Sindrome da confusione del capezzolo: cause e soluzioni

La sindrome da confusione del capezzolo si verifica quando il biberon viene introdotto troppo rapidamente. Non è facile invertire questa situazione e ci sono anche momenti in cui non è possibile.
Sindrome da confusione del capezzolo: cause e soluzioni

Ultimo aggiornamento: 17 settembre, 2022

La sindrome da confusione del capezzolo è una condizione che si verifica nei bambini che non sono in grado di succhiare correttamente durante l’allattamento. Si sentono più a loro agio nel farlo dal biberon.

Questo problema compare nei bambini che sono stati allattati al seno con capezzoli artificiali subito dopo la nascita. La sindrome porta i piccoli a sentirsi smarriti e sconcertati quando bevono il latte dal seno della madre.

La sindrome da confusione del capezzolo è più comune nei neonati prematuri. Rappresenta un problema, in quanto è molto importante che bevano il latte materno per tutti i benefici che questo porta alla loro crescita e sviluppo.

Cos’è la sindrome da confusione del capezzolo?

La sindrome da confusione del capezzolo è una condizione in cui il bambino ha difficoltà ad alimentarsi direttamente dal seno della madre. In genere, questo porta a maltrattamenti e dolore al capezzolo materno. Allo stesso tempo, il bambino sembra preferire il biberon.

Un bambino con la sindrome da confusione del capezzolo è irrequieto di fronte al seno. Alcuni addirittura lo rifiutano e si sentono a disagio non appena la madre li mette in posizione di suzione. Piangono e mettono le mani davanti al petto.

È difficile per loro iniziare a bere il latte materno. È come se non riuscissero a trovare un modo per adattarsi. Si muovono molto e tirano nervosamente il capezzolo della madre. A volte diventano aggressivi quando si avvicinano al petto e mostrano di preferire il biberon.

Latte formulato in bottiglia.
I bambini che hanno ricevuto l’alimentazione artificiale fin dai primi giorni hanno maggiori probabilità di rifiutare in seguito il capezzolo della madre.

Cause

Si crede spesso che bere il latte da una bottiglia sia molto simile a bere dal seno della madre. Tuttavia, sono due processi molto diversi.

Succhiare da una fonte all’altra richiede diversi movimenti della lingua del bambino, così come i muscoli della sua bocca. La quantità di latte ottenuta dal biberon è invece molto maggiore di quella ottenuta dal seno materno.

La sindrome da confusione del capezzolo è più comune nei bambini che bevono il latte materno e usano il biberon contemporaneamente. Soprattutto se ciò si verifica poco dopo la nascita.

Il neonato è confuso. Per certi aspetti è più facile succhiare dal biberon e gli dà anche più latte. Quando prende il latte dalla madre, deve fare movimenti diversi e finisce per ottenere meno cibo.

Effetti della sindrome da confusione del capezzolo

La sindrome della confusione dei capezzoli può influenzare l’allattamento al seno in molti modi. Oltre a ferire la madre, può anche mettere in pericolo la continuità stessa dell’allattamento.

Difficoltà di presa

Il biberon ha un capezzolo sporgente che rende più facile per il bambino attaccarsi. Il capezzolo della mamma può avere altre caratteristiche e questo rende difficile per il piccolo attaccarsi al seno.

Difficoltà di suzione

Per bere il latte materno, il bambino deve aprire bene la bocca, in modo da adattarsi al seno. Questo non accade in bottiglia.

Se il piccolo replica nel seno il modo di succhiare che ha nel biberon, è possibile che provochi dolore alla mamma. Oltre ad una minore erogazione di latte, in quanto non vi è un’adeguata compressione dei dotti lattiferi.

Rigetto del seno

A volte, la difficoltà del bambino a succhiare al seno è così grande che finisce per rifiutare questa forma di alimentazione. Ci sono addirittura casi in cui si presenta il cosiddetto sciopero dell’allattamento al seno, in cui si ha il totale rigetto del seno della madre.

Come risolvere la sindrome da confusione del capezzolo?

Quando un bambino mostra di avere la sindrome da confusione del capezzolo, è meglio ridurre la confusione e rimuovere il biberon. È meglio farlo gradualmente e somministrare il latte supplementare in altri tipi di contenitori.

L’obiettivo è che il bambino impari di nuovo a prendere il latte dal seno della madre e disimpari a succhiare attraverso il biberon. Alcune delle opzioni che possono essere utilizzate sono le seguenti.

Alimentazione con siringa

È adatta per i nati prematuri e i bambini di poche settimane. Si consiglia di utilizzare una siringa di buona capacità e maneggiabile con una sola mano.

Bisogna solo versare il latte sulla lingua del bambino, senza inserire la siringa.

Si può anche inserire un dito sul palato del bambino. Quando il piccolo inizia a succhiare, lascia che il latte scivoli via dal dito.

Cucchiaio o contenitore- cucchiaio

Anche questa tecnica aiuta a correggere la sindrome da confusione del capezzolo. Il latte può essere somministrato con un cucchiaio.

Tuttavia, l’apprendimento è generalmente lento ed è comune che i bambini sputino latte a causa della mancanza di coordinazione. Con un po’ di pazienza si può fare.

Ci sono anche contenitori per cucchiai, che sono simili a un biberon. Si tratta di un cilindro contenente una valvola e un dispositivo in silicone che funge da cucchiaio.

Rinunciare al biberon nella sindrome della confusione dei capezzoli.
Lo svezzamento graduale del biberon aiuterà il bambino a preferire di nuovo succhiare il capezzolo.

Tazze o bicchieri

Anche una tazza o un bicchiere sono opzioni adatte. La cosa indicata è usare un piccolo contenitore, appoggiandolo al labbro inferiore del bambino.

Alcuni bambini portano il latte in bocca con la lingua e altri succhiano. Ci sono tazze e bicchieri speciali sul mercato.

Relattatore

Il relattatore è un contenitore con uno o due tubi collegati al capezzolo della madre. Qui è dove viene raccolto il latte materno. La madre dovrebbe metterselo al collo.

Quando il bambino succhia, fuoriescono sia il latte dal seno che il latte raccolto nel contenitore. In questo modo, il piccolo riceverà cibo a sufficienza.

Il biberon non è indicato per la maggior parte dei bambini

Per evitare la sindrome da confusione del capezzolo, è meglio non somministrare il latte dal biberon se il bambino è adatto all’allattamento. La maggior parte dei neonati non mostra controindicazioni per il seno materno e non necessita di alimentazione artificiale.

Quando il bambino ha la sindrome da confusione del capezzolo, potrebbero essere necessarie diverse settimane, o anche un paio di mesi, prima che ritorni al seno. Devi essere paziente.

Potrebbe interessarti ...
Succhiotto e biberon fanno male al bambino?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Succhiotto e biberon fanno male al bambino?

L'uso di succhiotto e biberon è molto diffuso: c'è chi opta per entrambi, chi sceglie uno o l'altro e chi decide di fare a meno di tutti e due



  • Agrelo, F., Lobo, B., Chesta, M., Berra, S., & Sabulsky, J. (1999). Crecimiento de niños amamantados y alimentados con biberón hasta los 2 años de vida: estudio CLACYD, 1993-1995. Revista Panamericana de Salud Pública, 6, 44-52.
  • Sánchez, L. M., González, E. D., Florensa, S. G. T., & Marti, J. G. (2000, January). Uso del chupete: beneficios y riesgos. In Anales de Pediatría (Vol. 53, No. 6, pp. 580-585). Elsevier Doyma.
  • Urquizo Aréstegui, R. (2014). Lactancia materna exclusiva:¿ siempre?. Revista Peruana de Ginecología y Obstetricia60(2), 171-176.
  • Brahm, P., & Valdés, V. (2017). Beneficios de la lactancia materna y riesgos de no amamantar. Revista chilena de pediatría88(1), 07-14.