Scegliere la babysitter: 7 consigli utili

5 Novembre 2020
In questo articolo diciamo come scegliere una babysitter per i propri bambini. Essere mamma non è un lavoro facile, soprattutto se si lavora o si svolge un'attività privata e si devono affidare i propri bimbi alle cure di un'altra persona.

Come scegliere la babysitter giusta è una domanda comune tra le giovani mamme. Gran parte delle donne deve tornare al lavoro prima che i propri figli abbiano raggiunto l’età minima per andare all’asilo. Scegliere la babysitter giusta per il proprio bimbo è una delle preoccupazioni principali dei neogenitori che devono riprendere l’attività lavorativa. Bisogna scegliere con molta cautela la persona che si occuperà di quanto più prezioso esiste nella vita: i figli.

L’attaccamento tra genitori e figli è un legame indissolubile. Sono molti i dubbi e le inquietudini che assalgono, ancora di più se si tratta di un neonato che non conosce nessuno al di fuori del nucleo familiare.

Malgrado sia un compito difficile, non è una missione impossibile. Nelle righe che seguono diamo alcuni consigli su come scegliere la babysitter idonea. Al tempo stesso, bisogna tener presente che le apparenze a volte ingannano. Bisogna indagare a fondo per essere sicuri che la persona scelta sia capace di garantire il benessere dei propri figli.

Come scegliere una babysitter con calma e pazienza

Babysitter che gioca con bimbo piccolo.
L’età dei bambini è molto importante nella scelta della babysitter.

L’istinto materno cercherà sempre di difendere quello che è il tesoro più prezioso, ovvero un figlio piccolo. Scegliere la persona giusta per la cura dei bambini è un percorso lungo. Vi consigliamo di non fare scelte affrettate.

Meglio  essere pazienti e avere tutte le informazioni necessarie prima di assumere qualcuno che si dedicherà alla cura dei nostri figli. Scegliere la babysitter non può assolutamente essere una decisione affrettata.

Ricordate che il suo profilo sarà diverso a seconda di vari fattori. Tra questi se lavorerà da sola o in presenza di altri familiari, l’età del bambino e il tempo che trascorrerà con il piccolo. Scegliere una babysitter per un neonato che non sa parlare non è come scegliere una persona che si incarichi della cura di bambini più grandi e autosufficienti.

Saper scegliere una babysitter di fiducia è importante per stare tranquilli quando saremo lontano dai nostri piccoli. Affidatevi al vostro istinto se durante il colloquio avete la sensazione che non è la persona giusta; in questo caso, continuate la ricerca.

Dubbi e preoccupazioni più frequenti

All’inizio è normale avere dubbi e preoccupazioni, soprattutto se si tratta del primo figlio. Scegliere la babysitter idonea è spesso una sfida non indifferente. Analizzate le difficoltà e i dubbi più comuni durante il processo di selezione per stabilire se è preferibile assumere qualcuno o iscriverli all’asilo nido.

  • Spesso questa persona non ha conoscenze in materia di pedagogia. Probabilmente non potrà educare i bambini come saprebbero fare in qualsiasi scuola materna o presso l’asilo nido.
  • Potrebbe essere complicato trovare una persona che sia disponibile per tutto il tempo durante il quale il bambino ha bisogno di essere sorvegliato. Se optate per una tata che stia con voi in pianta stabile, sicuramente avrà orari più flessibili di un asilo nido.
  • Il prezzo da pagare per una babysitter che lavori presso il vostro domicilio è più alto del costo di iscrizione presso una struttura dove potrete lasciare i vostri bambini. Assicuratevi di concordare il salario ed eventuali altri compensi come il costo del cibo e dei mezzi durante il servizio.
  • Abbiamo sentito tutti storie di babysitter più o meno attente alle esigenze dei bambini. Qualsiasi atteggiamento strano della persona che prendiamo in considerazione per il lavoro ci fa sorgere dubbi e ansie. Non fatevi prendere dal timore, ma se il vostro sesto senso vi suggerisce di non fidarvi, ascoltatelo.

Vi potrebbe interessare anche: Voglio un abbraccio così forte da scacciare ogni dubbio

Consigli di base per scegliere la babysitter

Babysitter che gioca con la bambina.
Durante il colloquio assicuratevi che la candidata sia idonea ad accudire i vostri bambini

1. Verificate che abbia esperienza

Chiedete una referenza per verificare l’effettiva esperienza della candidata e il suo Curriculum vitae. Contattate le famiglie presso le quali ha prestato servizio per valutare la sua esperienza con i bambini. L’ideale sarebbe che qualcuno di cui vi fidate vi suggerisca una persona di fiducia.

2. Organizzate un colloquio per scegliere la babysitter

Fissate un colloquio con la candidata o il candidato. Fate tutte le domande che ritenete necessarie per accertarvi che sia la persona adatta. Fate domande riguardo all’esperienza precedente e chiedete come mai non ha continuato a lavorare presso la stessa famiglia.

Vi consigliamo soprattutto di verificare che sappia gestire diverse situazioni. Cercate di capire cosa ne pensa della punizione fisica ai bambini come metodo educativo.

3. Assicuratevi che abbia un aspetto rassicurante

La candidata giusta dovrebbe avere una presenza accettabile durante il colloquio. Ciò non vuol dire che dovrà indossare abiti di grandi marche, ma certamente dovrebbe dare l’idea di una persona ben curata, pulita e ordinata e che sappia vestirsi in maniera appropriata per l’occasione. Dovrebbe dimostrarsi una persona educata e con sani valori. Ricordate che i bambini impareranno da lei.

4. Mettetela alla prova

Mettetela alla prova mentre si trova a casa vostra per vedere che reazione ha con i vostri figli e la reazione dei piccoli. Assicuratevi che al bambino piaccia; osservate se si sente a suo agio, tranquillo e al sicuro sin da subito. Non forzate alcuna reazione tra di loro, ciò influirà sugli effetti della separazione del bambino dai genitori.

5. Confermate la disponibilità di orario

Sin dal primo colloquio cercate di capire le ore che potrà dedicare alla cura dei bambini. Assicuratevi che sia puntuale quando entra in servizio e quando termina il lavoro. Se sin da subito si presentano problemi di orario o se i vostri orari non sono compatibili, forse è meglio considerare altre candidature.

6. Rendete note le vostre regole e condizioni

Sin dalla prima interazione, vi consigliamo di chiarire le vostre aspettative. Come vi aspettate che avvenga la cura e l’educazione dei bambini, quali sono le sue responsabilità, cosa deve fare in caso di emergenze.

Se osservate che la candidata ha delle obiezioni riguardo al trattamento dei bambini, vi consigliamo di non prenderla in considerazione per il lavoro.

Leggete anche: Come identificare le persone emotivamente immature

7. Chiedete quali sono le sue condizioni

Durante il colloquio lasciate che la candidata vi spieghi quali sono le sue condizioni, sarà meglio capirle nel dettaglio.  Se vi è incompatibilità con quanto state cercando, potrebbe essere la persona sbagliata.

Continuate quindi il processo di selezione. Ricordate che non c’è fretta, quello che importa è trovare la persona giusta.

Come scegliere la babysitter adatta

Padre che pettina la figlia.
La babysitter adatta potrà rendere felici i vostri figli e consentirvi di gestire meglio il vostro tempo.

Se la candidata ha tutti i requisiti che state cercando, potete metterla in prova! Potete cominciare ad affidarle i vostri figli per periodi brevi, in modo da osservare come si comportano lei e i bambini.

Al tempo stesso, potrete verificare se mette in atto le istruzioni e le condizioni stabilite. Assicuratevi di essere reperibili qualora abbia bisogno di informarvi su qualsiasi novità o semplicemente per tenervi al corrente di quello che fanno i bambini. Se durante questo tempo vi trovate bene, potete aumentare il lasso di tempo che la babysitter trascorrerà con i bambini.

Per concludere, pur scegliendo la babysitter perfetta, nessuno potrà sostituirvi nel vostro ruolo di genitori. L’amore incondizionato che vi lega è unico. Non privatevi mai del privilegio di vederli crescere, anche se un po’ di aiuto da parte di una babysitter è necessario. Vi offrirà senz’altro diversi vantaggi in questa nuova tappa della vostra vita.

  • Castrillón González, Lisbeth Yalile, et al. “Corporación escuela para niñeras y cuidadores.” (2010).
  • Cid López, Rosa María. “Madres sustitutas y oficios femeninos. Nodrizas y niñeras en la Roma antigua.” Los trabajos de las mujeres en el mundo antiguo: cuidado y mantenimiento de la vida (2016).
  • Gorbán, Debora. “De niñeras, cuidadoras y empleadas domésticas: una mirada sobre los procesos de selección de trabajadoras del cuidado entre familias de clases medias en la ciudad de Buenos Aires.” Documentos para discusión Nº14(2014).