Rimedi fai da te per i foruncoli

12 novembre 2014
È molto importante aumentare l'igiene ed applicare alcol o iodio più volte al giorno. Non bisogna mai schiacciare il foruncolo, per non espandere l'infezione.

I foruncoli sono un problema della pelle che si presenta quando i follicoli piliferi si infettano; non si tratta di lesioni gravi, ma possono essere abbastanza dolorosi in quanto causano una forte irritazione intorno alla zona colpita. Queste lesioni sono molto comuni e si possono presentare in qualsiasi parte del corpo, anche se le zone più colpite dai dolorosi brufoletti sono il viso, le ascelle, i glutei, le spalle, l’inguine e l’interno coscia.

Perché si formano i foruncoli?

Queste lesioni si presentano come degli insignificanti punti rossi, che fanno un po’ male. Tuttavia, con il passare delle ore, il dolore può diventare più intenso e le dimensioni del brufolo aumentano, a causa dell’infiammazione.

I foruncoli sono prodotti da un’infezione batterica (in particolare, dello Staphylococcus aureus), anche se questa non è l’unica causa della formazione dei foruncoli. Questi infatti possono essere dovuti ad altri motivi, ad esempio:

  • intossicazione del sangue
  • diabete
  • cattiva igiene
  • cattiva alimentazione.

Rimedi naturali per trattare i foruncoli

uovo

  • Posizionare sulla zona colpita un pezzo della membrana che si trova nella buccia dell’uovo.
  • Preparare un cataplasma con della carota cruda sbucciata e grattugiata, mischiata con un po’ di germe di grano. Mettere direttamente sul foruncolo e coprire con un panno pulito.
  • Mettere delle compresse di acqua calda, imbevendo un panno pulito. Questo procedimento dev’essere realizzato almeno tre volte al giorno; quando il foruncolo scoppia, bisogna continuare il trattamento in modo che venga svuotato da tutto il suo contenuto.
  • Mischiare un cucchiaio di miele, uno di lievito di birra e uno di farina di grano. Girare fino a formare un impasto morbido da applicare direttamente sulla zona colpita. Coprire con un panno e lasciare agire tutta notte.
  • È un problema di cui soffrite con frequenza? Se è così, vi raccomandiamo di bere l’acqua di cottura di ottanta grammi di ortiche in un litro d’acqua: bevetela distribuendola tre volte durante una giornata, per depurare l’organismo e pulire il sangue.

Altri consigli

Non bisogna schiacciare il foruncolo!

Un foruncolo è una lesione delicata e non bisogna esercitare pressione su di esso: farlo può essere pericoloso, perché i batteri possono essere spinti verso il sangue e invadere altre parti dell’organismo (sepsi). Quando si formano su zone come labbra o naso, schiacciarli può essere un rischio perché l’infezione potrebbe arrivare al cervello (meningite).

La parte colpita dev’essere tenuta molto pulita

pulizia-foruncolo

È di vitale importanza mantenere tutta la zona che circonda il foruncolo molto pulita; per farlo, potete usare un panno o un coton-fioc e dell’alcol o della tintura di iodio. È necessario pulire questa parte e la zona circostante tre o quattro volte al giorno. È importante lavarsi nella doccia e non fare il bagno, perché se l’acqua non scorre è più facile estendere l’infezione ad altre parti del corpo.

Quando pulite un foruncolo sarebbe meglio usare dei guanti; che lo facciate o no, però, la cosa più importante è lavare bene le mani prima di toccare del ciboi.

Segnali d’allarme: quando è necessario andare dal medico

Se state trattando un foruncolo e notate i seguenti sintomi è necessario andare immediatamente dal medico, visto che sono chiari indizi del fatto che l’infezione si sta estendendo:

  • intorno al foruncolo potete notare un’area abbastanza arrossata.
  • i gangli linfatici che si trovano vicino al foruncolo presentano un certo grado di dolore.
  • dalla zona intorno al foruncolo esce una linea rossa che si estende al di fuori dell’area.

Foruncolo

Ricordate

Avere un foruncolo non è un problema grave, ma è comunque bene curarlo nel modo adeguato in modo che il problema non si estenda e non si trasformi in un’infezione che richieda procedure più specializzate.

Guarda anche