Sciacqui con olio per depurare il corpo

3 Aprile 2014
Gli sciacqui con olio sono un modo alternativo, semplice ed economico per disintossicare il corpo e gli organi interni

Probabilmente pochi di voi avranno sentito parlare del potere disintossicante degli sciacqui con olio. Il nostro corpo è pieno di tossine che derivano da cattiva alimentazione, inquinamento, stress ed emozioni negative, medicine, eccessi in generale, poco esercizio fisico, etc.

Queste tossine sono eliminate costantemente in modo naturale (attraverso l’urina, il sudore, la respirazione, etc.), ma è bene, di tanto in tanto, realizzare anche un trattamento naturale che aiuti a eliminare gli scarti. Se fate della depurazione un’abitudine, aiuterete il vostro corpo a prevenire malattie croniche e problemi più gravi.

Un modo alternativo, semplice ed economico per disintossicare il corpo è attraverso gli sciacqui con olio. Si tratta di una pratica indicata specialmente quando ci sono problemi nella cavità orale; tenete in considerazione, tuttavia, che le diverse parti del corpo non funzionano in modo indipendente. Per questo motivo, eliminare le tossine attraverso la bocca è in realtà un modo per pulire il corpo in generale.

Si tratta di una tecnica ayurvedica (antica medicina tradizionale dell’India). È indicata soprattutto in caso di disturbi come:

  • mal di testa ed emicrania
  • eccesso di muco e sinusite
  • asma
  • malattie della pelle
  • allergie
  • infezioni della bocca, problemi alle gengive, placca dentale, gengivite, macchie sui denti e denti deboli

Leggete anche: Dentifricio con olio di cocco: benefici

Sciacqui con olio: di che cosa avete bisogno?

bambino con girasole

L’unico ingrediente è l’olio di girasole o di sesamo di prima spremitura a freddo.

Come si realizzano?

Ogni mattina, a digiuno e prima di aver mangiato, bevuto o esservi lavati i denti, mettete una cucchiaiata di olio di girasole o di sesamo in bocca e rigiratelo per tutta la bocca per 15 o 20 minuti. Attenzione: non si tratta di gargarismi, ma di risciacqui.

Potete fare movimenti con la mandibola e muovere la lingua, cercando di portare l’olio nelle diverse zone della bocca (anche sotto la lingua e in fondo). Dopo un po’ noterete che l’olio diventerà meno denso e più schiumoso, quindi potrete sputarlo.

A quel punto l’olio dovrebbe aver assunto un colore biancastro; se continua ad essere giallognolo significa che non lo avete tenuto in bocca a sufficienza.

Dopo averlo sputato, sciacquate bene la bocca con dell’acqua e, se volete, lavatevi i denti. È buona norma bere uno o due bicchieri d’acqua dopo aver realizzato gli sciacqui, in modo da potenziare la depurazione.

Leggete anche: Afte in bocca: 7 rimedi naturali

Indicazioni

È molto importante non mandare giù l’olio e sputarlo tutto. Quell’olio, infatti, è carico di batteri e tossine provenienti dalla bocca e dal canale digestivo.

All’inizio potreste notare alcune “crisi curative”, vale a dire segnali che il corpo vi lancia per indicarvi che si sta depurando (brufoletti, mal di testa e simili). In ogni caso questi disturbi dovrebbero essere leggeri e durare al massimo qualche giorno. Se sono forti o durano per troppo tempo, iniziate a ridurre la frequenza o la durata degli sciacqui.

Raccomandiamo, infine, di consultare un naturopata o un terapeuta prima di realizzare la depurazione, per adattarla al vostro stato di salute.