Rash cutanei: tipi principali e cause?

23 Settembre 2020
Un'eruzione cutanea causa infiammazione e irritazione. Le varie manifestazioni cliniche presentano tuttavia caratteristiche proprie. Continuate a leggere per saperne di più.

Esistono diversi tipi di rash cutanei, tutti caratterizzati da infiammazione e irritazione della pelle. Alcuni non sono contagiosi, anche se spesso causano imbarazzo o disagio a chi ne soffre.

Poiché si sviluppano in vari modi, hanno anche varie cause. Per lo stesso motivo, si manifestano con segni e sintomi diversi e il loro trattamento non è sempre uguale.

Come possiamo riconoscerli? Qui di seguito indichiamo le caratteristiche e i più comuni rash cutanei. Vi invitiamo a scoprirne di più.

I tipi di rash cutanei più comuni

I rash cutanei, o eruzioni della pelle, sono causati da una varietà di fattori, tra cui il calore, le infezioni, gli allergeni, i farmaci e i disturbi del sistema immunitario. Si consiglia sempre di consultare un dermatologo per una diagnosi accurata e un trattamento appropriato.

Dopo un’adeguata valutazione, il medico può consigliare l’uso di shampoo, creme, unguenti o altri prodotti per calmare i sintomi. Quali sono i rash cutanei più comuni?

Dermatite atopica

Una delle cause frequenti di rash cutaneo è la dermatite atopica. Questa condizione si manifesta con eruzioni e infiammazioni a periodi alterni per tutta la vita.

Spesso provoca intenso prurito e arrossamenti. A seconda dello stadio della malattia, sono comuni anche macchie rosse con vesciche, pieghe della pelle e desquamazione.

La causa di questa malattia della pelle è sconosciuta, ma uno studio pubblicato sull’International Journal of Health Sciences specifica che si verifica più di frequente in persone con una storia familiare di allergie stagionali e predisposizione genetica o asma. Anche i fattori ambientali e dietetici giocano un ruolo importante.

Dermatite atopica nei bambini.
Nella dermatite atopica, le infiammazioni cutanee vanno e vengono a periodi alterni per tutta la vita.

Psoriasi

La psoriasi è una malattia cronica e infiammatoria della pelle, con una forte predisposizione genetica e caratteristiche patogene autoimmuni. Secondo le ricerche dell’International Journal of Molecular Sciences, la prevalenza globale si aggira intorno al 2%, ma varia a seconda delle regioni geografiche.

Le manifestazioni dermatologiche della psoriasi sono varie. Può presentare placche pruriginose, eritematose, con delimitazioni marcate coperte di squame. Le placche possono fondersi insieme e coprire ampie aree di pelle. Le aree più spesso interessate sono le seguenti:

  • Tronco.
  • Cuoio capelluto
  • Ampie superfici negli arti.

Per saperne di più leggete anche: Trattamento della psoriasi: terapie e controindicazioni

Dermatite da contatto

La dermatite allergica da contatto è causata dal contatto diretto con gli allergeni. Spesso interessa solo l’area entrata in contatto con la sostanza. Gli allergeni comuni includono: profumi, bigiotteria, tinture per capelli e cosmetici. In genere si presenta con sintomi quali:

  • Rash cutaneo.
  • Gonfiore e prurito.
  • Secrezioni, vesciche e croste.

Pitiriasi versicolor

La pitiriasi versicolor è un disturbo della pigmentazione cutanea causato da un fungo lipofilo chiamato Malassezia furfur. Si tratta di una micosi superficiale caratterizzata da lesioni cutanee ben definite, leggermente squamose e di colore variabile.

Alcuni studi condotti dalla Brazilian Society of Dermatology indicano una maggiore prevalenza nei giovani durante la pubertà, soprattutto tra le donne. Le lesioni ipocromiche sono quelle più comuni e si presetnano nella parte superiore del corpo.

Dermatite seborroica

La dermatite seborroica è una tra le irritazioni cutanee più comuni. È causata da un’infiammazione degli strati esterni della pelle. Si osserva prevalentemente in aree in cui si concentra un gran numero di ghiandole sebacee.

La sua causa è sconosciuta, tuttavia una pubblicazione scientifica su P&T afferma che può essere associata alla presenza del fungo Malassezia. L’obesità, i climi estremi, le condizioni neurologiche e lo stress sono fattori di rischio. Alcuni dei sintomi sono i seguenti:

  • Pelle arrossata.
  • Croste o squame gialle su viso, orecchie, cuoio capelluto o altre parti del corpo.
  • Prurito e forfora resistente.

Vi potrebbe interessare: Trattamenti efficaci per contrastare la dermatite seborroica

Rash cutanei da herpes zoster

L’herpes zoster è anche conosciuto come “fuoco di Sant’Antonio“. Si tratta di una malattia di origine virale causata dalla riattivazione del virus varicella-zoster che rimane latente nei linfonodi del sistema nervoso dopo una precedente infezione da varicella.

Il virus causa infiammazioni locali e vesciche sulla pelle. Il dolore causato dall’herpes zoster è dovuto all’infiammazione dei nervi colpiti dal virus. Tra i fattori che riattivano l’herpes zoster troviamo:

  • Stress.
  • Farmaci immunosoppressori.
  • Malattia acuta o cronica.
  • Neoplasia maligna.
  • Esposizione al virus
Rash cutaneo da herpes zoster.
I rash cutanei da herpes zoster sono spesso accompagnati da vesciche. Si tratta di un’infezione altamente contagiosa.

Dermatofitosi

La dermatofitosi è anche chiamata “tigna”. È una infezione causate da funghi, che può colpire la pelle e le unghie. I sintomi comprendono desquamazione, prurito ed eruzioni cutanee. Nella maggior parte dei casi si presentano nelle seguenti aree:

  • Cuoio capelluto.
  • Piedi.
  • Inguine.
  • Mento.

È causata da diversi dermatofiti, dunque si classifica a seconda della localizzazione della lesione e del fungo che l’ha causata.

Rosacea e rash cutanei

La rosacea è una malattia infiammatoria cronica della pelle che si trova più spesso negli adulti in aree cutanee altamente visibili, come il viso. È caratterizzata da arrossamenti, brufoli, pustole e vasi sanguigni dilatati.

Spesso è colpita la zona degli occhi e in alcune persone può verificarsi un ispessimento della pelle, soprattutto del naso. Diversi report dermatologici indicano che nel 15-40% dei casi vi si tratta di una condizione ereditaria.

Tre antigeni leucocitari umani, ovvero gli alleli HLA (MCH classe II) sono significativamente associati alla rosacea (HLA-DRB, HLADQB e HLADQA).

Pitiriasi rosea di Gibert

La pitiriasi rosea di Gibert è un disturbo papulo-squamoso acuto che si risolve spontaneamente. È caratterizzato dalla comparsa di una chiazza madre, seguita da chiazze ovali squamose più piccole sul tronco e sulle estremità, con una caratteristica disposizione ad “albero di Natale”.

La causa esatta è sconosciuta, ma le infezioni delle vie respiratorie superiori che la precedono suggeriscono che dipenda da uno streptococco. Colpisce persone di entrambi i sessi, con un’incidenza di circa lo 0,5-2 %. Il rash cutaneo dura di solito dalle 6 alle 8 settimane dalla comparsa della placca iniziale.

Scabbia

La scabbia è un’infezione della pelle causata dall’acaro Sarcoptes scabiei. Provoca un’eruzione cutanea caratterizzata da intenso prurito prevalentemente notturno, escavazioni del parassita e lesioni cutanee secondarie.

La sua trasmissione avviene per contatto diretto o fomites, ovvero per mezzo di vettori inanimati. In particolare i capi d’abbigliamento possono essere vettori di questo acaro, nei quali rimane vitale tra i 2 e i 5 giorni. Sono sufficienti dieci minuti di contatto pelle a pelle per trasmettere gli acari a un altro individuo.

Questa patologia è stata classificata nel 2009 come malattia legata all’acqua dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), e rappresenta un grave problema sanitario in molti Paesi in via di sviluppo.

Che fare in caso di rash cutanei?

Per i diversi rash cutanei esistono trattamenti specifici. Di fronte ai sintomi, dunque, si consiglia sempre di rivolgersi a un dermatologo per conoscere le possibilità di trattamento in base al quadro patologico.

Lo specialista, a sua volta, consiglierà le cure necessarie per tenere sotto controllo il disagio. In alcuni casi sarà sufficiente l’applicazione di prodotti topici, mentre in altri bisognerà ricorrere a medicinali e interventi di diversa natura.

  • Rendon A, Schäkel K. Patogénesis y tratamiento de la psoriasis. Int J Mol Sci . 2019; 20 (6): 1475. Publicado el 23 de marzo de 2019. doi: 10.3390 / ijms20061475
  • Kolb L, Ferrer-Bruker SJ. Atopic Dermatitis. [Updated 2020 May 3]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2020 Jan-
  • Al-Shobaili HA, Ahmed AA, Alnomair N, Alobead ZA, Rasheed Z. Molecular Genetic of Atopic dermatitis: An Update. Int J Health Sci (Qassim). 2016;10(1):96-120.
  • Murphy PB, Hooten JN, Atwater AR, et al. Allergic Contact Dermatitis. [Updated 2020 May 13]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2020 Jan
  • Berk T, Scheinfeld N. Seborrheic dermatitis. P T. 2010;35(6):348-352.
  • Gupta AK, Bluhm R, Summerbell R. Pityriasis versicolor. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2002;16(1):19-33. doi:10.1046/j.1468-3083.2002.00378.x.
  • Santana JO, Azevedo FL, Campos Filho PC. Pitiriasis versicolor: caracterización clínico-epidemiológica de pacientes en el área urbana de Buerarema-BA, Brasil. Un Dermatol Bras . 2013; 88 (2): 216-221. doi: 10.1590 / S0365-05962013000200005
  • Nair PA, Patel BC. Herpes Zoster (Shingles) [Updated 2020 Jun 23]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2020 Jan
  • Tainwala R, Sharma Y. Pathogenesis of dermatophytoses. Indian J Dermatol. 2011;56(3):259-261. doi:10.4103/0019-5154.82476
  • Mikkelsen CS, Holmgren HR, Kjellman P, et al. Rosacea: a Clinical Review. Dermatol Reports. 2016;8(1):6387. Published 2016 Jun 23. doi:10.4081/dr.2016.6387
  • Litchman G, Nair PA, Le JK. Pityriasis Rosea. [Updated 2020 Jun 28]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2020
  • Gilson RL, Crane JS. Scabies (Sarcoptes Scabiei) [Updated 2020 Jul 2]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2020