Salute della tiroide: 4 abitudini alimentari

27 marzo 2018
Sapevate che per preservare la salute della tiroide è molto importante ridurre il consumo di cibi processati e aumentare il consumo di quelli di origine organica e naturale?

Soffrite di problemi alla tiroide? Se la risposta è sì, vi sarete resi conto che l’alimentazione è fondamentale per la corretta salute della tiroide.   

Se non sapete ancora quali cibi consumare e quali evitare a tale proposito, continuate a leggere.

Perché è così importante prendersi cura della tiroide?

La tiroide è una ghiandola situata nel collo, nella zona anteriore e superiore della trachea. La sua funzione principale è secernere ormoni.

In caso di mal funzionamento, si possono presentare ipertiroidismo e ipotiroidismo, a seconda che si presenti un aumento o una riduzione dell’attività tiroidea.

Per approfondimenti: Qual è la funzione della tiroide?

Abitudini per preservare la salute della tiroide

Mantenere in salute la tiroide non sarà difficile se la nostra dieta è sana ed equilibrata. Il problema oggigiorno è che mangiare cibi freschi e naturali è complicato, dato che molti prodotti sono congelati.

Tuttavia, alcuni prodotti devono essere sempre inseriti nella nostra dieta. Tra questi:

1. Includere un po’ di iodio ogni giorno

Lo iodio è un elemento fondamentale per il corpo, soprattutto per la secrezione di ormoni.

Per questo motivo, quando si verifica una carenza di iodio durante la gravidanza, il bambino può nascere con un certo grado di ritardo mentale.

È importante includere lo iodio nella nostra dieta – e in qualsiasi momento della nostra vita – per preservare la salute della tiroide. Il medico curante dovrebbe prescrivere degli integratori a base di iodio; rivolgetevi al vostro medico se non ve li ha ancora prescritti ed, eventualmente, chiedetegli quale sia la migliore opzione tra gli integratori presenti in commercio.

2. Mirtilli tutte le settimane

I Benefici dei mirtilli

I mirtilli sono tra i frutti migliori che la natura ci abbia donato. Contengono pochi grassi, sodio e colesterolo. Allo stesso tempo, sono ad alto contenuto di iodio (1/2 bicchiere ne contiene 400 mcg), fibre, antiossidanti e vitamine C e K.

Consigliamo vivamente di includere nella propria dieta il contenuto di due tazze di mirtilli ogni settimana. Gustatene la prelibatezza aggiungendoli alle vostre insalate oppure consumateli a colazione, abbinandoli a una porzione di proteine.

Una buona soluzione è aggiungere del succo di mirtilli al vostro frullato. In questo modo, aggiungerete sapore alle verdure che non vi piacciono particolarmente.

Una ricetta facile è la seguente:

Ingredienti:

  • 1 tazza di spinaci baby (60 g)
  • 1 tazza di succo di mirtilli (250 ml)
  • 5 noci
  • 1 cubetto di ghiaccio

Preparazione

  • Frullate tutti gli ingredienti e bevete il frullato immediatamente.

3. Aggiungere le patate alla propria dieta

Questo tubero originario dell’America, contiene Iodio (60 mcg in una patata di media grandezza). Tuttavia, per ottenere dei benefici, dobbiamo assicurarci di cucinare le patate nel modo corretto.

Ecco qual è:

  • Con pochi grassi: è meglio consumare le patate al forno o bollite. Per evitare che siano del tutto insipide, aggiungete sale con moderazione.
  • Associate il consumo di patate a quello di altri vegetali per sentirvi sazi e per aggiungere fibre alla vostra dieta.
  • Non eccedere. A causa dell’alto contenuto di carboidrati, dovremmo mangiare al massimo una patata di media grandezza al giorno.

Bisogna evitare di consumare grandi quantità di patate da supermercato, quelle vendute in sacchi. Queste, infatti, contengono alti livelli di grassi transgenici, sale di bassa qualità e conservanti che potrebbero compromettere la salute della tiroide.

4. Mangiare più sano possibile

Frutta fresca

In tutta sincerità, quanti prodotti congelati, inscatolati o in qualche modo processati, consumate ogni giorno? Date un’occhiata alla vostra dispensa e vi sorprenderà notare che la maggior parte dei prodotti che comprate hanno queste caratteristiche.

Proprio perché dalla salute della tiroide dipende la produzione di ormoni fondamentali per l’organismo, è importante mantenere il corpo, per quanto possibile, libero da cibi che possono alterare il funzionamento di questa ghiandola. Questi alimenti contengono prodotti chimici, edulcoranti, conservanti e così via.

L’ideale è consumare alimenti freschi e di stagione. Vi suggeriamo di provare per qualche mese così da scoprire che non è poi così complicato. Avete solo bisogno di mettere in pratica alcuni accorgimenti:

  • Sostituire i cereali in scatola con i cereali naturali. Nella maggior parte dei supermercati locali è possibile trovare in versione biologica grano, amaranto e quinoa. Sono anche più economici.
  • Mangiare frutta e verdura di stagione. Proprio perché di stagione, è meno probabile che siano stati sottoposti a un processo di congelamento che ne abbia alterato le proprietà nutritive. Se ne avete voglia, potete persino coltivare il vostro orticello in casa.
  • Preparate in casa alcuni cibi. Lo yogurt e le bibite sono esempi di prodotti facilmente sostituibili da alternative casalinghe. Nello specifico, le bibite possono essere sostituite con infusi o acqua aromatizzata al sapore che più preferite.
  • Potete anche preparare degli snack per sconfiggere la fame tra un pasto e l’altro. Dal gelato artigianale alla bustine di semi, avrete diverse opzioni per soddisfare le vostre voglie senza preoccuparvi delle sostanze chimiche che possono danneggiare il corretto funzionamento della tiroide.

Cosa ne pensate? Seguirete questi consigli? Se non lo fate già, è arrivato il momento di iniziare. Tenete a mente che la salute della tiroide può essere facilmente tenuta sotto controllo mettendo in pratica i giusti accorgimenti.

Guarda anche