Rimedi per le tonsille infiammate: miti e realtà

30 Aprile 2016
È importante che il liquido con cui si effettueranno i gargarismi sia tiepido o caldo (a una temperatura sopportabile), poiché il calore aiuta a calmare il fastidio.

Se soffrite di mal di gola con frequenza e il medico vi ha diagnosticato un’infiammazione alle tonsille in più di un’occasione, saprete bene quanto possono essere dolorose. Per questo motivo, vi presentiamo alcuni rimedi per le tonsille infiammate, da abbinare al trattamento stipulato dal medico.

La tonsillite è il nome con cui si conosce l’infiammazione delle tonsille, a causa dell’azione di un virus frequente (sebbene possa dipendere anche da infezioni di natura batterica). È comune soffrirne durante l’infanzia anche se può colpire qualsiasi persona. Vi piacerebbe conoscere alcuni rimedi per le tonsille infiammate?

La tonsillite

Le tonsille sono gangli linfatici che si trovano nella parte posteriore della bocca e nella parte superiore della gola. Sono importanti perché filtrano i germi che entrano in bocca, azione con cui aiuta l’organismo a prevenire numerose malattie.

Si sa che questo è un problema comune nei bambini. Fino a qualche anno fa, si optava per rimuoverle ma, ultimamente, si sta iniziando a tenere in considerazione la loro importante funzione nell’organismo.

A seconda della causa, il trattamento cambierà. Solo in casi estremi, ovvero quando l’infezione non risponde al trattamento o si presenta con frequenza, si è soliti procedere al trattamento chirurgico (la rimozione delle tonsille).

Il mal di gola, un sintomo caratteristico

Il mal di gola causato dalle tonsille infiammate è molto fastidioso. Può causare difficoltà di deglutizione, voce rauca e persino rigidità del collo. Può essere accompagnato anche da mal d’orecchio, quando l’infiammazione si estende fino all’orecchio. È dunque necessario iniziare il trattamento medico appena si riceve la diagnosi. Oltre al trattamento deciso dal medico, potete ottenere sollievo in casa tramite una pratica molto semplice: i gargarismi.

Rimedi per le tonsille infiammate

I gargarismi sono rimedi casalinghi molto popolari che, sebbene non curino il mal di gola, donano sollievo. Le seguenti preparazioni e consigli possono aiutare a trattare questa affezione e a palliare, almeno in parte, i suoi sintomi.

Non tutti gli organismi, tuttavia, risponderanno allo stesso modo e in nessun caso questi suggerimenti possono sostituire la necessaria valutazione medica.

1. Gargarismi di limone

Gargarismi di limone per le tonsille infiammate

Il succo di limone diluito in acqua calda è considerato un rimedio capace di donare sollievo in caso di tonsille infiammate o semplice mal di gola. Per prepararlo, basta spreme il succo del limone e mescolarlo con dell’acqua. Una volta pronto, potete fare i gargarismi tutte le volte che desiderate.

*Nota: è possibile aggiungere un cucchiaio di sale a questa miscela. 

* Nota 2: il succo di limone apporta vitamina C all’organismo, ma questo non significa che sia un frutto capace di prevenire o curare influenza, raffreddori e infezioni.   

Leggete anche: 9 benefici dell’acqua tiepida con limone al mattino

2. Gargarismi di camomilla e sale

Camomilla per le tonsille infiammate

La camomilla possiede proprietà antinfiammatorie che risultano molto utili per donare sollievo. Preparate un litro di infuso, lasciate riposare qualche minuto affinché si intiepidisca, aggiungete abbondante sale, mescolate e bevetene mezza tazza. Fate gargarismi diverse volte al giorno per vari giorni consecutivi.

* Nota: potreste anche bere l’infuso di camomilla per calmare il fastidio e idratarvi, ma senza sale.   

Leggete anche: Gola infiammata: le tisane che danno sollievo

3. Gargarismi di collutorio

Nell’ambito popolare, si consigliano anche i gargarismi con collutorio, poiché oltre a calmare i fastidi, aiuta a eliminare l’alitosi e offre una certa freschezza alla bocca. Non è necessario mescolare il collutorio con un’altra sostanza e questi gargarismi possono essere effettuati in qualsiasi momento, dopo un pasto, a metà mattina, etc.

Ricordate

Sebbene i gargarismi offrono un certo sollievo, dovete ricordare che da soli non sono sufficienti per curare nessuna malattie. Dovrete pertanto includerli come parte del trattamento stabilito dal medico, mai come sostituti dello stesso.

In caso di dubbi riguardo alla miscela più conveniente (acqua con sale, acqua con limone, etc) per il proprio caso, prima è bene consultare il medico.