7 rimedi per ridurre il dolore del tunnel carpale

19 ottobre 2016
Per prevenire il tunnel carpale, dobbiamo vigilare sulla nostra postura e non rimanere per molto tempo con i polsi nella stessa posizione per evitare possibili ostruzioni.

La sindrome del tunnel carpale è uno dei mali del XXI secolo. È provocata da un’infiammazione del polso causata da movimenti ripetitivi (come ad esempio scrivere al computer, suonare il pianoforte, realizzare lavori di giardinaggio o di cucito e di praticare certi sport).

È un disturbo particolarmente doloroso e, in alcuni casi, si rende necessario un intervento chirurgico.

In questo articolo vi offriamo i migliori rimedi naturali e gli esercizi per ridurne i sintomi ed evitare l’infiammazione.

Sintomi della sindrome del tunnel carpale

tunnel-carpale

Questo dolore è molto più frequente nelle donne al di sopra dei 40 anni.

Una buona tecnica per capire se ne soffriamo consiste nel collocare il gomito su un tavolo o sulla scrivania, con il braccio e la mano in linea retta. Successivamente, dovremo flettere il polso e muoverlo per circa un minuto.

Se compare uno dei seguenti sintomi, si consiglia di consultare il medico:

  • Formicolio nel polso o nella mano.
  • Dolore nella zona.
  • Intorpidimento (anche notturno).
  • Debolezza (non riuscire a prendere o sostenere oggetti).
  • Rigidità delle dita (in particolare pollice, indice e medio).
  • Sensazione di calore alle dita.

Leggete anche: Come trattare la sindrome del tunnel carpale

Rimedi naturali per la sindrome del tunnel carpale

tunnel-carpale

Se avete notato uno o più segnali tipici di questa condizione, vi invitiamo a usare meno sia il computer sia il telefono, usare dei cuscinetti di riposo e cercare di modificare la vostra routine di lavoro manuale.

Vi proponiamo anche alcuni rimedi naturali che potranno calmare il dolore e l’indolenzimento.

1. Frullato antinfiammatorio

Ananas frullato antinfiammatorio

Ingredienti

  • 1 fetta di ananas (senza buccia)
  • 1 fetta piccola di radice di zenzero
  • ½ mela (rossa o verde) senza semi.

Preparazione

  • Tagliate a pezzi gli ingredienti per facilitare la preparazione e frullate fino ad ottenere una bevanda omogenea.
  • Bevetelo tutte le mattine a digiuno.
  • Vi consigliamo anche di mangiare ananas diverse volte alla settimana per via delle sue proprietà antinfiammatorie.

2. Impasto di fieno greco

Ingredienti

  • 3 cucchiai di farina di fieno greco (30 gr)
  • Un po’ d’acqua

Preparazione

  • Mescolate la farina di fieno greco con l’acqua e riscaldate per circa 15 minuti. Mescolate per formare un impasto da applicare topicamente.
  • Aspettate che raggiunga una temperatura sopportabile o finché non si raffreddi e stendete sulla zona da trattare.

3. Frullato di mela verde e cavolo riccio

mela

Ingredienti

  • 2 mele verdi
  • 1 foglia grande di cavolo riccio

Preparazione

  • Mettete nel frullatore la foglia di cavolo riccio e le due mele verdi tagliate a pezzi e senza semi né buccia.
  • Frullate fino ad ottenere un mix omogeneo e, una volta che il tutto diventi ben integrato, bevete.
  • Potete assumerlo in qualsiasi momento della giornata.

4. Olmaria

In questo caso possiamo assumere i fiori della pianta sotto forma di infuso oppure preparare un impiastro.

Ingredienti

  • 2 cucchiai di fiori di olmaria (20 gr)
  • 1 tazza di acqua calda (250 ml)

Preparazione

  • Riscaldate l’acqua, senza che giunga ad ebollizione, ed aggiungete 2 cucchiai di fiori di olmaria.
  • Lasciate riposare per qualche minuto, filtrate e bevete subito (potete addolcire usando del miele).

L’altra opzione è realizzare un impacco con i fiori e le foglie della pianta, macinati con un po’ di acqua o di alcol, e applicarlo sul polso.

5. Zenzero

Come nel caso dell’olmaria, possiamo approfittare dello zenzero sia dentro che fuori.

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di zenzero in polvere o grattugiato (20 gr)
  • 1 tazza d’acqua (250 ml)

Preparazione

  • Riscaldate l’acqua e, una volta arrivata a ebollizione, aggiungete due cucchiai di zenzero in polvere o grattugiato.
  • Coprite, lasciate raffreddare e bevete prima che si raffreddi.
  • Potete berne fino a due tazze al giorno per godere delle proprietà antinfiammatorie di questa radice.

Per un suo uso esterno, dobbiamo mescolare lo zenzero con acqua per formare un impasto da collocare sul polso dolorante. Coprite con un panno, aspettate qualche minuto e rimuovete con acqua tiepida.

6. Frullato di ananas, arancia e pompelmo

pompelmo

Ingredienti

  • 1 fetta di ananas
  • Il succo di 1 arancia
  • Il succo di un pompelmo

Preparazione

  • Eliminate la buccia dell’ananas e frullate la polpa insieme alla spremuta d’arancia e a quella di pompelmo. Filtrate prima di bere.
  • Assumetelo per 3 giorni o tutti i giorni se lavorate con le mani.

7. Infuso di iperico

Ingredienti

  • 3 foglie di iperico
  • 1 tazza d’acqua (250 ml)

Preparazione

  • Riscaldate la tazza d’acqua insieme alle 3 foglie di iperico e lasciate cuocere per circa 10 minuti.
  • Ritirate dal fuoco, coprite l’infuso e lasciatelo raffreddare.
  • Filtrate e bevete tutti i giorni. Allevia il dolore e il formicolio di polsi e mani.

Altri rimedi

  • Applicate impacchi freddi o con ghiaccio nella zona dolorante affinché l’infiammazione diminuisca. Non usate cuscinetti o bagni caldi perché peggiora la sindrome.
  • Utilizzate la curcuma e aggiungetela alle vostre pietanze abituali perché possiede effetti antinfiammatori molto potenti grazie al suo componente principale, la curcumina.

Se l’aggiungete alle patate, al riso integrale o al petto di pollo, alimenti che contengono vitamina B6, duplicherete gli effetti.

  • Assumete tutti i giorni (di sera o di mattina) un cucchiaio di olio di semi di lino. Seguite il trattamento tra le due o le quattro settimane per interrompere il processo di gonfiore dei polsi.

Vi consigliamo di leggere: Perché sentiamo formicolio a mani e piedi?

Esercizi e consigli per la sindrome del tunnel carpale

sindrome-del-tunnel-carpale

In casi molto gravi o dolorosi, i medici consigliano di usare di notte una stecca nella mano dolente.

Questo strumento ha l’obiettivo di evitare che pieghiate il polso senza rendervene conto. Se anche durante il giorno non riuscite a sopportare di muovere la mano, forse dovreste considerare l’opportunità di indossare  la stecca anche di giorno.

Si consiglia di lasciare il polso a riposo la maggior parte del tempo, sempre se i vostri impegni ve lo permettano. Evitate di sforzarvi troppo (facendo movimenti ripetitivi o sollevando oggetti molto pesanti ad esempio).

Se possibile, fate brevi pause nel corso della vostra giornata lavorativa per non richiedere troppo sforzo a questa parte del corpo.

Se passate molte ore davanti al computer, ricordate che le braccia devono formare un angolo retto e che i polsi devono essere paralleli al pavimento. Non dimenticate di mantenere la schiena dritta in ogni momento.

Quando muovete il mouse non sollevate i polsi: usate dei cuscinetti che vi permettano di appoggiarvi. Quando dovete scrivere al computer, fatelo lentamente e dotatevi di un modello di tastiera ergonomica.

Tutte le sere, quando tornate a casa, così come ogni ora quando siete al lavoro, stirate mani e polsi.

Realizzate movimenti circolari in senso orario e antiorario. Un esercizio molto efficace è quello di stendere le braccia con le dita verso il soffitto.

Guarda anche