Sbiancamento dei denti: cos’è e quali tecniche esistono

19 Luglio 2020
Esistono diverse tecniche per eseguire lo sbiancamento dei denti. Dal gel alle soluzioni commerciali, è meglio affidarsi a un professionista.

La gente è sempre più interessata all’estetica dentale: desideriamo tutti un sorriso più bianco e più bello. Un numero sempre maggiore di persone sceglie di realizzare uno sbiancamento dei denti, che consente di ridurre il colore dello smalto da 2 a 4 tonalità.

Esistono diverse tecniche di sbiancamento dei denti, ognuna delle quali presenta pro e contro. Nel corso degli anni e con l’avanzare della tecnologia, le tecniche utilizzate si sono evolute per quanto riguarda la concentrazione del prodotto, il pH e le modalità di applicazione.

L’invecchiamento, una scarsa igiene, il tabacco, il consumo di cibi ricchi di coloranti, alcune medicine o bevande (come il caffè o il vino rosso) possono scurire lo smalto dei denti e macchiare la dentatura. Nonostante ciò, gli studi dimostrano che a preoccupare i pazienti sono soprattutto la sensibilità e la demineralizzazione dentale.

Che cos’è lo sbiancamento dei denti?

Denti prima e dopo lo sbiancamento
Lo sbiancamento dei denti deve essere effettuato da un dentista per evitare problemi di sensibilità dentale.

La procedura di sbiancamento dei denti in genere prevede l’applicazione di un gel sbiancante che contiene perossido di idrogeno o perossido di carbammide. Tale applicazione provoca un cambiamento chimico nello smalto ed elimina le macchie e le imperfezioni.

Oggi sono disponibili sul mercato numerosi metodi di sbiancamento a base di bicarbonato, carbone attivo o altre sostanze che rimuovono lo strato più esterno del dente. Questi metodi sono meno affidabili e, a lungo termine, possono causare ipersensibilità poiché non ricevono la supervisione del dentista.

Se non applicato correttamente, lo sbiancamento dentale, come altri trattamenti ai denti, può causare effetti collaterali come sensibilità o gengive ritirate. È dunque molto importante farsi seguire dal dentista.

Potrebbe interessarvi: Prodotti per sbiancare i denti naturalmente

Tipi e tecniche di sbiancamento dei denti

Con gel

Sbiancamento dei denti con laser
Questa tecnica usa un gel fotosensibile e deve essere realizzata dal dentista; garantisce risultati molto efficaci.

Viene realizzata nelle cliniche dentali con o senza la luce a LED. Prima di iniziare, il dentista effettua un controllo per verificare che il trattamento possa essere eseguito senza rischi.

I denti vengono isolati e viene applicato il gel (con o senza luce). Il dentista durante verificherà le reazioni del paziente per evitare fastidi o ipersensibilità.

Sbiancamento professionale domiciliare

Mascherine sbiancanti
In questo caso, il gel viene prescritto da un dentista per uso domiciliare.

Per portare a termine questa procedura, il dentista prescrive un gel sbiancante con minore potenza per evitare danni alle gengive o alle labbra. Oltre a ciò, realizzerà delle mascherine personalizzate per ogni paziente e spiegherà la procedura da seguire a casa.

Questa tecnica consiste nell’applicazione di un gel sulla superficie dentale e nel posizionamento della mascherina per un determinato periodo di tempo.

Sbiancamento dei denti con prodotti commerciali:

Lavarsi i denti
I prodotti commerciali comportano maggiore rischio di irritazione e sensibilità dei denti, soprattutto in assenza della supervisione del dentista.

Questi prodotti sono considerati validi da molte persone. La supervisione del professionista è tuttavia essenziale. Un uso indiscriminato degli stessi, di fatto, può causare ipersensibilità, irritazione dei nervi o delle gengive. Se non applicati in modo responsabile, possono causare più danni che benefici, per cui è bene fare attenzione.

Potrebbe interessarvi: Ortodonzia invisibile: che cos’è?

In sintesi

Donna con sorriso smagliante
In caso di dubbi, è bene consultare il proprio medico di fiducia.

Lo sbiancamento dentale è una procedura che può farvi ottenere un sorriso più bello, ma non è privo di effetti collaterali. Deve quindi essere eseguito sotto la supervisione di un professionista. Tra i diversi trattamenti, il professionista sceglierà il più adatto per ogni paziente.

Lo sbiancamento con prodotti che si hanno in casa non avrà mai lo stesso effetto di quello eseguito in clinica. Non bisogna mai dimenticare che è fondamentale prendersi cura della bocca e dei denti.

  • González Sanz, Á. M., González Nieto, B. A., & González Nieto, E. (2013). Salud dental: relación entre la caries dental y el consumo de alimentos. Nutrición Hospitalaria (Vol. 28). Madrid: Scielo. Retrieved from http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0212-16112013001000008
  • Monteverde, C., Delgado, T., Martínez RIM, Guzmán, F., & Maura Espejel, M. (2002). Desmineralización-remineralización del esmalte dental. Revista de la Asociación Dental Mexicana (Vol. 59). Child’s World. Retrieved from http://www.medigraphic.com/cgi-bin/new/resumen.cgi?IDARTICULO=5509