Rimedi per l’ipotiroidismo a supporto della terapia

9 Luglio 2019
I rimedi complementari per l'ipotiroidismo possono contribuire fortemente a tenere sotto controllo i sintomi di questa malattia. Scoprite 3 interessanti alternative.

Siete alla ricerca di rimedi per l’ipotiroidismo? Il più delle volte vorremmo reperire consigli semplici e naturali per migliorare la nostra qualità della vita e per completare la terapia medica.

In questo articolo vi proponiamo le opzioni che state cercando. Grazie a esse potrete contribuire al vostro benessere e, di conseguenza, potrete combattere simboli quali affaticamento, perdita di capelli, insonnia o stitichezza.

Cos’è l’ipotiroidismo?

La ghiandola tiroidea è fondamentale per la salute, in quanto secerne gli ormoni che regolano il metabolismo e che intervengono in diverse funzioni del nostro organismo. Per questo motivo, i sintomi dell’ipotiroidismo possono interessare diverse aree del corpo.

L’ipotiroidismo si verifica quando la tiroide è poco attiva e, pertanto, non vengono secreti ormoni a sufficienza. Per diagnosticare questo problema, il medico eseguirà delle analisi del sangue volte a verificare i livelli di tiroxina (T4) e di tirotripina (TSH). 

Eppure, ci sono opinioni diverse in merito a quale sia la gravità tale da far parlare di patologia. In alcuni casi, inoltri, alcuni livelli alterati potrebbero tornare alla normalità dopo qualche tempo.

Leggete anche: 6 valori da tenere sotto controllo per prendersi cura della salute

Terapia per l’ipotiroidismo

Per iniziare, il medico farà sempre affidamento sulle analisi del sangue e anche sui sintomi che il paziente riporterà. A partire da ciò, se lo riterrà opportuno, prescriverà una terapia a base di ormoni tiroidei per colmare il deficit.

Oltre a seguire sempre le indicazioni mediche e i controlli pertinenti, alcuni consigli ci possono essere molto utili a integrazione del trattamento farmacologico. Possono costituire anche una buona misura preventiva se abbiamo una predisposizione a questa malattia tiroidea.

Rimedi per l’ipotiroidismo da integrare al trattamento medico

A seguire condividiamo alcuni rimedi per l’ipotiroidismo di provata efficacia con cui completare la terapia di tipo medico.

1. Dosi quotidiane di selenio

Selenio nei cibi
Consumare le giuste dosi di selenio può fungere da integratore per migliorare il decorso dell’ipotiroidismo.

Negli adulti il selenio tende ad accumularsi, soprattutto nella tiroide. Questa ghiandola richiede apporto di selenio per il metabolismo degli ormoni e anche per il suo grande potere antiossidante. 

È stato scientificamente dimostrato che questo minerale è associato, nel caso dell’ipotiroidismo autoimmune (Malattia di Hashimoto), a:

  • Una riduzione nei livelli di anticorpi.
  • Un miglioramento della tiroide a livello di ultrasuoni.
  • Una migliore qualità della vita del paziente.
  • Un ritardo nel deterioramento oculare in caso di orbitopatia.

Lo stesso studio suggerisce di assumere selenio organico. Tuttavia, non dovremmo ingerire questo integratore senza la supervisione di un professionista, visto che anche il suo eccesso può essere pericoloso per la salute.

Per questo motivo, vogliamo proporvi un’alternativa: le noci del Brasile. Basterà consumarne due al giorno per assicurarsi la quantità di selenio di cui l’organismo ha bisogno, senza alcun rischio per la salute.

Leggete anche: La migliore frutta secca per la salute

2. Integratore di maca tra i rimedi per l’ipotiroidismo

La maca è una radice di origine peruviana che viene consumata sotto forma di alimento. Tuttavia, si è diffuso anche il suo consumo in polvere, in quanto integratore adatto a tutti grazie alle sue proprietà energetiche, e come regolatore ormonale.

In particolare, la maca gialla si è dimostrata molto efficace nei disturbi tiroidei e durante la menopausa. Questa radice apporta la giusta energia per contrastare la stanchezza, un sintomo comune di ipotiroidismo.

Per assumerla sotto forma di integratore, dovremo seguire le indicazioni e le dosi di prodotto indicate. Dobbiamo tenere a mente che si tratta di un eccitante, per cui consigliamo sempre di iniziare da un dosaggio basso e di aumentarlo man mano in modo graduale.

3. Attenzione agli inibitori di iodio

La soia e l'ipotiroidismo
Un altro modo per potenziare gli effetti della terapia per l’ipotiroidismo è evitare i cibi che possono danneggiare la tiroide.

Per concludere la lista dei nostri rimedi per l’ipotiroidismo, non è sufficiente apportare solo certi nutrienti. Dobbiamo anche tenere conto degli alimenti controindicati e che potrebbero essere presenti nella nostra dieta quotidiana. 

Ci sono alcuni alimenti che possono arrecare danno a coloro che hanno la tiroide poco attiva. Questi cibi contengono delle sostanze conosciute come goitrogeni e che inibiscono l’assorbimento di iodio, fondamentale per la buona salute della tiroide.

Quali sono?

  • La soia e i suoi derivati (tofu, salsa, tempeh, lecitina, ecc).
  • Il miglio.
  • Le crocifere: Broccoli, cavolfiori, cavolo cappuccio, cavolo, ravanello e rapa.
  • Frutta secca come i pinoli, le mandorle e le arachidi.
  • Alcuni tipi di frutta: la fragola, la pera, la pesca. 
  • La manioca e la patata dolce.
  • La senape.
  • Gli spinaci.
  • I semi di lino.

In conclusione, con questi rimedi per l’ipotiroidismo possiamo potenziare la terapia medica e notare un miglioramento nella nostra vita di tutti i giorni. Con dei piccoli cambiamenti alla nostra dieta, contribuiremo a migliorare il funzionamento della tiroide.

  • Thomson, C. D., Chisholm, A., McLachlan, S. K., & Campbell, J. M. (2008). Brazil nuts: An effective way to improve selenium status. American Journal of Clinical Nutrition. https://doi.org/10.1093/ajcn/87.2.379
  • Chandra, A. K. (2010). Goitrogen in food: Cyanogenic and flavonoids containing plant foods in the development of goiter. In Bioactive Foods in Promoting Health. https://doi.org/10.1016/B978-0-12-374628-3.00042-6
  • Meissner, H. O., Mscisz, A., Mrozikiewicz, M., Baraniak, M., Mielcarek, S., Kedzia, B., … Pisulewski, P. (2015). Peruvian Maca (Lepidium peruvianum): (I) phytochemical and genetic differences in three Maca phenotypes. International Journal of Biomedical Science.