Prevenire la tachicardia e saperla riconoscere

16 Marzo 2014

La tachicardia (o palpitazioni) consiste in un aumento della frequenza cardiaca.  In alcuni casi questo fenomeno può avere degli effetti negativi sulla salute e diventare molto pericoloso: per questo è importante sapere riconoscere e prevenire la tachicardia.

I battiti del cuore, che di solito oscillano tra i 60 e i 100 battiti al minuto, diventano improvvisamente più di 100 e ciò crea scompensi. Continuate a leggere per scoprire come riconoscere e prevenire la tachicardia.

Quali sintomi la accompagnano?

Come dobbiamo comportarci?

A seconda della gravità delle palpitazioni dovete decidere se sia meglio rilassarvi e aspettare finché il battito non sarà tornato regolare o se è meglio recarvi subito all’ospedale. In seguito, sarà opportuno consultare uno specialista per individuare la causa della tachicardia.

Quali possono essere le cause?

È importante andare da un dottore quanto prima per distinguere le tachicardie causate da specifiche situazioni in seguito a problemi alle coronarie o ad altre patologie più gravi.

Quali sono le possibili cause delle palpitazioni occasionali?

Ragazza depressa dopo aver bevuto

  • Situazioni di stress o ansia
  • Disidratazione o sovraidratazione

Potrebbe interessarvi scoprire i 10 benefici di bere acqua a digiuno

  • Consumo di eccitanti come caffeina, tabacco, alcol, droghe, ecc.
  • Esercizio fisico eccessivo
  • Mancanza di potassio
  • Febbre
  • Questioni emozionali

Quali sono i problemi di salute più gravi che possono provocarle?

  • Ipertensione
  • Ipertiroidismo
  • Malattie delle coronarie
  • Malattie polmonari croniche
  • E tanti altri

Medicina naturale per prevenire la tachicardia

La fitoterapia si basa sull’impiego di piante medicinali:

  • Nel momento in cui si avvertono le palpitazioni è possibile assumere delle piante rilassanti come la melissa o la valeriana.
  • Inoltre, come trattamento continuativo e preventivo, invece, potete prendere del biancospino, una pianta eccellente per i problemi cardiaci e circolatori.
  • Vi raccomandiamo, infine, anche l’utilizzo locale di oli essenziali di ylang-ylang, rosa, camomilla, lavanda o neroli, applicati attraverso massaggi, bagni o aromi.

Leggete anche: Infusi rilassanti per dormire sonni tranquilli

L’idroterapia è l’impiego dell’acqua a diverse temperature per regolare il funzionamento di diverse parti del corpo o organi.

Acqua sul braccio

  • Per prevenire la tachicardia vi raccomandiamo di bagnare diverse volte al giorno la faccia e gli occhi con un getto di acqua fredda, per circa 10 secondi.
  • Se state attraversando un momento di crisi (e non avete problemi di cuore) potete bagnare le braccia con acqua fredda o applicare un tampone freddo sulla zona del cuore.

L’automassaggio permette di calmare alcuni sintomi in modo semplice e veloce, stimolando dei punti riflessi che corrispondo ai diversi organi

  • Per calmare la tachicardia potete realizzare, con molta attenzione, un leggero massaggio circolare sui bulbi oculari. Muovete le dita soavemente sopra le palpebre, tenendo gli occhi chiusi.

I Sali di Schüssler funzionano in modo simile all’omeopatia

Il loro vantaggio è che non presentano nessuna controindicazione con nessuna medicina:

  • Ferrum Phosphoricum
  • Calcium Phosphoricum
  • Magnesium Phosphoricum

Prendetene due pastiglie facendole sciogliere sotto la lingua per tre volte al giorno, una di mattina, un’altra di pomeriggio e l’ultima di notte. È bene assumerle lontane dai pasti, dalle bibite e dai di cibi dai sapori forti, in particolare quelli mentolati (caffè, dentifricio, gomme da masticare, ecc.).

I Fiori di Bach permettono di ristabilire un equilibro emozionale, che chiaramente migliorerà le vostre condizioni di salute.

Fiori di Bach

I Fiori di Bach sono delle essenze che attraverso l’energia vibrazionale di determinate piante agiscono come un efficace pronto soccorso emozionale. A seconda della vostra personalità avrete bisogno di una o dell’altra essenza, ma bisogna anche tenere in considerazione che ogni malattia ha le sue particolarità.

Nel caso della tachicardia, le più adeguate potrebbero essere:

  • Rescue Remedy: durante la crisi.
  • Chicory: se soffrite perché siete iperprotettivi e sempre alla ricerca del controllo.
  • Rock Rose: per persone che soffrono di attacchi di panico, incubi, ecc.

Ma anche..

  • Mimulus: per persone che hanno sempre paure di situazioni come la malattia, la morte, problemi al lavoro, problemi materiali, ecc.
  • Impatiens: aiuta ad abbassare il ritmo delle palpitazione in casi di accelerazione o impazienza, molto simili a quelli della tachicardia.
  • È anche importante segnalare che la Medicina Tradizionale cinese relaziona i problemi cardiaci con i sentimenti d’ira. Se soffrite di attacchi d’ira abbastanza frequenti (viso arrossato, tremore, urla, ecc.), potete aggiungere il fiore Holly.

Raccomandazioni

Questi fiori vanno assunti nel seguente modo: quattro gocce sotto la lingua ogni quindici minuti al momento della crisi (Rescue Remedy). Man mano che noterete i miglioramenti, diluite l’assunzione delle gocce nel tempo.

Per tutti gli altri fiori, come trattamento continuativo, assumete quattro gocce quattro volte al giorno.

Una dieta ricca di potassio

In qualsiasi trattamento naturale dobbiamo sempre tenere in considerazione l’alimentazione. Le caratteristiche che presentiamo spesso come tipiche di un’alimentazione sana hanno in questo caso un’importanza ancora maggiore, e tutto ciò trova conferma nel fatto che la mancanza di potassio è ritenuta una delle possibili cause della tachicardia.

Ma quali sono gli alimenti ricchi di potassio? In generale consigliamo una dieta principalmente vegetariana:

  • Frutta (banana, cocco, avocado, melone, fragole)
  • Verdure (bietole, carciofi, cavolini di Bruxelles)
  • Semi (sesamo, girasole, zucca)
  • Frutta secca cruda (noccioline, noci)
  • Legumi
  • Funghi
  • Cereali integrali
  • Potete anche assumere del germe di grano, uno degli integratori più ricchi di questo minerale.

La metà di una noce

Così come è importante magiare alimenti ricchi di potassio, lo è anche evitare quelli che contengono troppo sodio, come i cibi precucinati, i formaggi, le salse, gli affettati, i frutti di mare, ecc.

Altre raccomandazioni per prevenire la tachicardia

Dite no al troppo caffè

  • Evitate il consumo di eccitanti come il caffè, bevande zuccherate, alcol, tè nero o tabacco, che aumentano la frequenza cardiaca.
  • Avrete grandi benefici dal fare abitualmente di esercizi leggeri, come lo yoga, il tai-chi, il trekking, la bicicletta, i massaggi. È importante sottolineare che, secondo la Medicina Tradizionale Cinese, l’orario di massima attività del cuore è dalle 11 alle 13, per cui è consigliabile non fare dell’esercizio fisico intenso in questo lasso di tempo.
  • Dovreste anche evitare di dormire appoggiati sul fianco sinistro, per non esercitare una pressione eccessiva sul cuore.
  • Vi raccomandiamo di realizzare delle attività rilassanti e gratificanti (come musica, pittura o altre arti) ogni giorno, per compensare delle situazioni di sovraccarico emotivo o stress.

Inoltre..

  • Il rilassamento è sempre relazionato a una buona respirazione, e la verità è che oggi tutti respirano senza soffermarsi. È importante invece dedicare qualche minuto al giorno a respirare profondamente; potreste anche iscrivervi a qualche laboratorio per imparare a farlo correttamente. Dalla respirazione dipende la corretta ossigenazione di ogni parte del nostro corpo.
  • L’Osteopatia Bioenergetica Cellulare è una terapia basata sul rilassamento del pericardio, l’insieme di membrane che ricoprono il cuore e che in molti casi è bloccato e causa problemi di salute come la tachicardia.
  • Vi raccomandiamo sempre di consultare uno specialista prima di realizzare qualsiasi tipo di trattamento per prevenire la tachicardia.

Immagini per gentile concessione di sparky e di xtinabot.

  • Costantini, M., Salerno, J. A., Chimienti, M., Panciroli, C., & Bobba, P. (1983). Tachicardia ventricolare bidirezionale. Descrizione di due casi. Cardiologia.
  • Link, M. S. (2012). Evaluation and Initial Treatment of Supraventricular Tachycardia. New England Journal of Medicine. https://doi.org/10.1056/NEJMcp1111259
  • Boateng, S. (2013). Tachycardia. Disease-a-Month. https://doi.org/10.1016/j.disamonth.2012.12.003