Ragadi anali: soluzioni naturali per alleviarle

Anche se non rappresenta una cura, un modo per dare sollievo in caso di ragadi anali è consumare molta fibra e acqua per favorire l’evacuazione ed evitare di sforzarsi
Ragadi anali: soluzioni naturali per alleviarle
Lourdes Martínez

Revisionato e approvato da la farmacista Lourdes Martínez.

Ultimo aggiornamento: 11 ottobre, 2022

Le ragadi anali sono un problema fastidioso e molto doloroso che molte persone soffrono in silenzio. Può trattarsi di un disturbo occasionale o di una malattia cronica che bisogna trattare prima possibile per evitare il rischio di sanguinamento importante e regolare l’evacuazione intestinale.

In questo articolo condividiamo le migliori soluzioni naturali per le ragadi anali. In questo modo potremo prevenirle e trattarle in modo semplice con rimedi casalinghi come acqua fresca, aloe vera e olio di cocco o calendula.

Cosa sono le ragadi anali?

Le ragadi anali sono piccoli tagli nella mucosa che ricopre l’ano. La causa principale è l’evacuazione di feci grandi e dure caratteristiche degli episodi di stitichezza. Si tratta di un problema molto doloroso che può comportare il sanguinamento e una cicatrizzazione difficoltosa.

Il trattamento delle ragadi anali, pertanto, deve puntare su due elementi:

  • Regolare il transito intestinale e facilitare l’idratazione e l’espulsione delle feci.
  • Applicazione di rimedi topici locali che calmino il dolore e favoriscano la cicatrizzazione prima possibile.
Rimedi contro la stitichezza

Come regolare la funzione intestinale?

Se soffriamo di disturbi intestinali, non troveremo la soluzione in un farmaco. I rimedi naturali non riescono a offrire soluzioni a lungo termine, bensì effetti rapidi per donare sollievo. La soluzione a lungo termine consiste nel rivedere la propria alimentazione e le abitudini quotidiane:

  • Alla base della nostra dieta devono esserci frutta e verdura, crudi o cotti (succhi, frullati, insalate, verdure saltate, ecc), dobbiamo assumerli a ogni pasto.
  • Ogni volta che possiamo, scegliamo alimenti integrali (cereali, farine, pasta, ecc.).
  • Consumando molta fibra, il corpo avrà bisogno di acqua per assimilarla. Dobbiamo bere almeno due litri di acqua al giorno lontano dai pasti.
  • Non dimentichiamo i legumi, la frutta secca e i semi nel nostro menù settimanale.
  • Fare sport due o tre volte alla settimana e combattere la sedentarietà, in particolare se stiamo molte ore fermi durante la giornata.
  • Combattere lo stress e gli scompensi nervosi.

Soluzioni naturali per le ragadi anali

1. Acqua fredda

Se soffriamo di ragadi anali, abbiamo bisogno di sollievo immediato al dolore e prurito improvvisi. Anche se non rappresenta una soluzione al problema, l’acqua fredda ci aiuta a calmare subito il fastidio. Ma dovremo adottare anche altri trattamenti.

Dobbiamo applicare l’acqua fredda in maniera diretta sulla zona interessata. La cosa più facile è farlo sotto la doccia o nel bidet. Se non è possibile, possiamo anche usare un piccolo asciugamano e inumidirlo in un recipiente con dell’acqua fredda per poi applicarlo.

In caso di ragadi anali bisogna evitare l’uso di carta igienica comune che di solito provoca o aggrava il problema. È possibile usare salviettine imbevute o lavarsi direttamente nel bidet.

2. Oli vegetali nutrienti

L’acqua fredda è ideale per calmare i disturbi quando si manifestano. Per prevenire o trattare le ragadi anali, però, abbiamo bisogno di idratare e proteggere questa zona del corpo così sensibile. E per farlo dovremo usare prodotti naturali in modo da evireremo di applicare sostanze chimiche che possano farci male.

Gli oli vegetali nutrono la pelle in profondità e apportano elasticità evitando la formazione di nuovi tagli.

  • I più indicati sono l’olio di mandorla, di germi di grano e olio d’oliva.
  • Possiamo anche aggiungere oli essenziali di cipresso per favorire la corretta circolazione.
Oli essenziali

3. Rimedio cicatrizzante

Oltre a nutrire la pelle, possiamo preparare un rimedio che acceleri la guarigione. Deve avere proprietà cicatrizzanti e rigeneranti per chiudere le ragadi il prima possibile. Quello che vi proponiamo è anche un rimedio antinfiammatorio, nutriente e calmante.

Ingredienti

  • 2 cucchiai di gel di aloe vera (30 gr)
  • 1 cucchiaio di olio di rosa mosqueta (15 ml)

Possiamo usare il gel di aloe vera naturale se lo estraiamo da una foglia della pianta. In questo caso, dobbiamo usarlo subito. In alternativa, possiamo comprare un gel il più puro possibile.

Preparazione e applicazione

  • Mischiate il gel di aloe vera con l’olio di rosa mosqueta
  • Applicate sulla zona interessata diverse volte al giorno e sempre dopo aver fatto la doccia.


  • Ahmad, Z. (2010). The uses and properties of almond oil. Complementary therapies in clinical practice16(1), 10-12. Disponible en: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20129403/
  • Alnasser, A. R., Akram, A., Kar, S., et al. (2022). The Efficacy of Sitz Baths as Compared to Lateral Internal Sphincterotomy in Patients with Anal Fissures: A Systematic Review. Cureus14(10), 1-10. Disponible en: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9622030/
  • Al-Waili, N. S., Saloom, K. S., Al-Waili, T. N. & Al-Waili, A. N. (2006). The safety and efficacy of a mixture of honey, olive oil, and beeswax for the management of hemorrhoids and anal fissure: a pilot study. TheScientificWorldJOURNAL6, 1998-2005. Disponible en: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17369999/
  • Gupta P. J. (2007). Effects of warm water sitz bath on symptoms in post-anal sphincterotomy in chronic anal fissure–a randomized and controlled study. World journal of surgery31(7), 1480–1484. Disponible en: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17534541/
  • Jahnny, B. & Ashurst, J. V. (2020). Anal fissures. StatPearls. Disponible en: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK526063/
  • Nelson, R. (2017). Anal fissure. In H, Abcarian, J, Cintron, R, Nelson (Eds.), Complications of Anorectal Surgery: Prevention and Management (pp. 109-117). Springer.
  • Nelson, R. L., Thomas, K., Morgan, J., & Jones, A. (2012). Non surgical therapy for anal fissure. Cochrane database of systematic reviews, (2). Disponible en: https://www.cochranelibrary.com/cdsr/doi/10.1002/14651858.CD003431.pub3/abstract
  • Newman, M. & Collie, M. (2019). Anal fissure: diagnosis, management, and referral in primary care. The British journal of general practice : the journal of the Royal College of General Practitioners69(685), 409–410. Disponible en: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6650108/
  • Rajaratnam, S. & Lindsey, I. (2014). Chronic anal fissure. In R. Cohen & A. Windsor (Eds.). Anus: Surgical Treatment and Pathology (pp. 211-220). Springer.
  • Rodríguez, I., Santana, O., Recio, O. y Fuentes, M. (2006). Beneficios del Aloe Vera l.(sábila) en las afecciones de la piel. Revista Cubana de Enfermería22(3), 1-5. Disponible en: http://scielo.sld.cu/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0864-03192006000300004
  • Schlichtemeier, S. & Engel, A. (2016). Anal fissure. Australian prescriber39(1), 14-17. Disponible en: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4816871/
  • Stachowska, E., Maciejewska, D., Palma, J., et al. (2022). Improvement of bowel movements among people with a sedentary lifestyle after prebiotic snack supply–preliminary study. Gastroenterology Review/Przegląd Gastroenterologiczny16(1), 73-80. Disponible en: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8942012/

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.