Evitare l’Alzheimer grazie a una sana alimentazione

6 Maggio 2014
Ancora non si conoscono le cause di questa malattia e non si è ancora trovata una cura. Man mano che la malattia va avanti, le cellule nervose muoiono e diverse zone del cervello di atrofizzano. I pazienti perdono la memoria a breve termine e le loro capacità mentali diminuiscono.

Varie ricerche dimostrano che è possibile evitare l’Alzheimer. Tramite delle buone abitudini nella vostra alimentazione e nelle attività quotidiane è possibile contrastare la comparsa dell’Alzheimer.

Evitare l’Alzheimer grazie a una sana alimentazione è una delle opzioni per ridurre la possibilità di comparsa di questa condizione. leggete questo articolo per scoprire i dettagli.

Che cos’è l’Alzheimer?

Prima di parlare di come prevenire l’Alzheimer è meglio conoscere alcuni aspetti relativi a questa malattia che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Si tratta di un disturbo neuro-degenerativo noto anche come “demenza senile”.

I pazienti colpiti dalla malattia perdono la memoria a breve termine e vedono un diminuirsi delle loro capacità mentali. Ciò è dovuto alla morte di alcune cellule nervose e all’atrofizzarsi di alcune zone del cervello.

Una persona può “convivere” con l’Alzheimer fino a dieci anni dopo la sua diagnosi, peggiorando con il passare del tempo. Si tratta di una malattia incurabile che insorge principalmente in persone con età superiore ai sessantacinque anni.

È stata scoperta da due psichiatri tedeschi agli inizi del secolo scorso e il suo sintomo iniziale è l’incapacità di immagazzinare informazioni o di ricordare ciò che si è detto.

signore in piedi

Man mano che l’Alzheimer avanza, i sintomi diventano confusione mentale, aggressività, irritabilità, sbalzi di umore, perdita della memoria a lungo termine, isolamento, problemi nel parlare. Le cause di questa malattia sono ancora sconosciute e le cure mediche servono per ottenere alcuni miglioramenti, ma non per curarla del tutto.

Buone abitudini per evitare l’Alzheimer

Come detto prima, ancora non esiste una cura per l’Alzheimer né un trattamento o un medicinale che lo possa combattere. Per questo motivo gli esperti consigliano di mantenere delle buone abitudini alimentari e fisiche per far sì che questa malattia non possa svilupparsi con tanta facilità o che i sintomi siano più lievi. Queste sono le abitudini da seguire per evitare l’Alzheimer.

  • Riducete il consumo di grassi trans e di grassi saturi. Questi aumentano, infatti, i livelli di colesterolo nel sangue e stimolano la produzione di pericolose placche nel cervello, caratteristiche del morbo di Alzheimer.
signora seduta

  • Mangiate più verdura, legumi, cereali e frutta. Questi alimenti non possono mancare nella vostra dieta quotidiana per evitare l’Alzheimer. Infatti sono ricchi di sali minerali e vitamine (come la B6 e l’acido folico). Aiutano a proteggere il cervello e ad evitare il deterioramento cognitivo. Inoltre, riducono il rischio di soffrire di obesità, diabete di tipo 2 e colesterolo, tutte malattie collegate all’Alzheimer.
  • Assumete vitamina E ogni giorno. La dose consigliata è di 5 mg perché questo antiossidante è ottimo per il cervello. Potete trovarlo nei semi, nelle noci, nella papaia, nel mango, nell’avocado, nel pomodoro, nel peperone rosso, negli spinaci, nei cereali arricchiti e nel pane.
  • Includete integratori di vitamina B12. Li trovate nei prodotti di origine animale e negli alimenti arricchiti. Servono per ridurre i livelli di amminoacidi collegati al deterioramento cognitivo. Assumere vitamina B aiuta a migliorare la memoria e a ridurre l’atrofia cerebrale. Consigliamo una dieta a base di vegetali per le persone di età superiore ai cinquanta anni.
  • Per evitare l’Alzheimer controllate il diabete. Diversi studi hanno dimostrato che il diabete di tipo 2 aumenta il rischio di soffrire di Alzheimer perché implica alti livelli di zucchero nel sangue che danneggiano il cervello.

Leggete anche: Rimedi naturali contro il colesterolo

alimenti per evitare l’Alzheimer

Altri accorgimenti da seguire

  • Utilizzate oli vegetali. Sono ricchi di Omega 3 e potete usare quello di lino o quello di canapa. Un’alternativa è l’olio di pesce, sempre tenendo in considerazione la provenienza e gli ingredienti aggiunti. Molti pesci contengono mercurio, la cui tossicità è collegata all’Alzheimer.
  • Evitate il consumo di complessi vitaminici con rame e ferro. L’eccessivo uso di questi nutrienti potrebbe generare problemi cerebrali e tra l’altro sono già presenti in molti alimenti che consumiamo.
  • Riducete l’utilizzo di alluminio. Questo materiale con cui sono fatte pentole e padelle, spatole e mestoli, non fa bene alla salute. Per quanto riguarda i fogli di alluminio ancora non ci sono molte ricerche al riguardo, ma è sempre meglio evitare.
  • Camminate tre volte a settimana. Per evitare l’Alzheimer fate camminate da quaranta minuti l’una e in modo energico. Questo vi aiuterà non solo a perdere peso e a mettere da parte uno stile di vite sedentario, ma anche a ridurre il rischio di soffrire di demenza fino ad un 50%.

Scoprite: I benefici di una passeggiata quotidiana

passeggiata al parco

Immagini per gentile concessione di: Bev Sykes, Andrea Nardi, Vince Alongi, Smanatha Ing, Martin Cathrae.

  • Morley, J. E., Farr, S. A., & Nguyen, A. D. (2018). Alzheimer Disease. Clinics in Geriatric Medicine. https://doi.org/10.1016/j.cger.2018.06.006
  • Serrano-Pozo, A., Frosch, M. P., Masliah, E., & Hyman, B. T. (2011). Neuropathological alterations in Alzheimer disease. Cold Spring Harbor Perspectives in Medicine. https://doi.org/10.1101/cshperspect.a006189
  • Braak, H., & Braak, E. (1991). Neuropathological stageing of Alzheimer-related changes. Acta Neuropathologica. https://doi.org/10.1007/BF00308809
  • Janson, J., Laedtke, T., Parisi, J. E., O’Brien, P., Petersen, R. C., & Butler, P. C. (2004). Increased Risk of Type 2 Diabetes in Alzheimer Disease. Diabetes. https://doi.org/10.2337/diabetes.53.2.474