Salak o frutto serpente: caratteristiche e benefici

Il Salak è un curioso frutto, con la buccia che ricorda la pelle del serpente, ma anche ricco di benefici.
Salak o frutto serpente: caratteristiche e benefici

Ultimo aggiornamento: 23 novembre, 2021

Salacca zalacca è il nome scientifico di un frutto esotico di origine orientale conosciuto anche come salak, frutto del serpente o cayigo . Tutti i soprannomi sono dovuti all’aspetto della buccia. È un frutto abbondante nel sud-est asiatico e in alcuni paesi tropicali.

È conosciuto per le sue proprietà farmacologiche e antiossidanti. Inoltre è molto nutriente. Ha un sapore squisito ed è uno dei frutti preferiti nella cultura gastronomica asiatica.

Origine del salak o frutto del serpente

Il salak è il frutto di una palma che appartiene alla famiglia delle Arecaceae coltivata in Indonesia fin dal 1500. È una pianta spontanea che, nel suo ambiente naturale, può dare frutti per 50 anni.

Originario dell’Indonesia, il frutto del serpente si è diffuso in tutto il sud-est asiatico, in paesi come Malesia, Thailandia e Myanmar. Inoltre nelle Filippine, in Australia, Cina, Suriname e Spagna.

Nel continente americano ha trovato un habitat ideale in Ecuador, prevalentemente in Amazzonia, nelle province di Napo, Sucumbíos e Orellana, poiché si sviluppa meglio nei climi tropicali.

Caratteristiche del Salak

La Salacca zalacca è una piccola palma dal fusto corto, con foglie spinose e frutti che crescono alla base della pianta.

Il salak cresce in grappoli con 15 – 40 frutti e ne esistono diverse varietà. Sono ricoperti da una buccia marrone con piccole spine e simile alla pelle dei serpenti.

La varietà salak Bali ha una tonalità bruno-rossastra e una trama del guscio che ricorda la pelle di un serpente. La polpa è bianca con tonalità beige e presenta tre lobi che contengono i semi.

Il sapore varia dall’acidulo al dolce e la consistenza è croccante. Inoltre è astringente quando è verde e man mano che matura diventa più dolce.

Il salak giallo ha consistenza e sapore simile al Bali, ma la sua buccia è gialla con sfumature dorate. Ha una polpa delicata e liscia, sapore acido e molto succo.

Proprietà nutrizionali

Uno studio sulle caratteristiche nutrizionali del salak, ha trovato nel frutto interessanti quantità di vitamine e sali minerali, nonché un alto contenuto di fibre per 100 grammi di frutta:

  • Umidità: 81,29 grammi.
  • Proteine: 0,69 grammi.
  • Carboidrati totali: 17,11 grammi.
  • Fibra: 16,55 grammi.
  • Grassi: 0,34 grammi.
  • Fosforo: 1169 milligrammi/kg.
  • Potassio: 1339 milligrammi/kg.
  • Calcio: 220 milligrammi/kg.
  • Magnesio: 607 milligrammi/kg.
  • Ferro: 12 milligrammi/kg.
  • Zinco: 104 milligrammi/kg.
  • Vitamina C: 400 milligrammi/kg.
  • Vitamina B2: 6,32 milligrammi/kg.
  • Niacina: 240 milligrammi/kg.
  • Vitamina B1: 20 milligrammi/kg.

Un’altra ricerca evidenzia che il salak contiene più sostanze fitochimiche rispetto ad altri frutti esotici. Inoltre, zuccheri che gli conferiscono un sapore dolce, una volta giunto a maturazione.

Nello stesso studio vengono citate le sostanze dotate di proprietà curative: flavonoidi, fenoli, acido gallico e altri antiossidanti.

Frutto del serpente o salak.
L’aspetto della buccia del frutto è sorprendente e ricorda la pelle del serpente.

Benefici del salak

I nutrienti e le sostanze fitochimiche contenute nel salak possono alleviare alcuni problemi di salute; inoltre le proprietà del frutto vengono sfruttate dall’industria alimentare.

Proprietà antiossidanti

Una dieta ricca di antiossidanti aiuta a combattere l’azione dei radicali liberi. Diversi test di laboratorio hanno riscontrato una buona capacità antiossidante nella polpa di salak, legata alla presenza di vitamina C.

Un altro studio ha evidenziato il contenuto di polifenoli del salak e il suo potere antiossidante nei ratti con colesterolo alto. Una dieta integrata con polpa di frutta di serpente, ha mostrato una significativa riduzione dei lipidi plasmatici.

Non solo la polpa ha capacità antiossidante. Una ricerca ha individuato nella buccia del frutto del serpente una quantità di polifenoli sufficienti ad aumentare il suo potenziale antiossidante.

Può aiutare a controllare il diabete di tipo 2

Un team di ricerca ha scoperto che piccole quantità di aceto di salak sarebbero in grado di abbassare la glicemia, oltre a rigenerare le cellule pancreatiche danneggiate. La ricerca tuttavia è stata condotta solo sui topi.

Questo frutto ha inoltre un effetto inibitorio su alcuni enzimi digestivi. Ciò aiuta a ridurre l’assorbimento del glucosio nei pazienti diabetici di tipo 2. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi sull’uomo per confermare tale effetto.

Effetto contro l’acido urico

Un articolo di revisione fa riferimento alla presenza di due composti attivi nel frutto del serpente: beta sitosterolo e estere metilico, correlati al sollievo della gotta. Tuttavia, l’estere metilico ha mostrato migliori risultati nel prevenire la formazione di cristalli di acido urico.

Prevenzione delle malattie croniche

Sebbene siano necessari ulteriori studi sull’uomo, secondo un articolo pubblicato su Journal of Functional Foods, la presenza di antiossidanti nel frutto del salak potrebbe avere un effetto antitumorale. Gli antiossidanti potrebbero aiutare a prevenire malattie cardiache, ictus e sintomi della menopausa.

Altre proprietà

Il frutto del serpente viene utilizzato nell’industria alimentare per isolare il lievito utilizzato nella produzione del pane. Il lievito ottenuto ha una capacità fermentativa migliore rispetto a quello tradizionale, permette un buon sviluppo del colore della crosta e consistenza della mollica.

Si possono preparare tisane alla frutta, abbinandole ad esempio all’ananas. La formula ottimale per una bevanda salutare ed efficace vedrebbe il rapporto ananas, salk e logan di 20:20:60.

Ananas da abbinare al salak.
L’ananas è un frutto che si abbina bene al salak, soprattutto negli infusi.

Usi gastronomici del salak

Nel libro di Paull e Duarte sono descritte alcune preparazioni realizzate con il frutto del serpente. Il salak maturo ha un sapore agrodolce che soddisfa la maggior parte dei palati.

Sarebbe bene consumarlo crudo, ma in genere viene impiegato per preparare conserve, dolci, marmellate, succhi, sciroppi e caramelle. Una volta essiccati si mangiano come chips.

In Thailandia con questo frutto si prepara un mix di curry. In Malesia si preparano gli gnocchi. La consistenza del frutto del serpente rende deliziose le torte ed è anche consigliato per la perdita di peso.

In Ecuador, gli indigeni consumano il frutto fresco e maturo. In Asia, il frutto maturo viene utilizzato come materia prima per produrre aceto e vino.

Salak: ha controindicazioni?

La prima volta che si mangia il salak occorre fare attenzione alla tolleranza. Ecco perché si consiglia di assaggiare solo un piccolo pezzo e aspettare. Se non ci sono reazioni è possibile mangiarlo, ma senza eccedere.

Non si deve mai abbinare il salak verde al latte. In caso di stitichezza, non bisogna consumare il frutto verde. La presenza di tannini, che sono astringenti, diminuisce la motilità intestinale e producono ostruzione.



  • Mongkontanawat, N. Product development of fruit tea mixed with “Hed Krang” (Schizophyllum commune). Journal of Agricultural Technology 2013 Vol. 9(7):1665-1676.
  • Janick J,  Paull RE.  Salacca zalacca -salak. En: los enciclopedia de  frutas y nueces. 2nd eds. Estados Unidos: publicación CABI; 2008, pág. 153-15
  • Sukewijaya, I., Rai, I., & Mahendra, M. (2009). Asian Journal of Food and AgroIndustry. Obtenido de Development of salak bali as an organic fruit:
    http://www.ajofai.info/abstract/development%20of%20salak%20bali%20as%20
    an%20organic%20fruit.pdf
  • Yahia, Elhadi M. Postharvest Biology and Technology of Tropical and Subtropical Fruits: Mangosteen to White Sapote. 06/30/2011, 536 páginas.
  • Cueva D, Pizara C. Análisis bromatológico de los frutos de Salacca zalacca (Arecaceae) y de couroupita guianensis (Lecythidaceae). Repositorio Institucional de la Universidad Politécnica Salesiana de Ecuador. Tesis, Ing, Quito Ecuador, UPS, 7 p.
  • I R Suica-Bunghez,S Teodorescu,I D Dulama,O C Voinea,S imionescu and R M Ion. Antioxidant activity and phytochemical compounds of snake fruit (Salacca Zalacca). IOP Conference Series: Materials Science and Engineering, Volume 133, International Conference on Innovative Research – ICIR Euroinvent 2016 19–20 May 2016, Iasi, Romania
  • Hanna Leontowicz Maria Leontowicz Jerzy Drzewiecki Ratiporn Haruenkit  Sumitra Poovarodom Yong-Seo Park · Soon-Teck Jung Seong-Gook Kang Simon Trakhtenberg Shela Gorinstein. Bioactive properties of Snake fruit (Salacca edulis Reinw) and Mangosteen (Garcinia mangostana) and their influence on plasma lipid profile and antioxidant activity in rats fed cholesterol. Eur Food Res Technol (2006) 223: 697–703 DOI 10.1007/s00217-006-0255-7.
  • Sulaiman SF, Ooi KL. Antioxidant and α-glucosidase inhibitory activities of 40 tropical juices from Malaysia and identification of phenolics from the bioactive fruit juices of Barringtonia racemosa and Phyllanthus acidus. J Agric Food Chem. 2014 Oct 1;62(39):9576-85. doi: 10.1021/jf502912t. Epub 2014 Sep 22. PMID: 25198055.
  • Haruenkit R, Poovarodom S, Leontowicz H, Leontowicz M, Sajewicz M, Kowalska T, Delgado-Licon E, Rocha-Guzmán NE, Gallegos-Infante JA, Trakhtenberg S, Gorinstein S. Comparative study of health properties and nutritional value of durian, mangosteen, and snake fruit: experiments in vitro and in vivo. J Agric Food Chem. 2007 Jul 11;55(14):5842-9. doi: 10.1021/jf070475a. Epub 2007 Jun 13. PMID: 17567034.
  • Fang Li, Sha Li, Hua-Bin Li, Gui-Fang Deng, Wen-Hua Ling, Shan Wu, Xiang-Rong Xu, Feng Chen, Antiproliferative activity of peels, pulps and seeds of 61 fruits, Journal of Functional Foods, Volume 5, Issue 3, 2013, Pages 1298-1309, ISSN 1756-4646, https://doi.org/10.1016/j.jff.2013.04.016.
  • Mohammed S. M. Saleh, Mohammad Jamshed Siddiqui, Siti Zaiton Mat So’ad, Fatimah Opeyemi Roheem, Salima Saidi-Besbes, Alfi Kh.atib. Correlation of FT-IR Fingerprint and α-Glucosidase Inhibitory Activity of Salak (Salacca zalacca) Fruit Extracts Utilizing Orthogonal Partial Least Square. Molecules, 2018,23(6), 1434;https://doi.org/10.3390/molecules23061434
  • Lasekan O, Abbas KA. Distinctive exotic flavor and aroma compounds of some exotic tropical fruits and berries: a review. Crit Rev Food Sci Nutr. 2012;52(8):726-35. doi: 10.1080/10408398.2010.507910. PMID: 22591343.
  • Paull, R. E., Duarte, O. Tropical fruits, Volume 2. 2012. SBN 9781845937898 DOI 10.1079/9781845937898.0000