Tutto ciò che dovete sapere sul colesterolo

30 Marzo 2019
In questo articolo vi riveliamo tutto ciò che dovete sapere su una delle sostanze più conosciute del corpo umano.

La prima cosa da sapere sul colesterolo è che si tratta di una sostanza lipoidea, più comunemente nota come grasso. Nonostante la fama di sostanza dannosa per la salute, è invece fondamentale per la formazione della membrana plasmatica cellulare.

Tale membrana aiuta la cellula a regolare l’ingresso e l’uscita delle sostanze. Ovvero, costituisce una barriera selettiva e permeabile in grado di inibire o stimolare una specifica attività.

In poche parole, il colesterolo è essenziale per il corretto funzionamento cellulare. In termini più tecnici è uno sterolo. Gli steroli sono steroidi con 27-29 atomi di carbonio.

A breve scoprirete tutto ciò che c’è da sapere sul colesterolo. Prendete nota!

Tutto ciò che dovete sapere sul colesterolo

Ridurre il colesterolo

Dove si trova?

Il colesterolo è presente negli animali vertebrati e negli esseri umani, e più specificamente in:

  • Tessuti corporei
  • Plasma sanguigno
  • Calcoli biliari nella cistifellea

Il 75% del colesterolo del corpo viene prodotto nel fegato. Il restante 25% proviene dall’alimentazione.

Leggete anche: 6 trucchi in cucina che aiutano a ridurre il colesterolo

L’alimentazione i il colesterolo

Nel processo di alimentazione, quando il cibo raggiunge lo stomaco, viene scomposto in diversi elementi. In questa fase, i nutrienti vengono assorbiti e circolano attraverso il flusso sanguigno. Come circolano? Sotto forma di carboidrati, proteine ​​e lipidi.

Una volta raggiunto il fegato, i nutrienti si fondono e formano le lipoproteine ​​a bassa e alta intensità. Queste sono responsabili della distribuzione del colesterolo nelle diverse aree del corpo.

Un livello troppo alto di colesterolo nel sangue rappresenta un problema per la salute. Generalmente, ciò è dovuto ad un’alimentazione scorretta basata su cibi ricchi di grassi saturi, fritti, cibi in scatola, carne rossa, salumi, latticini, ecc.

Una gran confusione

Tipi di colesterolo

È fondamentale distinguere tra due tipi di lipoproteine. Lipoproteine ​​ad alta intensità (HDL) e lipoproteine ​​a bassa intensità (LDL), attraverso le quali viene trasportato il colesterolo. Solo in funzione di ciò sarà possibile stabilire se il colesterolo è dannoso o meno la salute.

  • Le HDL sono responsabili del trasporto e dell’eliminazione del colesterolo in eccesso nel fegato. Di conseguenza, queste lipoproteine ​​sono considerate buone per l’organismo.
  • Le LDL tendono invece ad accumularsi nel corpo e a ostruire le arterie, tra i diversi danni che producono.

In conclusione, il colesterolo è sempre lo stesso, e le due lipoproteine svolgono ciascuna la propria funzione. Tuttavia, l’ideale è avere le HDL più elevate rispetto alle LDL. Perché? Semplice: per salvaguardare la salute del cuore.

I valori di HDL dovrebbero essere intorno ai 40 mg / dL o superiori. Mentre, i valori di LDL dovrebbero essere tra i 70 e i 130 mg / dL.

Colesterolo alto e nutrizione

Per evitare che i livelli di LDL o “colesterolo cattivo” eccedano i limiti stabiliti, la dieta dovrebbe essere orientata al consumo di acidi grassi monoinsaturi, fibre e steroli vegetali. Sarebbe opportuno consumare sempre alimenti ad alto valore nutrizionale. Ad esempio:

  • Frutta.
  • Cereali.
  • Pesce.
  • Frutti di mare.
  • Verdure.
  • Legumi.

E, naturalmente, i grassi saturi dovranno essere eliminati dalla dieta. Li troviamo nelle patate fritte, negli alimenti processati (come pancetta, salsicce e prosciutto), così come nei cibi dei fast food. Inoltre, è sconsigliabile anche l’assunzione di latticini.

Può interessarvi anche: 5 alimenti per combattere i grassi saturi

Colesterolo ed esercizio fisico

Colesterolo ed esercizio fisico

I medici raccomandano di fare esercizio per almeno 30 minuti al giorno. Questi pochi minuti sono in grado di offrire molteplici benefici al corpo. In questo caso, si può sempre dire che lo sforzo vale la pena.

Per eliminare il grasso in eccesso e mantenere un peso salutare, si consiglia di optare per un allenamento combinato con esercizi cardiovascolari e aerobici. Inoltre, si raccomanda di salire e scendere le scale il più possibile e, in generale, di evitare lo stile di vita sedentario.

In questi casi, stabilire un programma d’allenamento con l’aiuto di un professionista della salute, contribuirà in modo positivo alla salute e al benessere in termini generali. È essenziale mantenere livelli ottimali di colesterolo buono (HDL) nel corpo e sbarazzarsi del colesterolo cattivo (LDL).

Va sottolineata, inoltre, la necessità di integrare l’esercizio fisico con un regime alimentare adeguato. In caso di dubbi, è sempre possibile consultare un esperto del settore; ovvero, un nutrizionista.

Nei casi di alti livelli di colesterolo, l’ideale è regolarli attraverso le sane abitudini di vita. Tutto, ovviamente, sotto regolare supervisione medica.

  • Gordon, M. (1985). Cholesterol. Nutrition & Food Science. https://doi.org/10.1108/eb059065
  • McGrowder, D., Riley, C., Morrison, E. Y. S. A., & Gordon, L. (2011). The role of high-density lipoproteins in reducing the risk of vascular diseases, neurogenerative disorders, and cancer. Cholesterol. https://doi.org/10.1155/2011/496925
  • Wilson, P. W. F., D’Agostino, R. B., Levy, D., Belanger, A. M., Silbershatz, H., & Kannel, W. B. (1998). Prediction of coronary heart disease using risk factor categories. Circulation. https://doi.org/10.1161/01.CIR.97.18.1837