Smoothie alle carote e benefici per la salute

Le carote contengono vitamine, minerali, fibre e sostanze antiossidanti che promuovono il benessere. Che ne dite di provare uno smoothie alle carote?
Smoothie alle carote e benefici per la salute

Ultimo aggiornamento: 29 dicembre, 2020

La carota è uno degli ortaggi che non deve assolutamente mancare nella nostra alimentazione, non solo per la quantità di nutrienti che contiene, ma anche perché ben si sposa a numerose ricette. In questo articolo, spiegheremo come preparare uno smoothie alle carote e i benefici che possiamo trarne.

Consumare smoothiesalle carote o qualsiasi altro ortaggio, ci permette di assumere nutrienti, soprattutto vitamine, minerali e antiossidanti. La carota in particolare, con il suo colore arancione è particolarmente gustosa e il suo sapore dolce delizierà il palato di grandi e piccini. Che ne dite di provarlo?

Benefici delle carote

Il nutriente maggiormente presente nella carota è la vitamina A. Secondo i dati della Fondazione Spagnola della Nutrizione, una carota di dimensioni medie soddisfa l’89% del fabbisogno giornaliero di questa vitamina per gli uomini dai 20 ai 3 anni e il 112% per le donne della stessa fascia d’età.

Allo stesso modo, contiene una quantità apprezzabile di carboidrati, dei quali una percentuale non indifferente è costituita da fibra solubile. Ma le carote apportano anche altre vitamine – sebbene in quantità inferiori – come la vitamina C e la vitamina B6, e alcuni minerali come ferro, iodio e potassio. Vediamo nel dettaglio i benefici per la salute.

Versare smoothie alle carote nel bicchiere.
La carota è un alimento versatile e nutriente. In particolare, è fonte di vitamina A, fibre e antiossidanti.

Migliora la vista

Tra i carotenoidi con attività vitaminica (protovitamina A) risaltano betacarotene, carotene e luteina. Una volta ingeriti queste sostanze, l’organismo li trasforma in vitamina A, la quale protegge la vista.

Il consumo di carote è dunque consigliato per prevenire la cecità, la secchezza oculare e per mantenere integra la retina e le cellule oculari. In merito a ciò, in uno studio pubblicato sulla rivista JAMA Ophthamology si legge che i carotenoidi riducono il rischio di degenerazione maculare associata all’età (disturbo che distrugge la visione centrale e acuta).

Protegge la salute cardiovascolare

Grazie al basso contenuto di sodio, la carota previene le malattie cardiovascolari. Oltre a ciò, presenta un notevole contenuto di acqua e fibra dietetica. Quest’ultima, riduce l’assorbimento intestinale del colesterolo.

Previene anche l’eccesso di colesterolo cattivo (LDL) nel sangue. Per questo motivo, includere le carote nella propria alimentazione può prevenire l’insorgenza di ictus e infarti.

Migliora la digestione

Questo vegetale è un buon regolatore della salute digestiva e intestinale. Consumare tutti i giorni un bicchiere di succo di carota è un modo efficace per aumentare l’apporto di fibre solubili e insolubili nella dieta. Nel dettaglio, queste aiutano a:

  • Normalizzare il transito intestinale.
  • Formare e aumentare le dimensioni delle feci.
  • Prevenire la stitichezza.
  • Mantenere la salute intestinale e digestiva.

Secondo uno studio pubblicato nel 2015 sulla rivista scientifica Medicentro, i succhi di carota hanno un importante effetto gastroprotettore e prevengono le ulcere gastriche.  

Rinforza il sistema immunitario

L’apporto di vitamina A, C, K, B6, di potassio, di fosforo e degli altri minerali presenti nella carota, aiuta a mantenere attivo il sistema immunitario. Ciò diminuisce il rischio di vari tipi di infezioni.

Ricetta dello smoothie alle carote classico

Preparare uno smoothie è molto semplice, poiché prevede solo latte o acqua e un frutto o un ortaggio. Nel caso dello smoothie alle carote useremo  l’acqua. Per prepararlo basteranno solo 5 minuti. Peraltro, è un ottimo modo per scoprire il mondo dei succhi vegetali. Prendete carta e penna!

Ingredienti

  • 2 carote medie.
  • 1 tazza di acqua fredda (250 ml).
  • Ghiaccio a piacere.
  • Dolcificante (facoltativo).

Procedimento

  • Lavate le carote e rimuovete gli estremi, non è necessario sbucciarle.
  • Tagliatele in piccoli pezzi e mettetele nel frullatore.
  • Aggiungete l’acqua fredda e azionate il frullatore fino a ottenere lo smoothie.
  • Versatelo in un bicchiere, aggiungete il dolcificante se lo preferite e bevetelo.

Questa è la versione classica dello smoothie alle carote, ma a questa ricetta potete aggiungere altre verdure o frutta, e ottenere sapori deliziosi.

Aggiungendo altri ingredienti, assumerete ulteriori nutrienti. Potete aggiungere fragole, arance, prezzemolo, zenzero o qualsiasi altro vegetale voi preferiate.

Smoothie alle carote in bottiglia di vetro.
Oltre a essere nutrienti, lo smoothie alle carote è anche saziante. Si tratta dunque di un’ottima opzione per calmare la fame senza assumere molte calorie.

Smoothie alle carote con arancia e zenzero

Una variante della ricetta classica. La combinazione di carote, arancia e zenzero può essere un’opzione rinfrescante, inoltre l’apporto di vitamina A e C e di sostante antiossidanti sarà maggiore. Segnate questa ricetta per le giornate più calde.

Ingredienti

  • 3 carote.
  • 4 arance.
  • 1 pezzo di zenzero fresco.
  • 1 bicchiere di acqua fredda (200 ml).
  • Ghiaccio e dolcificante (a piacere).

Procedimento dello smoothie alle carote

  • Lavate le carote fino a pulirle del tutto, rimuovete gli estremi, tagliatele in pezzi piccoli e metteteli nel frullatore.
  • Lavate le arance, rimuovete la scorza(inclusa la parte bianca), tagliatele a metà e togliete i semi. Se ne dimenticate alcuni lo smoothie avrà un sapore amaro. Quando avrete finito, mettetele nel frullatore insieme alle carote.
  • Lavate lo zenzero. Non è necessario sbucciarlo, la buccia non ne altererà il sapore. Aggiungetelo agli altri ingredienti.
  • Versate il bicchiere di acqua fredda e il ghiaccio. Se il vostro frullatore non è molto potente, aggiungete il ghiaccio solo quando il frullato è già pronto.
  • Azionate il frullatore per 2 minuti o fin quando avrete ottenuto una bevanda omogenea.
  • Se lo preferite, potete aggiungere un dolcificante. Vi consigliamo di sceglierne uno senza calorie per non aumentare troppo le calorie del succo.
  • Versate in un bicchiere e gustatelo.

Godetevi questo squisito smoothie alle carote e approfittate dei suoi benefici

Lo smoothie alle carote, o di qualsiasi vegetale crudo e fresco, offre all’organismo tutti i composti bioattivi in esse contenuti. In questo modo, potete migliorare la qualità della vostra alimentazione gustando deliziose bibite sazianti.

Il consumo regolare di questa bevanda e una dieta basata su prodotti naturali e di qualità proteggono la vista, la digestione, la salute cardiovascolare e prevengono l’insorgenza di diverse malattie. Non esitate a provarla!

Potrebbe interessarti ...
Smoothie bowl: una colazione completa
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Smoothie bowl: una colazione completa

Cos'è uno smoothie bowl? In parole semplici, si tratta di un semplice frullato di frutta a cui aggiungere altri ingredienti.



  • Caballero-Gutiérrez, L., & Gonzáles, G. F. (2016). Alimentos con efecto anti-inflamatorio. Acta Médica Peruana33(1), 50-64.
  • FEN. Zanahoria. Carrot Daucus carota L. Disponible en: https://www.fen.org.es/MercadoAlimentosFEN/pdfs/zanahoria.pdf
  • Eliassen, A. H., Hendrickson, S. J., Brinton, L. A., Buring, J. E., Campos, H., Dai, Q., … & Hallmans, G. (2012). Circulating carotenoids and risk of breast cancer: pooled analysis of eight prospective studies. Journal of the National Cancer Institute104(24), 1905-1916.
  • SanGiovanni, J. P., Chew, E. Y., Clemons, T. E., Ferris 3rd, F. L., Gensler, G., Lindblad, A. S., … & Sperduto, R. D. (2007). The relationship of dietary carotenoid and vitamin A, E, and C intake with age-related macular degeneration in a case-control study. Arch Ophthalmol125(9), 1225-1232.
  • Cárdenas, M. D. L. Á. B., Valido Díaz, A., Pizarro Espín, A., & Álvarez, C. S. (2015). Effects of carrot (Daucus carota), cabbage (Brassica oleracea) and potato (Solanum tuberosum) juices as gastric mucosal protections. Medicentro19(2), 80-87.