Slow life: conoscere questo stile di vita e imparare ad applicarlo

Slow life è un movimento culturale internazionale che promuove uno stile di vita più lento incentrato sul momento presente. In questo articolo vi diciamo di cosa si tratta e come applicarlo.
Slow life: conoscere questo stile di vita e imparare ad applicarlo

Ultimo aggiornamento: 22 luglio, 2022

Oggi, soprattutto nella cultura occidentale, è abbastanza comune che le persone conducano un ritmo di vita accelerato e automatico, in cui l’eccesso di obblighi e l’immediatezza sono all’ordine del giorno. Di fronte a questa folle realtà, sorgono dei movimenti, come lo slow life, che propugnano uno stile di vita più lento e rilassato.

Secondo questa filosofia, la chiave della felicità e del benessere è dare la priorità a quelle abitudini che promuovono l’equilibrio tra corpo e mente; così come lo sviluppo integrale della persona. Ad esempio, passare più tempo con i propri cari, fare esercizio fisico o mentale, fare viaggi per rilassarsi e prendersi del tempo per riposarsi. Scopriamo di più sullo slow life.

Cos’è lo slow life?

Slow life significa letteralmente “vita lenta” e si riferisce a una corrente o movimento culturale internazionale che promuove uno stile di vita decelerato. Vengono privilegiati gli aspetti quotidiani fondamentali, come il riposo, la comunicazione, il cibo, il qui e ora e le relazioni interpersonali.

L’approccio di base dello slow life è che il ritmo di vita attuale, soprattutto nella cultura occidentale, è insostenibile e malsano. Il lavoro ha la priorità assoluta rispetto ad altri aspetti della vita; predomina il consumismo scatenato che non vuole farci riflettere su nulla e che ci impedisce di goderci appieno la nostra esistenza.

Slow life non significa essere pigri o lavorare poco. Ma implica prendere la vita in un altro modo, lasciando da parte la fretta che domina i nostri giorni e godendoci ogni azione, ogni momento e ogni persona.

Come è nato questo movimento?

Lo slow life è nato alla fine degli anni ’80 in Italia, in risposta all’invasione di fast food o cibo spazzatura. Il sociologo Carlo Petrini si è ribellato all’apertura di un MacDonald’s a Roma e ha fondato il movimento slow food (“slow food”), che propone un ritorno ai valori tradizionali della gastronomia.

Questo significa rispetto per i prodotti naturali, il consumo di alimenti biologici e non trasformati, la preferenza per i prodotti locali e di stagione, e la sostenibilità di tutti i processi legati al cibo.

Allo stesso modo, anche lo slow food postula un’alimentazione consapevole, il che implica la possibilità di prendersi il proprio tempo per assaporare il cibo, soffermandosi ad apprezzare i profumi, i colori e le consistenze di ogni boccone. Insomma, per vivere un’esperienza più appagante, incompatibile con la fretta.

Sin dalla sua fondazione, il movimento slow food ha guadagnato sempre più sostenitori e oggi conta migliaia di seguaci in tutto il mondo. Poco dopo la sua creazione, il concetto slow si è diffuso ad altri campi, come il lavoro, il turismo, l’istruzione, il sesso e la moda.

Infatti, oggi possiamo trovare slow cities in tutti i continenti, che sostengono uno stile di vita più lento, hanno mercati con prodotti biologici, edifici sostenibili e ristoranti con i propri giardini.

Esiste anche un sito web specializzato che spiega cosa sono queste città e quali principi rispettano.

L’insieme di tutte queste pratiche lente è ciò che oggi chiamiamo slow life. Il termine è stato coniato al giornalista e scrittore canadese Carl Honoré, autore del libro In Praise of Slowness.

Città piena di gente senza vita lenta.
Le città tendono ad avere un ritmo di vita accelerato a causa delle diverse occupazioni dei loro abitanti.

9 chiavi per mettere in pratica la filosofia slow life

Lo slow life è un ottimo modo per godersi di più la vita ed evitare lo stress. Ma applicarlo può essere una vera sfida, dal momento che siamo molto abituati a ritmi veloci e al sovraccarico di obblighi.

Tuttavia, non è impossibile. Possiamo iniziare adottando gradualmente le abitudini lente nella nostra routine. Detto questo, ecco alcune semplici linee guida.

1. Essere consapevoli del momento presente

Come abbiamo già detto, slow life non è sinonimo di mancanza di attività, quindi non va inteso come ozio o pigrizia. In effetti, questo movimento non si riferisce al fare la stessa cosa, ma più lentamente.

Al contrario, è più legato al prendere coscienza dell’adesso, concentrando la nostra mente su ciò che stiamo facendo in ogni momento, senza l’interferenza di pensieri sul passato o sul futuro.

Una delle tecniche più efficaci per imparare a concentrarsi sul momento presente è la mindfulness. Aggiungendo questa pratica alla routine quotidiana, inizierete a notare dei cambiamenti nel modo in cui percepite e apprezzate ogni momento.

2. Slow life: godersi la natura

Il contatto con la natura ci invita a rallentare e contemplarne la maestosità. In effetti, è stato dimostrato che gli ambienti naturali migliorano il nostro benessere generale.

Non è necessario lasciare la città e andare a vivere in campagna per poter apprezzare la natura. Possiamo connetterci con essa passeggiando nelle aree verdi della zona in cui viviamo o facendo esercizio in ambienti naturali.

3. Entrare in contatto con le persone intorno a noi

Il ritmo frenetico della vita e la crescente diffusione dei social network rendono sempre più difficili la comunicazione faccia a faccia e il contatto genuino con chi ci circonda.

Pertanto, è importante valorizzare le nostre relazioni, facilitare i tempi di incontro e garantire che l’impatto delle nostre vite sul resto della comunità sia positivo. In questo caso la comunicazione e l’ascolto sono pilastri fondamentali.

4. Evitare il consumismo

Il consumismo ci fa credere che abbiamo bisogno di determinati prodotti per essere felici. Quando in realtà abbiamo bisogno di poche cose materiali per raggiungere quello stato.

Quindi, per sviluppare uno stile di vita slow life, dobbiamo conoscere noi stessi, analizzare la nostra vita e pensare a ciò di cui abbiamo veramente bisogno per essere felici. In altre parole, questo movimento ci invita ad essere dei consumatori consapevoli, che acquisiscono ciò di cui hanno bisogno e sono responsabili nei confronti dell’ambiente.

5. Usare la tecnologia per semplificare la vita

Il movimento slow life non è contro la tecnologia. Al contrario, ne promuove l’uso, purché ci aiuti a condurre una vita più piena, più felice e più sostenibile. L’ideale è ricorrervi come mezzo o strumento, invece che fine a se stesso.

6. Esercitarsi a mangiare lentamente

Al momento di mangiare, assaporare il cibo, masticare bene e gustare il cibo. Evitare di mangiare mentre guardiamo il cellulare o il computer e cercare di condividere questo momento con altre persone.

In questo modo, non solo vi connetterete con chi vi circonda, ma il vostro corpo si sazierà prima e vi aiuterà a perdere peso. Sarete più consapevoli di ciò che mangiate.

7. Equilibrare lo stress con il rilassamento

Sappiamo che può essere molto difficile lasciare andare gli obblighi. Tuttavia, possiamo compensare i picchi di lavoro e le attività in eccesso facendo spazio ad attività che ci consentono di rilassarci.

Ad esempio, andare a correre, fare yoga, leggere, fare artigianato, fare una passeggiata. L’ideale è che praticare degli hobby che invitino a fermarsi, a connettersi con se stessi e a riflettere.

Leggere per avere una vita lenta.
La lettura crea uno spazio di relax e calma che aiuta a organizzare la vita in modalità slow.

8. Evitare il multitasking

Il multitasking è spesso associato a produttività ed efficacia. Tuttavia, la realtà è che la nostra capacità di prestare attenzione e concentrazione è limitata.

Quindi dedicarci a più compiti in un solo momento non fa altro che danneggiare le nostre prestazioni. La frustrazione e lo stress sono incoraggiati.

Pertanto, vi consigliamo di fare una cosa alla volta e di fare brevi pause tra un’attività e l’altra. Questo vi manterrà più concentrati su ciò che state facendo e conserverà i livelli di energia durante il giorno.

9. Organizzare la propria giornata

Per evitare la sensazione di mancanza di tempo, l’ideale è poter pianificare la giornata. Bisogna farlo con basse aspettative sulle attività che vogliamo affrontare, poiché sorgono sempre imprevisti che ci fanno modificare l’agenda.

Inoltre, in questa pianificazione bisogna riservare uno spazio per fare le cose che vi piacciono e che  i permettano di staccarvi dagli obblighi. Solo così vi sentirete bene e riposati.

Slow life: un modo per essere più felici?

Chi pratica questo stile di vita afferma che sì, lo slow life li ha aiutati ad essere più felici. Ciò significa riadattarsi e continuare ad andare avanti con idee e obiettivi molto più chiari.

Pertanto, se volete sentirvi più realizzati, adottare lo slow life potrebbe essere un buon punto di partenza.

Potrebbe interessarti ...
Aspettativa di vita: 7 regole per vivere più a lungo
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Aspettativa di vita: 7 regole per vivere più a lungo

Una buona aspettativa di vita non è solo questione di genetica. Rivedere le nostre abitudini è un aspetto importante della longevità.