aiutare a combattere 18 ceppi di Candida. Tuttavia, la sua efficacia contro le infezioni è ancora argomento di discussione. Per quanto riguarda le sue applicazioni sull’area genitale, vi sono opinioni discordanti.

Aceto di mele

Le evidenze sulle proprietà dell’aceto di mele per trattare le infezioni vaginali sono limitate. Tuttavia, un recente studio pubblicato su Scientific Reports suggerisce che può essere efficace contro funghi come la Candida albicans, responsabile della candidosi vaginale.

Alla luce di ciò, si ritiene che l’aceto possa essere un coadiuvante in caso di prurito e bruciore intimo associato a questo tipo di infezioni. È sufficiente ricordare che bisogna diluirlo in acqua, in quanto al naturale può essere irritante.

Yogurt greco e miele

Yogurt greco per il prurito e bruciore intimo.

In ambito ginecologico, l’uso dello yogurt rappresenta una questione oggetto di controversie. Mentre alcuni professionisti suggeriscono di evitarlo, altri hanno ritenuto opportuno approfondire i possibili contributi che in alcuni casi è in grado di fornire. Per esempio, è il caso di uno studio pubblicato sulla rivista Archives of Gynecology and Obstetrics, a cui hanno partecipato 129 donne in stato interessante con infezioni intime da funghi. 89 di esse sono state trattate con una soluzione a base di yogurt e miele, mentre le altre 47 hanno ricevuto un trattamento a base di crema antimicotica da banco.

Alla fine i ricercatori sono giunti alla conclusione che la miscela di yogurt e miele era più efficace della crema. Allo stesso modo, uno studio pubblicato nel 2015 ha mostrato risultati simili.

Se sentite prurito e bruciore, evitate di applicare dell yogurt senza prima aver consultato un medico. Ricordate che i risultati dello studio citato non sono definitivi e che, in ogni caso, non prevedono tutte le possibili variabili.

Qual è la cosa migliore che potete fare?

Per alleviare un fastidio presente in una zona così delicata come la vagina, la cosa migliore da fare è consultare il ginecologo. I rimedi casalinghi possono sembrare una soluzione facile, ma possono comunque provocare reazioni avverse; di conseguenza, è necessario essere molto cauti, se desideriamo farne uso. Inoltre, è importante che sia chiaro che, in nessun caso, questi rimedi possono sostituire il trattamento medico.

Se avete dei dubbi su come potete mantenere la vostra salute intima, parlatene con il vostro ginecologo di fiducia, che chiarirà ogni vostra perplessità. Inoltre, ricordate di seguire sempre abitudini di vita salutari.

Potrebbe interessarti ...
Prurito anale: da cosa può dipendere?
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Prurito anale: da cosa può dipendere?

Il prurito anale è, come indica il nome, una fastidiosa sensazione di prurito e irritazione proveniente dall’ano o dalla zona perianale.



  • Foster, D. C. (1993). Vulvitis and vaginitis. Current Opinion in Obstetrics & Gynecology, 5(6), 726–732.
  • READ, J. D. (1962). Vaginitis and vulvitis. Clinical diagnosis and treatment. Journal of the American Medical Women’s Association, 17, 487–490.
  • Yagnik D, Serafin V, J Shah A. Antimicrobial activity of apple cider vinegar against Escherichia coli, Staphylococcus aureus and Candida albicans; downregulating cytokine and microbial protein expression. Sci Rep. 2018;8(1):1732. Published 2018 Jan 29. doi:10.1038/s41598-017-18618-x
  • Bahadoran P, Rokni FK, Fahami F. Investigating the therapeutic effect of vaginal cream containing garlic and thyme compared to clotrimazole cream for the treatment of mycotic vaginitis. Iran J Nurs Midwifery Res. 2010;15(Suppl 1):343–349.
  • Shams-Ghahfarokhi, M., Shokoohamiri, M. R., Amirrajab, N., Moghadasi, B., Ghajari, A., Zeini, F., … Razzaghi-Abyaneh, M. (2006). In vitro antifungal activities of Allium cepa, Allium sativum and ketoconazole against some pathogenic yeasts and dermatophytes. Fitoterapia77(4), 321–323. https://doi.org/10.1016/j.fitote.2006.03.014
  • Williams A. Yogurt: still a favorite for vaginal candidiasis?. J Natl Med Assoc. 2002;94(4):A10.
  • Abdelmonem, A. M., Rasheed, S. M., & Mohamed, A. S. (2012). Bee-honey and yogurt: A novel mixture for treating patients with vulvovaginal candidiasis during pregnancy. Archives of Gynecology and Obstetrics286(1), 109–114. https://doi.org/10.1007/s00404-012-2242-5