Prurito: sintomi, cause e raccomandazioni

22 Novembre 2020
Il prurito è una sensazione spiacevole per via del continuo impulso a grattarsi e alle conseguenti lesioni cutanee. Il più delle volte non è tuttavia necessario intervenire.

Spesso il prurito desta qualche preoccupazione nei bambini e negli adulti. Di conseguenza, è normale cercare il parere medico per indagare sulla natura dello stesso. L’elenco delle possibili cause è molto vario, dai problemi più banali a quelli più gravi.

Il prurito è definito come una fastidiosa sensazione per cui si prova un forte impulso, a volte irrefrenabile, di grattarsi. Ciò si deve alla risposta riflessa dell’organismo ai mediatori immunitari e chimici. L’istamina è quasi sempre coinvolta.

Cos’è il prurito?

È importante chiarire che il prurito è un sintomo, non una malattia. Si verifica dunque in una grande varietà di situazioni, anche non legate alla pelle. A sua volta, può manifestarsi in modo localizzato o generalizzato.

Stabilirne la causa è pertanto importante, così da sapere come intervenire. Si parla di prurito acuto quando dura meno di sei settimane. Quando si protrae per più tempo, si definisce cronico. Può essere evidente nel cuoio capelluto, nel tronco e nelle estremità.

Giovane donna con prurito al braccio.
Il prurito è un sintomo molto frequente, nonché motivo di consulto medico.

Potrebbe interessarvi: Rash cutanei: tipi principali e cause?

Principali cause del prurito

Il prurito può essere accompagnato da lesioni cutanee primarie. Se sono presenti, possono essere un segnale di un disturbo dermatologico.

D’altra parte, in assenza di lesioni cutanee, si deve considerare la possibilità di cause sistemiche esterne alla pelle. Qui includiamo i disturbi neurologici o psicogeni.

Persone con prurito con lesioni cutanee primarie

Le malattie della pelle più comuni che causano prurito diffuso sono:

  • Orticaria: con la presenza di lesioni simili a sfoghi o rash cutanei che possono estendersi e scomparire.
  • Scabbia: malattia causata da un ectoparassita.
  • Prurigo nodularis: relativamente frequente tra i bambini, con una rara forma nodulare.
  • Eczema atopico: macchie infiammatorie nel contesto di dermatiti atopiche e da contatto.
  • Varicella: infezione virale che si manifesta sotto forma di vesciche sulla pelle.
  • Pitiriasi rosea di Gibert: lesioni rosa e squamose.
  • Psoriasi: malattia autoimmune caratterizzata dalla presenza di pelle desquamata.

Senza lesioni cutanee primarie

Si può presentare una varietà di fattori scatenanti tra cui i più comuni:

  • Insufficienza renale cronica: un disturbo della funzionalità renale.
  • Tumori: principalmente quelle del sangue, come la policitemia vera e il linfoma.
  • Colestasi intraepatica o extraepatica: malfunzionamento nel normale flusso della bile.
  • Ipertiroidismo o ipotiroidismo: alterazioni degli ormoni prodotti nella ghiandola tiroidea.
  • Pelle secca o xerosi: gli anziani meritano una considerazione speciale, poiché il prurito è comune in questa fascia di età. La disidratazione può essere la causa più comune. Tende a localizzarsi nelle estremità inferiori.

Prurito localizzato

Se localizzato e in assenza di eruzione cutanea, è spesso di natura neuropatica o psicogena. In particolare, possono manifestarsi sintomi associati come sensazione di bruciore, dolore o perdita sensoriale.

La spiegazione risiede nelle alterazioni della conduzione nervosa associate alle neuropatie. I nervi periferici trasmettono in maniera erronea le informazioni e generano uno stimolo di prurito cutaneo, per cui la persona ha l’impulso di grattarsi costantemente.

Prurito ad una gamba.
Le diverse cause del prurito vanno trattate in modo diverso.

Leggete anche: Mantenere la pelle idratata: utili consigli

Cure generali fino a quando non si ottiene una diagnosi

Il prurito è un disturbo comune, i cui meccanismi patogeni non sono ancora del tutto compresi. Un elemento chiave nella diagnosi è la presenza di un disturbo primario della pelle.

Se vengono identificate lesioni cutanee primarie, ma la diagnosi rimane incerta, può essere eseguita una biopsia cutanea. In generale, l’assenza di manifestazioni ovvie e visibili è sintomo di una causa extra-dermatologica.

Anche se molte cause sono banali e si risolvono spontaneamente, altre richiedono la valutazione del medico. Mentre si indaga sulla causa del prurito, si consiglia di tenere le unghie corte e pulite, di grattarsi delicatamente con il palmo della mano, di indossare indumenti morbidi e in cotone, infine di evitare di fare bagni o docce molto lunghi e caldi.

Si consiglia di usare saponi e idratanti neutri. Caffè, alcol e cibi piccanti sono da evitare, in quanto possono stimolare il rilascio di istamina. Esistono diversi rimedi per calmare il prurito, ma le indicazioni mediche sono indispensabili.

  • Castells M. and col, Mast cell-derived mediators, retrieved on 14 Sep 2020, Evidence-based Clinical Decision Support- UpToDate. https://www.uptodate.com/contents/mast-cell-derived-mediators?search=histamina&source=search_result&selectedTitle=1~150&usage_type=default&display_rank=1
  • Kasper y col., Principios de medicina interna de Harrison, edición número 19, Editorial McGrawHill.
  • Rubinstein A., Medicina familiar y práctica ambulatoria, editorial médica panamericana. Primera edición, 2001.
  • Fazio S., Pruritus: Overview of management, retrieved on 14 Sep 2020, Evidence-based Clinical Decision Support- UpToDate. https://www.uptodate.com/contents/pruritus-overview-of-management?search=prurito&source=search_result&selectedTitle=1~150&usage_type=default&display_rank=1
  • Fazio S., Pruritus: Etiology and patient evaluation, retrieved on 14 Sep 2020, Evidence-based Clinical Decision Support- UpToDate. https://www.uptodate.com/contents/pruritus-etiology-and-patient-evaluation?search=prurito&source=search_result&selectedTitle=2~150&usage_type=default&display_rank=2
  • SCOTT MOSES, M.D., Fairview Lakes Regional Health Care, Lino Lakes, Minnesota, Am Fam Physician. 2003 Sep 15;68(6):1135-1142.
  • Villa-Arango, Ana María, Margarita María Velásquez-Lopera, and Ricardo Cardona. “Prurito crónico.” Revista Alergia México 66.1 (2019): 85-98.
  • Chirinos, Maria Fabiola, et al. “Notalgia parestésica: el prurito anonimo.” Dermatología Venezolana 57.2 (2020).
  • Belda, Lydia Landete, and Esther Escriche Catalá. “Caso clínico complejo de lesiones cutáneas por prurito de origen renal.” Enfermería Dermatológica 10.29 (2016): 34-36.
  • del Valle Díaz, Sergio, et al. “Colestasis: un enfoque actualizado.” Medisan 21.7 (2017): 876-900.
  • Lagos, Armando, Andrés Tirado-Sánchez, and Rosa María Ponce-Olivera. “Actualidades en el tratamiento del prurito crónico.” Dermatología Revista Mexicana 60.3 (2016): 229-246.