Rimedi naturali per il trattamento dell'ernia dello iato

Il peso in eccesso, così come la gravidanza, sono fattori che possono favorire la comparsa dell'ernia iatale, quindi conviene tenere sotto controllo l'alimentazione.
Rimedi naturali per il trattamento dell'ernia dello iato

Ultimo aggiornamento: 28 gennaio, 2021

L’ernia iatale, conosciuta anche come ernia dello iato, è l’erniazione di una parte dello stomaco dall’addome al torace.

In questo articolo vi sveleremo tutto ciò che dovete sapere sull’ernia dello iato: cos’è, i migliori rimedi naturali e altre informazioni interessanti. Continuate a leggere per saperne di più!

Cos’è l’ernia dello iato? Quali sono i sintomi?

L’esofago è collegato all’addome attraverso un foro chiamato iato, che si trova nel diaframma. Quando questo buco si indebolisce, possono manifestarsi diversi sintomi.

Alcuni sintomi dell’ernia iatale sono:

  • Dolore e bruciore nella cassa toracica
  • Gas in eccesso
  • Reflusso gastrico
  • Tosse
  • Palpitazioni
  • Obesità
  • Violente contrazioni
  • Vomito

Quali sono le cause dell’ernia iatale?

  • Sforzo eccessivo in corrispondenza del torace, come il sollevamento di grossi pesi
  • Gravidanza trascurata
  • Postura scorretta (incurvarsi troppo)
  • Stitichezza
  • Fumo
  • Stress prolungato
  • Ansia frequente
  • Debolezza muscolare

Possiamo distinguere due tipi di ernia dello iato:

Ernia scorrevole

È la più frequente e si produce quando la congiuntura tra lo stomaco e l’esofago “si muove” sopra il diaframma insieme ad una porzione dello stomaco.

Ernia paraesofagea

Non è comune come l’ernia scorrevole. Si produce quando una parte dello stomaco risale attraverso lo iato del diaframma. Nei casi più rari, può verificarsi una combinazione delle due tipologie di ernie.

Consigli e rimedi naturali per l’ernia dello iato

Grazie a questi consigli e cambiamenti nelle abitudini quotidiane, è possibile ridurre, trattare e prevenire l’ernia iatale:

Ridurre lo stress

Stress ed ernia dello iato

Livelli di stress elevati causano diversi problemi, tra cui l’ernia dello iato. Se siete molto nervosi o preoccupati, avete molti problemi a cui pensare e non riposate bene, ad esempio, è più probabile che manifestiate questa patologia.

Rilassatevi di più, ricordate che la vita è una sola e che la salute viene prima di tutto, prima del lavoro, dei soldi o del traffico.

Per poter ridurre lo stress, potete provare alcune tecniche di meditazione, taichí, yoga o andare in vacanza lontano dalla città. Potete anche prendervi un giorno libero per stare a casa senza fare nulla (a leggere, guardare un film, dormire, preparare la cena, etc.).

Evitare di sollevare carichi pesanti per l’ernia dello iato

Sono molti i fattori che possono scatenare la comparsa dell’ernia dello iato. Ad esempio, se il vostro lavoro prevede la manipolazione di oggetti pesanti o se state traslocando, se i vostri figli ormai sono grandi, ma li portate comunque in braccio, se fate la spesa e portate molti sacchetti… tutto questo può influire sull’ernia iatale.

Queste abitudini, inoltre, possono provocare problemi alla colonna vertebrale, ai fianchi e alle braccia. Il modo migliore per sollevare pesi da terra è quello di piegare le ginocchia e prendere l’oggetto come se lo abbracciaste.

Seguire un’alimentazione equilibrata per l’ernia dello iato

Alimentazione equilibrata

Il sovrappeso e la debolezza muscolare possono scatenare un’ernia iatale, quindi, è bene tenere sotto controllo i chili di troppo.

Fate una dieta depurativa di tre giorni consecutivi per eliminare i grassi e i liquidi che si sono accumulati nell’organismo. Dovete mangiare solamente frutta cruda e bere tre litri di acqua al giorno.

A questo punto, sarete nelle condizioni di sottoporvi ad una dieta più equilibrata, che comprenderà tanta frutta, verdura, farine integrali, legumi e frutta secca.

Iniziate a condire i vostri pasti con olio di oliva, limone e aceto. Evitate le bibite gassate e zuccherate, le bevande alcoliche, i cibi fritti, i dolciumi, il cibo spazzatura e i latticini.

Ogni mattina, consumate un cucchiaio di olio di oliva a digiuno.

Consumare bevande naturali per l’ernia dello iato

Oltre al fatto che i succhi migliorano la salute e aiutano a perdere peso, ce ne sono alcuni che fanno molto bene per il trattamento dell’ernia dello iato. Ad esempio, quello di carota, barbabietola e aloe vera.

Potete provare tutte le combinazioni che desiderate, ma la regola di base è sempre quella di mescolare frutta e verdura crude con altri ingredienti, come il miele puro d’api, l’aloe vera o la stevia.

Cercate di bere anche bevande vegetali (latte di mandorle, per esempio) e di bere tè verde (due tazze al giorno) per diminuire il gonfiore del corpo e ridurre i sintomi dell’ernia. Vi aiuterà anche a prevenire i tumori o le infiammazioni allo stomaco.

Praticare attività fisica a seconda delle proprie condizioni

Se avete l’ernia iatale, probabilmente dovrete rinunciare ad alcuni esercizi, come ad esempio il sollevamento pesi. In alternativa, optate per discipline come lo yoga, il nuoto, la camminata leggera, alcuni esercizi di pilates, il taichí, etc.

Eviterete la debolezza e rafforzerete i muscoli.

Vi consigliamo di leggere anche: 6 errori da non fare dopo l’attività fisica

Fare cose piacevoli

Attività piacevoli

Se soffrite di depressione, siete tristi oppure oppressi dai vostri problemi, allora è giunto il momento di fare qualcosa che vi piace. Vi aiuterà anche a ridurre e prevenire l’ernia iatale.

Quali sono le opzioni? Ce ne sono migliaia! Dipingete un quadro, cambiate le decorazioni di casa, fate un corso di giardinaggio o portate i vostri figli a giocare al parco.

Potete approfittarne per fare visita a qualche amico o ai familiari che vedete di rado, per preparare una cena speciale per il vostro partner anche se non è il vostro anniversario, seguire un corso di ballo, far emergere il vostro lato artistico, leggere libri che vi piacciono tanto, etc.

Potrebbe interessarti ...
I rimedi casalinghi sono efficaci contro le ernie?
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
I rimedi casalinghi sono efficaci contro le ernie?

Le ernie possono causare alcune complicazioni di salute. Per questa ragione, è importante sapere come gestirle adeguatamente. In questo articolo vi...



  • Hyun, J. J., & Bak, Y. T. (2011). Clinical significance of hiatal hernia. Gut and liver, 5(3), 267. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3166665/
  • Kohn GP, Price RR, Demeester SR, Zehetner J, Muensterer OJ, Awad Z, et al. (2013) Guidelines for the management of hiatal hernia. Surgical Endoscopy and Other Interventional Techniques.
  • Rosero Arenasa MÁ, García Garcíab MÁ, Rosero Arenasa E, Sanchís Plasenciaa M. (2012). Hernia de hiato. FMC Form Medica Contin en Aten Primaria.
  • Dean, C., Etienne, D., Carpentier, B., Gielecki, J., Tubbs, R. S., & Loukas, M. (2012). Hiatal hernias. Surgical and radiologic anatomy, 34(4), 291-299. https://link.springer.com/article/10.1007/s00276-011-0904-9
  • Bermúdez, M. M. (2006). Gran hernia paraesofágica con estómago intratorácico total. Informe de un caso y revisión de la literatura. Revista Colombiana de Gastroenterología, 21(1), 64-69. https://www.redalyc.org/pdf/3377/337729270010.pdf
  • Hardie, E. M., Ramirez III, O., Clary, E. M., Kornegay, J. N., Correa, M. T., Feimster, R. A., & Robertson, E. R. (1998). Abnormalities of the thoracic bellows: stress fractures of the ribs and hiatal hernia. Journal of veterinary internal medicine, 12(4), 279-287. https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/j.1939-1676.1998.tb02123.x
  • Izquierdo Hernández, A., Armenteros Borrell, M., Lancés Cotilla, L., & Martín González, I. (2004). Alimentación saludable. Revista cubana de enfermería, 20(1), 1-1. http://scielo.sld.cu/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0864-03192004000100012
  • Coronado, M., Vega y León, S., Gutiérrez, R., Vázquez, M., & Radilla, C. (2015). Antioxidantes: perspectiva actual para la salud humana. Revista chilena de nutrición, 42(2), 206-212. https://scielo.conicyt.cl/scielo.php?pid=S0717-75182015000200014&script=sci_arttext&tlng=e
  • Cauich Kumul, R., Ruiz Ruiz, J. C., Ortíz Vázquez, E., & Segura Campos, M. R. (2015). Potencial antioxidante de la miel de Melipona beecheii y su relación con la salud: una revisión. Nutrición Hospitalaria, 32(4), 1432-1442. http://www.nutricionhospitalaria.com/pdf/9312.pdf
  • Cenarruzabeitia, J. J. V., Hernández, J. A. M., & Martínez-González, M. Á. (2003). Beneficios de la actividad física y riesgos del sedentarismo. Medicina clínica, 121(17), 665-672. http://mural.uv.es/joplase/obesidad%20y%20educacion%20fisica.pdf