Sintomi del torcicollo e come curarlo

17 Luglio 2019
Vi siete svegliati con una sensazione di rigidità e un dolore insopportabile nella zona del collo? È molto probabile che abbiate il torcicollo. Vediamo quali sono i sintomi e i possibili trattamenti.

Il trocicollo è una contrattura che interessa la zona del collo e che, in genere, compare quando assumiamo una posizione scorretta durante il sonno. I principali sintomi del torcicollo sono la rigidità e un dolore molto intenso quando si prova a fare un movimento qualsiasi.

Il torcicollo può prodursi anche in seguito all’esposizione a una corrente d’aria o a un movimento sotto sforzo. Per evitare questo disturbo doloroso, la prima precauzione è prendervi cura del vostro collo e ricorrere ai rimedi che vi proponiamo non appena avvertite i primi sintomi del torcicollo.

Sintomi del torcicollo congenito e cura

Prima di parlare dei sintomi del torcicollo più caratteristici, è importante introdurre il termine “torcicollo congenito”. Con questa definizione si fa riferimento alla presenza dei sintomi del torcicollo fin dalla nascita.

Come riferito dagli specialisti del reparto di Ortopedia dell’Ospedale pediatrico Bambin Gesù di Palidoro, questa condizione deriva da una certa deformità alla nascita. Il bebè nasce con un muscolo sternocleidomastoideo più corto, derivato da problemi durante il parto.

L’unica soluzione in questo caso è sottoporre il neonato a un’operazione chirurgica al più presto. Il resto del corpo cercherà di compensare questo accorciamento del muscolo provocando, ad esempio, problemi alla colonna vertebrale.

Neonato con torcicollo congenito

Con la crescita, è possibile notare che la testa del bambino tende a inclinarsi sempre di più verso un lato. Nel tentativo di raddrizzarla, si produce una resistenza accompagnata da un leggero dolore.

Se viene trattato adeguatamente, talvolta è possibile evitare la chirurgia, anche se nella maggior parte dei casi questa resta l’unica soluzione. In ogni caso, è importante seguire le indicazioni del medico affinché la situazione evolva nel modo migliore possibile per il bebè.

Leggete anche: Mal di schiena e torcicollo? Ecco cosa fare

Sintomi del torcicollo

Ora che sapete cos’è il torcicollo congenito, vediamo quali sono i tipici sintomi del torcicollo, che tutti conosciamo perché ne abbiamo sofferto almeno una volta. Dopodiché, Vi illustreremo anche i modi in cui potete cercare di trattare questo disturbo.

1. Movimento limitato della testa

Quando ci svegliamo la mattina e sentiamo un dolore intenso al collo nel realizzare un minimo movimento, allora è chiaro: abbiamo il torcicollo. A volte possiamo notare la testa leggermente inclinata da un lato o una riduzione della mobilità della zona del collo.

Toccando la zona dolorante, noteremo che il muscolo è irrigidito. In questi casi, dobbiamo evitare i movimenti bruschi e tenere il collo al caldo per regolare la temperatura della zona. Possiamo cercare di massaggiare delicatamente il collo per ridurre il fastidio (anche se sarà un sollievo momentaneo).

Forse può interessarvi anche: Massaggi rilassanti: ecco come farli alla perfezione

2. Mal di testa

Fra i sintomi del torcicollo può esserci anche il mal di testa, soprattutto se abbiamo una predisposizione a soffrire di emicrania o cefalea. Questo sintomo deriva dalla rigidità della zona che può provocare anche il dolore cervicale.

In questi casi è importante evitare i movimenti bruschi e cercare di far riposare la zona. Se non potete e il vostro lavoro vi obbliga a muovervi, potete indossare un collare ortopedico. Tuttavia, il suo uso deve essere limitato e in nessun caso deve provocarvi dolore.

3. Posizione asimmetrica delle spalle

Per concludere, fra i sintomi del torcicollo è possibile notare una spalla un po’ più alta rispetto all’altra. Questo è dovuto alla contrattura che si produce nel muscolo e che fa sì che la testa si inclini verso uno dei due lati.

In questo caso, potete realizzare degli esercizi di stretching lenti e delicati per cercare di calmare il fastidio e il dolore. Anche in questo caso dovete evitare i movimenti bruschi e la cosa migliore sarà sempre il riposo.

Stretching per i sintomi del torcicollo

Se volete usare un collare, ricordate che dovete limitarne l’uso a momenti specifici.Non è conveniente forzare il collo in una posizione ancora più rigida di quella in cui sta, anzi è fondamentale che poco a poco cerchiate di muoverlo delicatamente.

Allo stesso modo, non dimenticate che i sintomi del torcicollo tendono a migliorare con il passare dei giorni. In genere, infatti, non durano più di tre giorni; con le cure adeguate, questo problema scomparirà in fretta.

Cercare di dormire in una posizione comoda e usare un cuscino adatto riduce le possibilità di soffrire di questo disturbo. Tuttavia, ricordiamo che il torcicollo è molto comune e, sicuramente, tutti noi ne soffriremo almeno una volta, prima o poi.

  • Ankha, M. E. A., Nascimento, R., Raldi, F., De Moraes, M., Ribeiro, Z., & Dos Santos, L. (2017). Traumatic bone cyst and congenital muscular torticollis: association or a chance?. Revista española de cirugía oral y maxilofacial: Publicación Oficial de la Sociedad Española de Cirugía Oral y Maxilofacial39(1), 46-49.
  • Barraquer-Bordas, L.. (1966). Los transtornos del movimiento, de la postura y del tono por patologia extrapiramidal. Arquivos de Neuro-Psiquiatria24(2), 122-139. https://dx.doi.org/10.1590/S0004-282X1966000200007
  • González Gil, José Manuel, González Salgado, Omar, & Barranco Martínez, Luis Felipe. (2001). Tortícolis infantil: Nuevas perspectivas en su tratamiento. Revista Cubana de Ortopedia y Traumatología15(1-2), 65-70. Recuperado en 12 de abril de 2019, de http://scielo.sld.cu/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0864-215X2001000100013&lng=es&tlng=es.
  • Robles Gálvez, C. N. (2018). Enfoque fisioterapéutico en el tortícolis muscular congénito.