Sindrome da fatica cronica nelle donne

22 luglio 2014
La fatica cronica può ridurre considerevolmente la propria qualità di vita. Scoprite nel seguente articolo come prevenirla, i suoi sintomi e i trattamenti più indicati.

La sindrome da fatica cronica (SFC) è una complessa malattia che incide enormemente sulla qualità della vita delle persone. Secondo le statistiche, per ogni uomo con SFC ci sono cinque donne, ovvero, per qualche motivo, questa patologia colpisce di più le donne. Dolore, estrema stanchezza, depressione… gli effetti di questo disturbo sono molti e vale la pena sapere cosa lo causa e come intervenire. 

L’impatto della Sindrome da Fatica Cronica sulle persone è devastante, soprattutto perché in un modo o nell’altro si isolano nella propria malattia, con grandi difficoltà nell’andare al lavoro e persino nel mantenere una vita sociale. Qualsiasi sforzo si traduce in grande stanchezza e dolore nel corpo che obbliga a rimanere a riposo. Ma perché succede questo? E soprattutto, si può fare qualcosa?

Sintomi della Sindrome da Fatica Cronica

fatica cronica1
Le persone affette da Sindrome da Fatica Cronica affermano che ogni giorno per loro rappresenta una sfida. I sintomi sono molti e tutti insieme definiscono questa fastidiosa e dolorosa malattia: 

  • I sintomi appaiono tra i 25 ed i 50 anni.
  • Si tratta di un dolore costante nel corpo. Ci sono persone a cui basta la semplice pressione di un dito sul collo o sulla schiena per sentire un dolore terribile.
  • Il dolore muscolare si presenta come una specie di bruciore. Nelle prime fasi si confonde il dolore con influenza, poiché condividono la stessa stanchezza e lo stesso malessere generale nei muscoli e nelle ossa. Non è un dolore concreto, bensì generalizzato.
  • Fatica perenne. Le persone con Sindrome da Fatica Cronica si sentono così stanche che per loro risulta difficile persino svolgere le faccende di casa, badare ai figli e farsi il bagno. Solo pettinandosi i capelli provano dolore.
  • Si è soliti soffrire anche di insonnia, problemi intestinali, nausea ed emicrania.
  • Si presentano alterazioni dello stato d’animo causate da dolore e fatica. Gli episodi che causano il minimo stress o ansia si trasformano in ulteriore dolore fisico per la persona. A volte perdere una persona cara può aggravare enormemente la Sindrome da Fatica Cronica.
  • Sindrome dell’occhio secco. Molte volte la malattia causa questa particolare affezione.
  • Problemi nel ritmo della produzione degli ormoni surrenali.

Al momento gli esperti non sanno indicarci con precisione le cause di questa sindrome. Fino a poco tempo fa, si pensava potesse dipendere dai seguenti fattori:

  • Il virus di Epstein-Barr (EBV) conosciuto anche come il virus dell’herpes umano tipo 4 (HHV-4).
  • Infiammazione nel sistema nervoso in seguito ad una risposta difettosa nel sistema immunitario.

Tuttavia, di recente è stato pubblicato un lavoro sul Journal of Translation Medicine secondo il quale la comparsa di tale sindrome è relazionata ad otto proteine e nello specifico:

Si tratterebbe di un insieme di molecole collegate ai processi immunologici. Una piccola alterazione in queste strutture che scatenerebbe un “errore” nel nostro sistema immunitario originando un malessere generalizzato. Al momento le analisi sembrano dare qualche speranza dinanzi alla possibilità di analizzare lo sviluppo della malattia e tenerne sotto controllo gli effetti.

Perché la Sindrome da Fatica Cronica colpisce di più le donne?

stanchezza
È una realtà evidente: la Sindrome da Fatica Cronica colpisce soprattutto le donne. In assenza di maggiori dati per capire meglio le cause di questa malattia, sembra che alla base di tutto vi sia il sistema immunitario.

In qualche modo, anche gli ormoni potrebbero determinare questa relazione: qualsiasi piccola alterazione danneggerebbe le molecole associate al sistema immunitario scatenando il processo. Il numero di donne che soffrono di SFC è quasi il doppio degli uomini ed per questo che gli esperti ipotizzano che la sindrome possa dipendere da alcuni fattori basilari: fattori ereditari, alcune alterazioni ormonali, lo stress e l’ansia, deficit nel sistema immunitario.

Quale trattamento possiamo seguire in caso di Sindrome da Fatica Cronica?

vitamina-B12

Attualmente, per sfortuna, non esiste ancora una cura per la Sindrome da Fatica cronica. Secondo gli studi anteriormente citati, per prevenirne la comparsa, dovremmo rafforzare il sistema immunitario; ma come riuscirci?

Attraverso la Vitamina C (arance, limoni, kiwi), la Vitamina B12 (che si può trovare sotto forma di capsule in erboristeria e in farmacia) e ancora tramite la Vitamina A (frutta e verdura di colore verde e rosso), che evita la comparsa di infezioni. Molte persone affette da questo disturbo riscontrano miglioramenti tramite questi integratori.

Il trattamento per migliorare la vita dei pazienti affetti da Sindrome da Fatica Cronica prevede le seguenti misure: 

  • Terapia cognitivo-comportamentale per offrire un mezzo con cui affrontare e migliorare la propria qualità di vita personale e sociale.
  • Tecniche di gestione del sonno.
  • Farmaci per ridurre il dolore, i disturbi e la febbre.
  • Farmaci per trattare l’ansia (ansiolitici).
  • Farmaci per trattare la depressione (antidepressivi)

Ogni persona rappresenta un caso diverso e le sarà riservata un’attenzione individuale. Da parte nostra, vi invitiamo a seguire un’alimentazione adatta in modo da proteggere il sistema immunitario e a prevenire questa dolorosa patologia.

Guarda anche